Bene Clippers e Jazz, Lakers sempre a 0 W!

Milwaukee vince malgrado Walker, Paul guida i Clippers in Colorado, Kanter e Favors stendono Portland, Lakers 0-8!

 

 

 

Charlotte Bobcats – Milwaukee Bucks 90-100
CHA: Henderson 13, Mullens 11, Walker 20, Haywood 8 (14 rimb), Gordon 11
MIL: Harris 18, Dunleavy 17, Lamb 12, Udoh 11

Non bastano i 20 punti di Kemba Walker ai Bobcats per battere dei Bucks usciti nel finale; a fine 3 ° periodo Charlotte guida 79-72 ma nei primi 8′ del 4° gli ospiti confezionano un pesante parziale di 20-4 che li spinge avanti 83-92 con 4′ da giocare, il tutto col duo Jennigs-Ellis che chiude con 11 punti (6+5).

Utah Jazz – Portland Trail Blazers 97-91
UTA: Millsap 10, Jefferson 15, Hayward 10, Kanter 21, Favors 21
POR: Batum 17 (10 rimb), Aldridge 19 (11 rimb), Hickson 11, Matthews 24, Lillard 12

Buona vittoria per i Jazz sui Blazers con un Enes Kanter in miglioramento costante; proprio una schiacciata del turco a 1’48” ha fermato la rimonta ospite dando il +4 (95-91) ai suoi, Portland non troverà più la via del canestro e Favors chiuderà dalla lunetta.

Denver Nuggets – Los Angeles Clippers 94-106
DEN: Gallinari 10, Faried 7 (10 rimb), Koufos 12 (10 rimb), Iguodala 11, Lawson 10, McGee 13, Brewer 15
LAC: Butler 16, Griffin 25 (11 rimb), Paul 10 (12 ass), Crawford 14, Bledsoe 11

Italian Job: Gallinari 10 pt (0/2, 2/6, 4/4), 1 rimb, 4 ass, 1 stop

Chris Paul comincia a ri-acquisire fiducia e la doppia-doppia di stanotte ha aiutato i Clippers a battere i Nuggets; Denver insegue all’intervallo (55-61) ma nei primi 120″ del 3° la partita viene spaccata in due da un break di 9-0 per il +15 (55-70) che di fatti segnerà la partita tanto ch gli ospiti toccheranno sempre nella stessa frazione il +21 (66-87) dopo un personalissimo 8-0 firmato Caron Butler.

Los Angeles Lakers – Sacramento Kings 82-94
LAL: Ebanks 14
SAC: Thompson 12, Cousins 20 (13 rimb), Evans 14, Thomas 20, Thornton 10

Torna Dwight Howard nelle file dei Lakers ma i suoi 9 punti e 8 rimbalzi un 23′ non asiutano i Lakers ad evitare l’8° K.O consecutivo in pre-season, ancora una volta i King passeggiano al Valley View Casino Center di San Diego; Dopo un primo tempo di “tira-e-molla” e dopo la tripla del sorpasso Lakers firmata da Blake (42-40) Sacramento cambia marcia del 3° quarto e rifila un parziale di 13-0 scappando sul +11 (42-53) a metà frazione la quale si chiuderà sul +17 (57-74) per i viola. Nash chiude con soli 3 assist a referto!

Top5 della notte
[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=85UhvJwF8yI&hd=1]

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • Ammiraglio

    LOL

    Ti sei scordato Jamison in panchina, che è un vecchio finito si, ma ancora utile.

    Per Bynum stesso discorso; potenzialmente più forte di Howard, ma non rendeva come avrebbe dovuto. In teoria in attacco devastante con quel fisico e quei movimenti, ma non faceva la differenza; mi auguro che si sblocchi a Philadelphia.
    E questo senza contare l’enorme differenza in difesa…

  • fabiostoppani

    Ragazzi, ve lo ripeto, giusti i vostri discorsi ma io penso che vostra sia giustamente una speranza da tifoso. Ed è giusto cosi, anche perché tutto il mondo NBA vuole convincerci che questi Lakers siano la squadra da battere. Nash? Il più forte play dello scorso decennio. Bene, dello scorso decennio. Westbrook ogni volta che l’ha incontrato ne ha fatto polpette. Perché quello che potrà dare in attacco con il suo pensiero, devi contare di toglierlo abbondantemente in difesa. Kobe, come dice Marimba sarà finito (ahahah) ma sarà quello che più di tutti ne risentira favorevolmente. Finalmente sentirà di avere accanto gente da titolo e questo non potrà che fargli bene. Artest, abbiamo visto quanto Durant possa far male all’ex difensore più forte della Lega. Che KD lo soffri ormai è pura leggenda e lo abbiamo visto nella scorsa serie. Gasol, 32 anni ma ancora qualcosa da dire. Tutto sta da cosa gli passa per la testa. Howard magari potrà esser una presenza più ingombrante di Bynum ma quanto? Howard porta una differenza soprattutto in termini di difesa. Bene ma questi Thunder hanno sempre dimostrato di saper attuare qualsiasi gioco e di non avere assolutamente nessun problema a giocare lontano da canestro (anzi se hanno un problema è avere giochi sotto canestro). Quindi quanto potrà esser determinante? Poi voi dimenticate la squadra che sta dall’altra parte. Questi se firmano Harden sono una dinastia pronta e fatta. Sono la squadra più giovane ad esser arrivati ad una finale NBA (non è un caso), avrebbero vinto l’anello se Harden avesse giocato la metà di quello che avrebbe potuto rendere nonostante degli Heat straodinari. Sono gambe veloci (forse troppo per questi Lakers), braccia lunghissime, forza, atleticità, dinamismo contro una squadra potenzialmente fortissima ma vecchia senza dimenticare la panca che si ferma a Jamison e Jordan Hill quindi parliamone. Poi naturalmente le partite si devono giocare e subentrano tanti altri fattori ma io vedo troppo forti questi Thunder (con Miami l’unica a squadra a potergli resistere perché anche qui sono giovani, fortissimi e motivati). L’anno scorso fu più sudata di quanto dica il tabellino, ok ma si vedeva subito che quanto i Thunder decidevano di accelerare non c’era storia. Non vorrei che vi aspettaste troppo da un Nash 38nne, dalla differenza che poi non è cosi sproporzionata tra Bynum e Howard e da una squadra già vecchia e che ha un anno in più. Comunque abbiamo tempo per parlare dell’epopea “chi dominerà la Western Conference”?

  • hanamichi saakuragi

    secondo me con howard sotto l’area RW avrà molte più difficoltà ad andare a canestro in penetrazione.
    Se nash è il 50% di quello dell’anno scorso è un upgrade notevolissimo.
    Se gasol fa il gasol (quello dell’olimpiade) e kobe mezzo passo indietro allora credo che i thunder e gli heat siano battibilissimi.
    chiaro è che mancano tutta una serie di certezze che oggi come oggi thunder e heat possono contare però non mi sembrano assunti impossibili da ottenere