Miami asfalta Boston, bene Irving, Bryant K.O

Miami domina Boston con i “Three Kings” e l’ex di turno, Irving e Waiters illuminano Cleveland, buoi totale a L.A dove i Mavs battono i Lakers.

 

 

 

Cleveland Cavaliers – Washington Wizards 94-84
CLE: Thompson 12 (10 rimb), Varejao 9 (23 rimb), Waiters 17, Irving 29, Gibson 10
WAS: Okafor 10, Crawford 11

Kyrie Irving parte subito col turbo la sua stagione guidando i suoi Cavs al successo sui Wizards, assistito eccellentemente anche dal rookie Dion Waiters e dal solito tutto-fare Anderson Varejao (23 rimbalzi, 12 offensivi); partita che ha visto i Wizrads stare bene in campo tanto da essere davanti 74-76 dopo un break di 14-0 a cavallo tra il 3° e 4° periodo, coach Scott decide di rimettere in campo il suo duo di esterni e la reazione è immediata. I cavs chiuderanno con un 20-8 la partita ma la notizia più significativa che il tutto è iniziato con una tripla di Waiters.

Miami Heat – Boston Celtics 120-107
MIA: James 26 (10 rimb), Bosh 19 (10 rimb), Wade 29, Chalmers 8 (11 ass), Allen 19, Lewis 10
BOS: Pierce 23, Bass 15 (11 rimb), Garnett 9 (12 rimb), Lee 11, Rondo 20 (13 ass), Barbosa 16

Spumeggiante esordio per i campioni NBA contro i Boston Celtics, i “Three King” confezionano ben 74 punti e l’ex di giornata, Ray Allen, chiude con 19 punti; il momento chiave arriva verso la fine del 3° periodo quando tra l’altro LeBron James è negli spogliatoi a farsi curare i crampi, i suoi compagni siglano un break di 12-2 negli ultimi 3′ spingendosi fino al +17 (93-76). Per Boston vana la solita doppia-doppia di Rajon Rondo.

Los Angeles Lakers – Dallas Mavericks 91-99
LAL: Gasol 23 (13 rimb), Howard 19 (10 rimb), Bryant 22
DAL: Marion 11, Brand 8 (11 rimb), Wright 14, Mayo 12, Collison 17, Cartet 11, Beaubois 11

Kobe Bryant scende in campo, firma 22 punti a referto tirando 11/14 dal campo ma i suoi Lakers non trovano la vittoria contro i Mavs di un ottimo Darren Collison; Lakers che stanno in partita con le sue stelle inseguendo i rivali, ad inizio ultimo quarto un gioco da 3 punti di Jamison segna il -5 (69-74), poi Dallas reagisce e piazza un pesante parziale di 14-4 (Wright e Beaubois i protagonisti) scappando sul +15 (73-88) dopo 4′ di frazione. Per Dwight Howard 19 punti ma 3/14 dalla lunetta, mentre Nash fatica ancora a trovare la sua dimensione (4 assist).

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • in your wais

    Però, per essere solo la prima di RS si è partiti belli incazzosi coi commenti…

    Mi rendo conto che forse gli amici in Verde ci tenevano molto a questo re-match delle Conference Finals, però farsi venire la bile accusando chi gestisce il sito (a cui bisognerebbe fare invece un monumento, per il culo che si fa) di essere fazioso o simpatizzante L.A., mi pare proprio idiota, mi chiedo dove eravate questi mesi, quando era evidente che F.M.B. si limita a riportare notizie o a tradurre quelle in inglese

    Di sicuro “asfaltato” è un termine forte, ma mi permetto di interpretare il pensiero di chi lo ha scritto, dicendo che voleva solo evidenziare come Miami per tutta la partita è sembrata superiore, perfino con un LeBron a mezzo servizio, ed un Bosh che si è svegliato solo il 2° tempo

    Non mi pare il caso di prendersela, eravate comunque a -15 a 4 minuti dalla fine, e solo un sacco di scelte idiote degli Heat in attacco vi hanno riportato sotto

