Karl incorona Iguodala e lui accetta il ruolo!

L’ex Philadelphia ha già stregato il coach dei Nuggets che lo ha messo in cima al roster per leadership e talento.

È bastata una sola partita ad Andre Iguodala (28 anni)m per conquistare la stima e la fiducia di coach George Karl il quale, senza pensarci due volte, ha subito esternato il suo gradimento verso l’ex Philadelphia promuovendolo subito a leader e migliore dei suoi.

Al “Denver Post” l’ex coach dei Bucks ha sottolineato come l’ex duo dei Sixer, Andre Miller (36 anni) & Iguo, sia anche nel Colorado il gruppo leader da seguire: “Bisogna avere voce, lavorare duro e dare l’esempio per esser un leader! ha detto Iguodala, aggiungendo: “Ho sempre cercato il giusto metodo, quando sono entrato nella Lega stavo zitto ed ascoltavo i veterani, adesso le cose sono cambiate: abbiamo giovani che entrano nella Lega già con un forte impatto e quindi si ha più difficoltà ad adattarsi alla vista dei vecchi e veterani”.

Conludendo: “Staremo a vedere cosa succederà con i nostri giovani anche se credo non avremo problemi”.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • 8gld

    Ha/hanno le carte in regola per far bene ed esser la mina vagante dei p.o.

  • Nitrorob

    Mi piace stò giocatore! è dai tempi di Iverson che lo seguo!! e speravo che un giorno diventasse un buon giocatore!
    quest’anno con la squadra che hanno possono fare mooolto bene! speriamo!
    peccato solo che siano ad ovest!

  • Stiv#6

    Veterinari?
    Iguo è un SIGNOR giocatore, un all around che può solo che fare del bene in una squadra e sono certo che non deluderà!
    e il Gallo? ..come sempre accade..perde posizioni.

  • alert70

    Vorrei essere un pò stronzo: ma Karl non aveva detto che il ruolo da leader doveva passare alle sapienti mani di Danilo? Iguo leader non ce lo vedo proprio, anche perchè non mi pareva lo fosse ai Sixers. Se parliamo di leader tecnico ci stà (ai Nuggets) ma emozionale no.
    Sbaglierò.

  • makahuna

    alert….
    e invece danilo può fare il leader di una squadra nba??? capisco il campanilismo, ma non scherziamo

  • Nitrorob

    Alert secondo me è più leader emozionale che tecnico per me! (e tecnicamente non ha niente da invidiare ad altri)
    cioè guarda ai playoff di quest’anno! è stato il trascinatore di Phila, non sarà stato il migliore! ma sicuramente è quello che suonava la carica ogni volta!
    l’ho visto molto cresciuto e maturo! se non lo fa ora non lo farà mai più! anche perchè a 28 anni il tempo stringe!
    cmq per quanto stimi il Gallo non penso sia pronto per fare il Leader! è una colonna di Denver quello si, ma non è da Leader!

  • tom

    l’anno passato i nuggets erano una squadra profonda con tanti giocatori di medio livello in + posizioni, ottima rotazione palla quindi bravi passatori, capacità di mandare 7/8 uomini in doppia cifra.
    cosa è mancato? un leader.
    iguodala (NB. per cui stravedo) viene fuori da una squadra, i sixers, molto simile ai nuggets come organico e filosofia di gioco.
    a phila non è riuscito a guidare la compagnia come ci si aspettava da lui… speriamo che il cambio d’aria e l’alta quota aiutino a farlo diventare ciò che non è stato finora, un trascinatore.
    le qualità tecniche e professionali sono fuori dubbio da all-star tutti gli anni e con il gallo può coesistere senza problemi.

  • tom

    ……piuttosto che confrontarlo al gallo, con il quale ripeto non ci vedo dualismi, iguo da SG con lawson come play (!!) mi sembra una coppia mal assortita ed ho paura si pesteranno i piedi.
    fossi i nuggets aspetterei a prolungare il folletto.

  • gasp

    Mah,Iguodala leader ai Nuggets faccio un pò fatica a crederci perche se in 8 anni ai Sixers non è riuscito a esserlo non vedo come ci riesca a Denver,ma spero di sbagliarmi.

  • salviamo trigari

    Quotone per Tom

    Squadra piena di secondi / terzi violini a cui mancava un go to guy per poter puntare in alto, Iguo tra le star è il ” più secondo violino di tutte” senza nulla togliere al giocatore di per se straordinario che va a migliorare ancor di più la profondità del roster ma non risolve il buco principale. Almeno si sono liberati di Al harrington…. Per me il gallo ad un certo punto scalerà a sesto uomo liderando la second unit, un ruolo alla Odom per intenderci, se fosse la svolta?

  • 8gld

    Karl è uno dei miglior coach in giro nella Nba anche se non ha vinto. Con lui i gruppi hanno sempre tenuto bene. Forse non avrà Leader, forse, ma ha due giocatori con un livello alto di basket.
    La svolta, avendo Gallinari tra le proprie fila e vedendolo bene nel gioco Karl, è quella di farlo giocare. Poi può esser che vada diversamente.
    Franchigia intrigante.

  • Paul

    Incorona Iguodala perchè Gallinari ha segnato 3 punti nella gara decisiva dei PO e in una lega dove una delle performance più criticate di sempre è una tripla doppia con 27 pts(l’ultima di James coi Cavs) toppare così clamorosamente non è accettabile.
    Penso che in ogni caso Lawson rimanga il leader offensivo, Iguodala sarà sicuramente quello difensivo e di “esperienza”.
    Il Gallo, per quanto mi riguarda, è un giocatore insondabile: tutto o niente, forse è un pò sopravvalutato per essere considerato il go-to-guy di un’ottima franchigia in un super competitivo Ovest.

  • DW3

    mah tom io aspetterei più che altro a rifirmare iguodala… leader mai nella vita!è un ottimo giocatore di complemento da tipo 7-8 mln come terza punta niente di più… un luol deng meno offensivo non sicuramente un leader tecnicamente e tanto meno mentalmente!
    coach karl è uno dei pochi che potrebbe fare bene con questo roster comunque interessante, ma a ovest si fatica! 😉

  • alert70

    Ognuno la vede a modo suo, ma di leader emozionale, che fa leva sul gruppo, che parla al momento giusto non ne vedo. Certamente l’esperienza gioca a favore di Iguo, ma non lo ricordo come leader ai Sixers. Esaltarsi durante la gara ci sta ma non ha nulla a che vedere con la leadership. Per intenderci non è Paul, non è Nash, non è Rose, non è Lebron……..

  • docpretta

    è un mini lebron.. purtroppo per lui il carisma non si inventa nè si compra

  • tom

    DW3, condivido in parte il tuo messaggio. OK, non è un leader, almeno fin’ora non l’ha dimostrato ma (da follower bulls) io lo scambierei al volo con deng. iguo mi è sempre piaciuto ed ha una dose di esperienza ormai prossima ad essere considerato un veterano che unita ad una testa a posto (qualità mai scontata in nba) lo rende di sicuro un secondo terzo violino appetibile, come fai notare pure te. concludo dicendo che non farà 20punti di media, ma 15+5+5 è sempre stato nelle sue corde. atletismo, possesso palla, difesa, sono caratteristiche che lo accompagnano da sempre nella sua carriera. il fisico è impressionante ed a prova d’infortuni, ora a denver manca qualcuno alla cp3 (come fa notare alert)… sarà lawson? mmmhhh

  • MatteoB

    Iguo da fuori no la mette.. e hanno perso 2 giocatori che invece quel campo lo aprivano un bel po’