Wallace-Knicks, sempre più vicini!

Tra il veterano e New York il feeling sta aumentando e lo stesso agente del giocatore pone le basi per un matrimonio.

Il wotk-out di Rasheed Wallace (38 anni) per i New York Knicks sta dando molti frutti ad entrambe le parti e recentemente proprio l’agente di “O’Professore“, Bill Strickland, si è espresso favorevolmente in merito al papabile ingaggio del suo assistito nella Grande Mela.

Al New York Times il rappresentate di Wallace ha evidenziato coem sia lo stesso giocatore a gradire particolarmente i Knicks: “Se Rasheed è uscito dal ritiro vuol dire che la situazione e il roster dei Knicks sono giusti per la sua leadership e il suo talento” aggiungendo: “Non ho avuto ancora nessun incontro ufficiale con la dirigenza di NY, comunque credo che quando accadrà non ci saranno problemi perché la decisione spetterà al giocatore”.

Strickland è l’agente di Sheed dal quando entrò nell’NBA, 1995, quindi lo con0sce molto bene: “Mi dice sempre che deciderà lui che fare del futuro, io lo conosco meglio di tante persone in questo business e so che può valutare questa situazione” inoltre, se Wallace dovesse firmare con i Knickerbockers, ritroverebbe in panchina quel Mike Woodson che fu assistente di Larry Brown nell’annata del titolo a Detroit: “È una figura positiva e non credo che avranno problemi i due”.

 

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA.
Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12.

Nickname: F.M.B

  • Procionide

    Wallace, Stoudamire, Anthony… vedo già l’armata del caos all’orizzonte!

  • mad-mel

    Sempre più droga a New York.
    Ho venerato Wallace ma ormai è passato.
    Troppa confusione, come sempre, nella dirigenza ny.
    Abbiamo una età media di squadra che fa spavento ai sassi.
    Capirei questa campagna acquisti (camby Thomas Wallace Kidd ecc..) se fossimo una contender già bella e pronta per il titolo, ma non lo siamo.
    Non c’è un progetto nel futuro, proprio zero.
    L’anno prossimo voglio proprio vedere cosa faremo in termini di rosa, soprattutto a livello di play e guardie.
    Carmelo andrà per i trenta Amare li ha già fatti….
    L’unico giovane che aveva potenzialità è andato a Houston perchè chiedeva un paio di milioni in più nel contartto e devo capire il perchè, visto che per i Knicks il problema di soldi e luxury tax è l’ultimo dei problemi soprattutto con il mercato asiatico.
    Abbiamo una bella paccotiglia di giocatori con osteoporosi.

  • salviamo trigari

    Concordo con mad-mel
    sheed é stato un giocatore unico nel suo genere e chiunque ami questo sport non potrà mai disprezzarlo, ma dopo anni di pensione cosa potrà mai dare a una squadra con ambizioni? farebbe poi compagnia ad altri vecchietti, cos’è un roster NBA o un geriatrico? Da notare come cambiano gli uomini al comando ma la dirigenza newyorchese non da mai l’idea di avere un piano ben delineato, un progetto o qualcosa del genere.
    Non credo che Lin sia un giocatore che ti fa fare il solo di qualità, ma non confermarlo per motivi economici é una scusa palese, qualcuno non lo voleva nello spogliatoio e soprattutto non lo voleva nelle fantasie dei tifosi…

  • in your wais

    Mah, io credo che si, molte mosse di NY in questi anni o anche ultimamente sono state fallimentari o quanto meno poco comprensibili, ma non sarei neanche troppo negativo

    Questa squadra avrà per la prima volta la possibilità di farsi un training camp tutti assieme, è vero ha molti veterani ma tutti con un ruolo ben preciso (Kidd deve fare da chioccia, Camby e Thomas giocheranno pochissimo)

    E se stanno pensando di mettere sotto contratto Sheed, deduco che lo stesso debba aver dato prova di condizioni fisiche quanto meno sufficienti. Al limite capisco meno lui, certo vivere a NY deve essere il massimo, ma livello di teams, forse avrebbe potuto andare in squadre più adatte a lui, e più vicine al top (penso agli Spurs, ed ovviamente ad Heat e Lakers)

    E’ vero che nn gioca da 2 anni, ma la classe è quella, e l’ultima stagione a Boston pareva Ciccio Bombo Cannoniere. Basterà tenere sotto controllo il fisico per avere un rendimento secondo me accettabile

    Comunque complimenti per l’alchimia e la chimica che si sta cercando di costruire ai Knicks, immagino che atmosfera evangelica si respirerà in spogliatoio. Tra persone socialmente pericolose e crani disabitati, il coach potrebbe dover ricorrere all’analista in tempi brevi

    Melo, Stat, Chandler, Camby, JR, Shumpert, Kurt Thomas e le sue tendenze omicide, ed ora Sheed. Speriamo a questo punto che KMart ci ripensi e firmi per loro, e che il Barone recuperi presto dall’infortunio. La Banda Fratelli gli fa una pippa

  • tom

    questa versione dei knicks mi piace.
    non ha niente a che vedere con quella pre-d’antoni, quella squadra non aveva spina dorsale.
    i knicks 2013 invece sono affascinanti… cert,o non degli stinchi di santo e lin “lì-n”el mezzo sarebbe stato fuoriluogo come la carica dei 101 nel catalogo della digital playground.
    in your wais, dimentichi che anche kidd non brilla per autocontrollo… quindi si può benissimo dire che il team è altamente instabile, almeno visto da fuori con gli occhi di appasionati.
    un deca ce lo spenderei su questa pentola a pressione perchè non sarebbe una novità che una squadra formata da caratteri incendiari tragga forza dalla loro stessa natura e sorprenda tutti in un impeto di rivalsa verso le anime candide spesso semplici iprociti, moralisti d’apparenza.
    nella storia recente mi viene a mente detroit, new york, indiana, portland, esempi fulgidi quanto fugaci di cattivi (vincenti) ragazzi.

  • Magic

    A me la squadra non dispiace affatto, e poi oggi come oggi i veterani danno più garanzie di tanti ventenni e venticinquenni incapaci. Io preferisco un trentottenne che sa giocare, con classe, conoscenza del gioco e capacità di giocare sotto pressione piuttosto che un venticinquenne atletico, resistente, ma incapace di segnare o di fare un movimento od una difesa utile nei momenti topici delle partite.
    Sul capitolo Lin: secondo me non va lontano, al massimo lo vedo ai livelli di un Dragic, e dico al massimo. Quindi un buon giocatore, però non una stella che sposta gli equlibri di una squadra.

  • A me new york piace, ha tutti giocatori che mi stanno simpatici, se ci andassero sheed e t-mac poi sarebbe la fine del mondo. Farei un quintetto Baron Jr T-Mac Sheed Chandler. Sarebbero uno spettacolo mai visto su un campo di basket altroché lakers o miami, altroché chicago di jordan o celtics di bird…la squadra più simpatica e talentuosa di sempre 🙂

  • max

    questi se và bene fanno 48-34 in stagione e fuori max al secondo turno ai playoff