Mercato 2012, chi avrà ragione?

Chi avrà fatto l’acquisto migliore, qual’è quello più dubbioso e chi rimarrà sorpreso durante la stagione, ecco come la vediamo.

 

 

 

 

I MIGLIORI

– Jason Terry (34 anni, SG): Dopo otto stagioni ai Dallas Mavericks, Jason Terry si è accasato ai Boston Celtics, il titolo tanto cercato e alla fine conquistato un paio d’anni fa l’ha reso abbastanza appagato infatti nella scorsa stagione è stato molto al di sotto delle sue possibilità. Boston che cercherà sicuramente di vincere l’anello gli può dare nuovi stimoli e nuove motivazioni e siamo sicuri che il “Jet” ritroverà quella voglia di tornare ad essere un pratagonista vincente.

Ray Allen (37 anni, SG): Qualche anno in più sulla carta di identità, qualche acciacco in più ma la mano di “He Got Game” resta la più educata della Lega e adesso, con un minutaggio ridotto e un LeBron James a passargli la palla, potrà esser ancor più pericoloso e di certo va a completare una squadra che aveva proprio nel tiro perimetrale la sua falla. (-F.M.B-)

O.J. Mayo (24 anni, SG): Mark Cuban cercava un esterno con punti nella mani e difesa e si è accaparrato niente meno che O.J.Mayo, uscito da Memphis con voglia di rivincita ma soprattutto con tanta nuova energia, energia che tanto era mancata lo scorso anno. L’ex Memphis servirà per dare quell’imprevedibilità che ormai si era perduta nello spot guardie dei Mavericks e ridare anche nuovi stimoli a Dirk Nowitzki.

Andre Iguodala (28 anni, SF): Otto stagioni ai 76ers fatte di luci ed ombre sapendo sempre di essere il leader che non potrà mai vincere e finalmente è arrivata la possibilità di cambiare. Tra le montagne del colorado Iguodala troverà un sistema che gli calza a pennello, un sistema dove lui potrà esaltare ancora di più le sue caratteristiche e magari fare quel salto di qualità che ancora gli manca.

Dwight Howard (26 anni, C): Finalmente la telenovela Howard è finita, è andato ai Los Angeles Lakers squadra che gli potrà finalmente dare quella possibilità tanto cercata di vincere un anello. Ai Lakers, Bynum e Gasol non potevano più giocare insieme, e Howard con l’acquisto in regia di Steve Nash rappresenta la miglior soluzione perchè più agile e più forte nei pick’n roll. A tutto l’ambiente giallo-viola porta nuovi stimoli e tanta nuova voglia di vincere, che li rilancia letteralmente appunto per la corsa al titolo.

SORPRESE

Brandon Roy (28 anni, SG): La sorpresa più dolce è quella del ritorno inaspettato di Brandon Roy; giocherà ai Minnesota Timberwolves che hanno creduto in lui, ed è sicuramente una squadra che lo potrà aspettare, il talento cristallino è rimasto e noi confidiamo in lui, siamo convinti che ci stupirà.

Andrew Bynum (24 anni , C): Il centro ex gialloviola non poteva, come già anticipato prima più coesistere, con Pau Gasol ma anche con tutto l’ambiente losangelino. I Lakers credo se ne siano liberati un po’ a malin cuore, però anche lui dentro di se sapeva che aveva bisogno di altro. Una franchigia come i 76ers che credeva totalmente in lui e gli dava in mano le chiavi della squadra; farà la differenza.

Alexey Shved (23 anni, PG): Dopo delle Olimpiadi giocate con una sicurezza impressionante, e dopo averci mostrato tutto il talento e il baglio tecnico di cui dispone, siamo tutti curiosi di vedere su un palquet NBA l’ex CSKA. Visto il carattere del ragazzino sembra che nulla gli faccia paura ed è pronto a sorprendere.

DUBBIOSI

Steve Nash (38 anni, PG): 38 anni e non sentirli per il play canadese che a fine carriera ha scelto di rimettersi in gioco in una franchigia come quella dei Los Angeles Lakers dove deve assolutamente far girare la squadra e puntare dritta al titolo. L’incognità è l’età, sarà titolare, ma potrà fare il titolare come 5/6 anni fa?

Lamar Odom (32 anni, SF) Cacciato letteralmente dalla sponda prelibata di Los Angeles, ripreso a braccia aperte, dopo una parentesi da dimenticare a Dallas, dall’altra sponda quella denigrata che l’aveva lanciato nel mondo NBA. Forse il fatto di essere tornato a casa potrebbe riaccendergli quella lampadina che si è spenta un anno fa, ma chi scomette su Lamar Odom?

Joe Johnson (31 anni, SG): 7 stagioni ad Atlanta con delle ambizioni mai cambiate, quelle di arrivare ai playoff e stupire, ma mai puntare a qualcosa di più. L’ex Phoenix Suns potrà essere quel giocatore in grado di trascinare i Brooklyn Nets fino in fondo?