    Li adoro come giocatori, ma in questa partita si è vista, se ce fosse bisogno, la differenza di classe ed intelligenza che passa tra Allen, ed il duo Rondo/KG

    Ray, da signore qual’è, ha solo pensato a giocare, è andato a salutare tutti gli ex compagni quando è sceso in campo, vedendosi anche snobbato da Garnett che non lo ha degnato di uno sguardo. Hanno sovraccaricato questi mesi con dichiarazioni di disistima nei confronti del loro ex compagno, e sono arrivati ieri sera stracarichi e nervosi. I due lacci californiani a Chalmers e Wade ne sono la conseguenza. Contenti loro

    Ognuno vede il mondo come gli pare, ma se ho un collega o un amico col quale condivido 5 anni di vittorie, sforzi, battaglie, poi non lo schifo solo perchè ha fatto una scelta che non condivido. Specie se il collega/amico in questione è un assoluto galantuomo come Ray Allen

  • Slava Medvedenko

    nota positiva lakers..
    kobe 11 su 14.

    per il resto da quello che ho visto io abbiamo un bel cartello di lavori in corso sul groppone

    =)

    aspettiamo!

  • Michael Philips

    Vista mia-bos

    Gara senza storia per lunghi tratti, poi grazie a un incredibile barbosa e alle dormite degli heat i celtics son tornati vicini, ma la gara è sempre stata in mano agli heat.

    Ah, il fatto che james abbia saltato il 4/4 giocando solo 29 min potrebbe “leggermente” aver influito, no?

    Sta di fatto che una gara dice ben poco. A me questi celtics fanno paura. Il jet si trova a suo agio in un team con giocatori come pierce e garnett e potrebbe essere innescato in modo micidiale da rondo. I nuovi innesti come lee e barbosa potranno essere davvero ottimi.

    Ora i celtics devono capire che ruolo dare a green(che ricordiamolo a okl era il terzo violino) e come inserire sullinger e fab melo.

    Anche riguardo i cavs andrei calmo. Irving è davvero forte e mi aspetto una stagione super, quasi ai livelli di quelle di durant e james alla stessa età, ma sta di fatto che i wizards, senza wall poi, non possono mai essere un avversario serio e credibile.

    Sui lakers, beh, il problema è “solo” la chimica. Una volta trovata quella andranno spediti. Ricordate la prima stagione di james wade e bosh? I primi due mesi? Ecco, per creare la giusta intesa con tanti giocatori diversi serve tempo e pazienza. Il talento è assurdo e hanno abbastanza esperienza per trovare l’equilibrio. L’unico dubbio è sempre mike brown.

  • in your wais

    Sulla partita dei Lakers, premetto che ho visto solo gli highlights, quindi nn dico nulla di particolare…

    Io direi di andarci piano con le sentenze, questi hanno un sistema intero da rifondare, 2 all stars da inserire, gente convalescente, ci si metterà del tempo…penso tutti ricordino come gli Heat 2010-11 fossero al 50% di W dopo oltre un mese di RS…

    Quello che mi salta all’occhio è il minutaggio decisamente elevato dei 5 starters, credo che quest’anno la panca sarà un grosso handicap, considerando quella delle rivali, e l’età media del quintetto

    Certo non deve essere il massimo poi avere la miglior front line della Lega, e perdere contro i Mavs privi di Dirk e Kaman…però è solo la prima, hanno talmente tanto tempo per ingranare

    Di sicuro quest’anno saranno loro il team con tutti gli occhi addosso, come fu per gli Heat 2010-2012. Se i risultati nn saranno all’altezza, su L.A. la pressione salirà giorno dopo giorno

