Griffin contro le regole del flopping

L’alfiere di CP3 recentemente rivelato che non gradisce i provvedimenti che la Lega ha preso in merito ai casi di simulazione.

Nella serata di ieri vi aveva riportato i provvedimenti ufficiali che l’NBA ha preso contro i simulatori (CLICCA QUI per leggerli) e subito sono arrivate le prime critiche, il primo a lamentarsi è stato quel Blake Griffin (23 anni) che durante la serie di Playoffs contro i Memphis Grizzlies fu ripetutamente accusato di simulare da giocatori e che si prese pure dell’attore da parte di DeMarcus Cousins (22 anni).

Ad NBA On Yahoo Griffin non ha usato mezzo termini: “Non si tratta di vincere o perdere per qualcuno, è solo un nuovo metodo per l’NBA di fare cassa” aggiungendo: “Da una parte è una cosa giusta affinché certe scene non si vedano più, però mettiamo che siamo a Gara7 delle NBA Finals e un giocatore ha l’occasione di fare una giocata del genere, secondo te a cosa pensa: “Voglio vincere il titolo o dare $10 mila?””.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B