Nico P

Nico P

Appassionato di ogni tipo di sport, con il basket a svettare nella sua classifica, tifo Lakers e Broncos con la preferenza sempre verso la squadra più debole.

Nickname: Nico P

  • gasp

    Io avrei messo grant hill sulle soprese perche anche se non è più quello di detroit e ha quasi 40 anni puo portare esperienza e qualita ai clippers

  • rdonnie88

    Su allen, “e con un james a passargli la palla potrà essere ancora più pericoloso” vedi che prima gliela dava Rondo mica mia nonna!

  • @rdonnie88 il significato è che avrà un altro super passatore con cui giocare

  • RR9

    si, anche perchè è vero che Rondo tendeva a passarla a chi voleva lui ( o l’omino del suo cervello..), ma è altrettanto vero che LBJ TENDE A CHIUDERE SE ATTACCA il ferro talvolta…

  • RajonRondo

    Io penso che il migliore sia Iggy, ma anche il jet e Mayo sono dei buoni colpi di mercato

  • black mamba

    steve nash sui dubbiosi? Mah non capisco proprio fisicamente è integro non è in caduta libera come Jason kidd…con questo non deve perforare come Rondo e cp3 ma far girare i Lakers con quel potenziale! Howard Si sposa a pennello con il suo gioco

  • Il Nichilista

    Non capisco perchè Bynum è inserito tra le sorprese e non tra i migliori, dove invece c’è OJ Mayo che l’anno scorso ha fatto letteralmente pena. A rigor di logica andrebbero nettamente invertiti

  • davide85

    Io invece kidd ho notato un calo sicuramente nelle statistiche ma lo vedo molto + solido e integro rispetto a nash, quindi a NY non potra sicuramente fare la differenza a livello statistico ma potra essere utile x la gestione dei momenti importanti… Terry mi sembra un acquisto da molti sottovalutato x boston, puo ancora dare tanto, shved invece mi da l idea che fara un po di fatica…

  • davide85

    …Kidd solido e integro rispetto a nash intendo fisicamente…

  • black mamba

    Si ok ma l impatto che da nash rispetto a kidd adesso è sotto gli occhi di tutti,se tu 6 una franchigia ti prendi nash o kidd?fermo restando che Si parla dei 2 play più forti del decennio

  • davide85

    Si hai ragione prenderei anche io Nash, ma con questo credo che NY x quello che c era in giro, potrebbe aver preso una pedina importante, che nn ti fa vincere le partite certo, ma ke mette un po di ordine e gestisce le molte teste calde dei knicks

  • Zotal

    diciamo che a Brooklyn il giocatore piu’ importante resta Deron,JJ comunque credo che un “minimo” di differenza passando daTeague e Deron la sentira’,poi non vinceranno il titolo pero’ come backcourt sono uno dei primi 3 della lega a mani basse per me…sono stato sorpreso che OJ abbia accettato un offerta coi’ bassa dai Mavs,pensavo che alla fine avrebbe spuntato molti piu’ soldi…Odom e’ un incognita, come si gioca comunque non se lo e’ dimenticato,se fa il professionista e’ un grandissimo acquisto per i Clips, Shved alle Olimpiadi mi e’ piaciuto tantissimo pero’ la NBA e’ proprio un altra cosa, chissa’

  • in your wais

    Mah, credo che per Nash il problema sia vedere che tipo di impatto possa avere in un sistema totalmente diverso da quello cui è stato abituato per 15 anni…Brown gli darà le chiavi della squadra ma fino ad un certo punto, Kobe dubito che aspetti in un angolo i pick and roll di Steve…

    Quindi potrebbero fare il botto in positivo, sfruttando uno i punti di forza dell’altro, ma anche faticare a trovare un modus operandi…certo però che se pensiamo a chi c’è stato negli ultimi anni, difficile non pensare che sia un upgrade

    Su Joe Johnson non sono d’accordo, io lo ritengo comunque un eccellente giocatore, solo non un franchise player come direbbe il suo stipendio. Scaricato da qualsiasi obbligo di regia, con un play vero a rifornirlo di assist e scarichi, io credo sarà sempre attorno ai 20 di media, e vedo Brooklyn abbastanza tranquilla ai PO

    Anche io avrei messo Bynum tra i “più”, è nel suo contract year, se nn si rompe per me potrebbe pure andare sui 20+10, e glie lo auguro dato che tecnicamente è il miglior 5 della Lega

  • Marimba1

    Avrò ragione io …. Bryant è strafinito

  • Michael Philips

    IYW

    Se pensiamo che bynum l’anno scorso ha chiuso a 19+12 giocando da terzo violino, “accontentandosi” delle bricciole lasciate da kobe e pau(23 tiri + 14).

    Giocando da primo violino, se rifornito con continuità per me faticherà ad andare sotto i 20-21 pts di media, che arrivano tralaltro con ottime % dal campo(56%) e buone ai liberi(69%).