  • fabiostoppani

    Aspetta aspetta hanamichi sakuragi. Infatti, puoi notare come avevo introdotto e poi condotto il mio post. “Parlare dopo una partita del genere sarebbe troppo facile.” Infatti non mi perso nemmeno dei dettagli perché è inevitabile che molti problemi che adesso si ritrovano stanno nell’ambientamento e nelle nuove chimiche di gioco. Non mi sforzo ad ammettere che anche Miami abbia i suoi problemi all’inizio (anche se li è un discorso un pochino più complesso perché la forza della squadra era davvero tutta concentrata su quei e dietro il niente con un roster completamente nuovo). Quello che voglio sottolineare ( e magari anch’io sarò smentito) è che sicuramente i problemi di ambientamento sono evidenti, andranno col tempo a risolversi ma alcuni problemi risiedono sulla valutazione che diamo su ogni singolo giocatore. E’ impossibile dire per me che siano sopravvalutati giocatori come Nash e co. ma che ORA in questo PRECISO MOMENTO STORICO lo siano per quello che possono dare, per me è un dato affidabile. Nash è Nash. Mai nessuno come lui il decennio scorso. Ma adesso? A 38 anni cosa può succedere? Artest che cos’è in questa squadra? Fermo restando che partite come quella di ieri la dovrebbero sempre e comunque con scioltezza, sono comunque fortissimi. Infine, tornando al discorso ambientamento. E’ inevitabile che lo risolvano ma sappiamo che a volte non basta una stagione per comporre al 100% il puzzle. E loro HANNO UNA SOLA STAGIONE. Sono, forse, la squadra meno futuribile della Lega. Adesso o niente. Non è semplice.

  • LOL

    Mike Brown sta castrando Steve Nash

  • Nitrorob

    Esatto Fabio, o vincono quest’anno o non vincono più (mi riferisco alla squadra con Kobe e Nash)quindi direi che si devono sforzare un pò di più se voglio arrivare pronti ai PO!!

  • Marimba

    Nash è stato sublime in passato ma ragazzi ha 38 anni… È un pensionato…. Kobe come sempre dimostra di non essere più un giocatore da nba

  • rdonnie

    iyw

    ancora con sto discorso??? se KG non l’ha salutato giusto o sbagliato che sia è proprio perchè hanno la consapevolezza di ciò che hanno perso sia sotto il profilo tecnico che umano! Si sono sentiti traditi perchè è vero che ainge lo voleva cedere anche prima ma avrebbero gradito un’altra destinazione! comunque prima di masturbarvi sulle sue prestazioni aspetterei un pò di partite, anche perchè dubito che tutte le notti metta quei tiri where sculata happens!

  • Michael Philips
  • alberto

    Marimba ma smettila Kobe ha fatto 11/14 proprio come farebbe un giocatore finito…

  • Ammiraglio

    alberto

    non lo considerare, è solo un coglione che sta qui a dire la solita cazzata da mesi ormai.

  • michele

    la parola “asfaltare” nel titolo è del tutto fuori luogo, ma miami ha sempre dato l’impressione di essere in controllo.è stata comunque una partita vera, per boston c’è carne al fuoco su cui lavorare.

    sul discorso di allen. come dissi a suo tempo, è libero di fare quello che gli pare, da me non sentirete mai commenti tipo traditore etc, ho troppo rispetto per lui. sarà anche un gran signore ma mi pare evidente che ci tiene molto a questa fama visto che fa in modo che le sue manifestazioni di signorilità avvengano davanti alle telecamere come già successo l’anno scorso alla fine di gara 7, preferisco ovviamente l’ostentata antipatia di garnett e rondo.

  • alberto

    Ammiraglio

    sto Marimba è irritante e non capisce niente

  • Nitrorob

    ahahahah Cuban è un grande! l’ho sempre detto!
    come dargli torto???ahahah
    ma giustamente “come ogni altra squadra”!!

  • rdonnie

    michele straquoto!

  • Ammiraglio

    Da parte di Cuban sono dichiarazioni assolutamente normali, non mi stupiscono molto. Me le sarei aspettate un po’ da chiunque, in particolare da uno che ha sempre rosicato platealmente e che odia i Lakers, quindi tutto ok.

    Devo ammettere che però io, al contrario di molti, non lo trovo un personaggio così irritante.

  • Ammiraglio

    Paul

    Se i titoli di popovich valgano di più di quelli di Jackson, questo non sta a me dirlo. Dico solo che Popovich è stato ed è tuttora un allenatore con i contro-coglioni e che preferisco lui a Zen ( da un punto di vista tecnico, umanamente non li sopporto entrambi).
    Questo non toglie che 11 titoli sono 11 titoli e che non li vinci per caso, quindi massimo rispetto per Phil.

  • Ammiraglio

    terzo commento:

    Che Allen sia un signore, questo ok, è lampante.
    Che Rondo non lo sopporti, questo lo si sapeva già dall’anno scorso ( la storia delle loro liti nello spogliatoio uscì prima dei playoff), quindi non capisco che ci sia da stupirsi a riguardo.
    Che Garnett si possa sentire “tradito”, anche questo non vedo che c’è da stupirsi, umanamente lo trovo comprensibile.

    Che poi Allen, visto il passato tentativo di cessione, si sia fatto girare i coglioni e se ne sia andato, ci sta; ma se non ricordo male gli altri 2 big (Pierce e Garnett) erano stati assolutamente contrari allo scambio.

  • Alessandro

    Vedendo Boston-Miami la sensazione mia personale e’ stata del gatto che gioca con il topo… Ovviamente parere molto personale…

  • alert70

    Le “bambinate” tra un presunto o meno signore e dei presunti cattivoni non mi frega per nulla. Non si vogliono salutare, si mandano a -are in -ulo, caxxi loro. Parliamo della gara.

    La gara ha detto alcune cose interessanti: la panca Heat è bella lunga ed ora ha dei tiratori efficaci, (Allen e Lewis su tutti) che possono fare danni. Se uno toppa ci sono gli altri. Secondo punto è James: con lui in campo gli Heat erano sempre davanti, “casualmente” come si sedeva in panca e a dirigere il gruppo c’era Wade le cose cambiavano radicalmente. Infatti i break dei verdi coincidevano proprio con il 6 in panca/locker-room.

    E’ evidente come il divario tra James e Wade si sta allargando perchè il primo sta ancora salendo di rendimento mentre il secondo è in fase calante (è sempre una belva). Oltretutto l’abilità di LBJ di giocare in 4 ruoli lo rende unico.

    I Celtics hanno un roster bello lungo, ieri Barbosa ha segnato 16 punti nel quarto finale, non accadrà sempre, ma questo dimostra quanti giocatori hanno. Rivers deve registrare alcuni meccanismi avendo 81 gare per farlo.

    Menzione per Bosh: si sta calando alla grande nel ruolo. Non è un cinque ma si adatta alla bisogna, difende con più intensità dimostrando una maturità che a Toronto era latitante.

    Lakers-Mavs
    Nash mi ricorda Payton. Giocatori finiti per farsi del male in un gruppo che non gli darà mai l’occasione di fare il loro gioco. Ovviamente salirà di rendimento quando la chimica migliorerà ma a parer mio sarà sempre limitato. Il tipo di gioco che dovrà fare non è nelle sue corde anche se il talento e l’intelligenza faranno in modo da adeguarsi alle circostanze. Che non sono quelle ideali. Poi c’è il problema panca, non hanno nessuno. Alla lunga questo potrebbe essere il fattore X che li può condannare.

    Howard
    Rimango sempre più dell’idea che se proprio dovevano affiancare un 7 piedi a Gasol era meglio Bynum, con tutti i problemi del caso. Il bambinone non sarà una piovra come Dwight ma ha movimenti offensivi, ha un 70% dalla lunetta che facevano comodo. Ora si ritrovano un difensore mostruoso con limiti offensivi notevoli e che per giunta rallegra il gruppo con percentuali da minibasket ai liberi. 3/14 non si può vedere e questo sarà un bel dito al deretano per il team.

    Irving
    Un predestinato.

  • alert70

    http://watch.nba.com/nba/video/channels/tnt_overtime/2012/10/31/0021200002-bos-mia-inside-trax.nba?cat=catId%3A56&v=1&p=2

    Al minuto e 5 secondi James chiede scusa ad un compagno, mentre erano seduti ad un timeout, reo di non aver preso un rimbalzo vanificando il taglia fuori.