    Phila con lui(si spera sano) + turner senza la scusa di iguo + i due young(nick e thaddeus), j-richa e hawes come cambio di andrew, possono davvero combinare qualcosa di buono.

    Riguardo i lakers, non vedo l’ora di vederli. Curioso anche di vedere quale ruolo avrà howard in attacco, dove per la prima volta non sarà il primo violino, (ma forse nemmeno il secondo) e non avrà più scusanti di alcun tipo.

    Il rapporto nash&kobe per me potrebbe dare risultati estremi, o in negativo o in positivo. Non credo che la convivenza non possa portare enormi cambiamente nel gioco di entrambi.

    L’unica cosa che impedisce a questi lakers di essere nettamente i favoriti(ora sono “solo” tra i favoriti) è il fatto di essere gestiti da mike brown, che sarà bravo a livello tattico, ma che lascia a desiderare in quanto a gestione dei giocatori. Insomma, non è riuscito minimamente a gestire il solo kobe, ora c’è anche howard.

  • Zotal

    credo non si sia capito cosa volevo dire su JJ,credo che sara’ molto piu’ efficace con uno come Deron affianco,primo perche’ passa meglio la palla,attrae molto di piu’ i difensori e permettera all’ex Hawks di giocare piu’ off the ball,magari lasciandolo un po’ piu’ fresco in difesa,dove non e’ male quando ne ha voglia..

  • tifoso miami

    Scusate, ma a me non pare che la principale falla di Miami fosse quella del tiro perimetrale, anzi da anni si dice che in questa squadra quello che manca è un play e soprattutto un centro.. questa credo sia la falla più grande… Tiratori perimetrali mi pare ce ne fossero anche l’anno scorso (Battier, Chalmers, Miller, James Jones)

  • shaq4ever

    tifoso miami
    secondo me è un gran colpo:
    chalmers non è un tiratore puro, ha avuto un’ttima annata al tiro proprio per gli spazi creati da lbj in primis o comunque dall’attenzione delle difese ai due(tre) amici.. se metti il miglior tiratore da 3 in squadra o tira col 50% o le difese dovranno fare maggior attenzione lasciando un po’ più liberi gli altri.
    miller è indeciso sul ritiro, sempre infortunato. decisamente non ci si può fare affidamento
    jones sembrava certo del ritiro e comunque è uno monodimensionale che difficilmente potrà stare in campo quando serve
    battier è utilissimo ma comunque gioca in un altro spot (marcando ale piccole e grandi insieme a lebron quando si va col quintetto basso) e da 3 non è stato certo affidabile. avendo visto buona parte delle partite della regular e tutti i playoff ti posso assicurare che ha sbagliato di tutto da 3, tirando la maggior parte delle volte con almeno 2 metri di spazio. giocherà eccome ma per la difesa. in stagione il 34% da 3, nei playoff ha avuto il 32% nel 1° turno, il 27% nel 2° e il 35° da 3. solo in finale l’ha messa con continuità

    inoltre miami non ha assolutamente bisogno di un play, visto che c’è lebron che sta facendo vedere cose eccellenti. non serve proprio uno che gli porti via la palla
    il centro servirebbe eccome ma sembra che ormai giocheranno spesso e volentieri con 4 piccoli e bosh/haslem centro, quindi sarebbe poco utile. senza considerare che con 3 milioni di stipendio non riusciresti a prendere sto gran centro

    in più allen ti dà anche una discreta difesa, esperienza enorme e soprattutto affidabilità ai liberi e freddezza nei momenti clutch che proprio mancano agli heat

  • Zotal

    per me con Allen la musica cambia parecchio agli Heat,a mio modestissimo parere c e’ un mondo di differenza tra James Jones,il Miller attuale (poco piu’ di un ex giocatore per le sue condizioni fisiche disastrose),Chalmers e il Ray Allen attuale che sta diventando monodimensionale per via del fisiologico calo fisico pero’ comunque per Wade e James avere Allen sul perimetro fara’ impazzire le difese avversarie,Battier in Finale e’ stato efficacissimo pero’ non credo ai poff puoi sempre contare su di lui che non sbaglia un tiro quando e’ smarcato anche perche’ viene usato molto come specialista difensivo,Allen da molte piu’ garanzie in attacco e Lewis per una 15ina di minuti e’ un cambio di lusso per Bosh…io li vedo rinforzati,sempre considerando che i Big 3 riescano a garantire il rendimento della scorsa stagione

  • tifoso miami

    Ragzzi non ho assolutamente detto che non sia un gran colpo, anzi per me è un grandissimo colpo e sono d’accordo con voi nella vostra disamina… Io volevo sottolineare solo che – ammettendo che Chalmers non sia tiratore purissimo, Battier non sia continuo, ecc ecc – non mi pare fosse quella la falla principale di Miami, come invece è scritto nell’articolo…

  • hanamichi sakuragi

    concordo con l’analisi di shaq… per me ray con gli spazi aperti da james e wade alzerà di molto le sue %..