  • gasp

    Ma ve la prendete per una parola?E io cosa dovrei dire dei Lakers che fanno dall’inizio della preseason 0-9?
    Heat-Celtics è stata dominata dagli Heat più di quanto dica il risultato finale,Lakers-Mavericks è stato quello che non mi auguravo perchè c’era Nash che sembrava un pesce fuor d’acqua infine Irving e Waiters mi hanno dato una ottima impressione

  • makahuna

    cose importanti…
    gli heat fanno paura: io sono totalmente in accordo col titolo…i celtics sono stati asfaltati…poi è calata la tensione e sono rientrati (in contumacia james) ma non è un dato statistico rilevante, vittoria mai in dubbio.
    la cosa che più fa spavento non è tanto la forza dei singoli, ma un gioco degli heat che è finalmente armonioso e di squadra… anello al 75%

    nash…ti adoro come adoro pochi in questa lega…scappa da li…4 assist a partita per uno come te…

    apparte questo i lakers sono veramente scandalosi..in difesa inguardabili, kobe e nash fanno passare tutti e i lunghi non sanno come comportarsi (il signor pluri difensore dell’anno si mostra ancora come un difensore mediocre, e mostra ancora come un gran stoppatore sia un pessimo difensore)

  • Marimba

    Ammiraglio e te sei il coglione che pensa che i Lakers con gli strafiniti di Kobe, Nash, Gasol e Jamison siano una quadra da titolo… Alberto invece te sei un guru del basket

  • Haka

    Giudicare il difensore Howard dalla partita di oggi è fuoriluogo, si vede che fisicamente non sta ancora bene, anche a rimbalzo spesso si è fatto fregare, salta la metà e l’ho visto anche un pò bloccato, irrigidito. E’ Gasol quello che fa pena veramente in difesa. Comunque mi fa piacere si sia arrivati già alle sentenze di Howard difensore scandaloso o Nash che se ne dovrebbe scappare, gli Heat che tanto decanti ora due anni fa giocavano altrettanto da cani, almeno in attacco, direi pure peggio.

  • makahuna

    attenzione haka…per me howard è sempre stato un pessimo difensore…garnett o wallace sono dei difensori, howard è uno stoppatore, che va sempre per stppare, salta sulle finte e se va fuoritempo ha sbilanciato la difesa, quindi o canestro o rimbalzo offensivo…
    nash invece è in un sistema che non può esaltare le sue doti

  • Michael Philips

    Makahuna

    A me howard non è mai piaciuto, per me non è il difensore n.1 della lega(nonostante i 3 premi ricevuti) ma nemmeno un fesso qualunque o uno stoppatore puro alla ibaka.

    Uno come lui ora deve abituarsi ad un sistema completamente differente da quello in cui ha sempre giocato, e a compagni di ben altro livello. Il che offre grandi vantaggi ma anche qualche problema sia tattico che mentale. Ora lui sa di non essere più la prima opzione offensiva, forse nemmeno la seconda, e quindi deve imparare a giocare in modo diverso.

    Uno che potrebbe davvero avere problemi è nash, non per gli assist(scordatevi quasi certamente i 10-11 di media, 7 max 8 saranno grasso che cola) ma perché il rischio è di venir usato come una sorta di fisher di maggior classe, ma pur sempre un fisher, utile solo a punire sugli scarichi.

  • marimba

    mi dissocio da commenti offensivi gratuiti verso gli altri utenti, non sono io il marimba che ha postato oggi. saluti e ricordate sempre, kobe bryant, steve nash, antawn jamison sono anziani finiti.

  • brazzz

    dai su che le prime 20 contan zero…il rischio che i lakers sian una collezione di figurine esiste,ma c’è tempo..

  • brazzz

    dai su che le prime 20 contan zero…il rischio che i lakers sian una collezione di figurine esiste,ma c’è tempo..

  • in your wais

    Allen nn ostenta nulla davanti le telecamere, si comporta come si è sempre comportato, nei 16 anni di NBA. E’ andato lì, ha stretto la mano a tutti, ha abbracciato il coach

    No, preferisco lui a chi, specie dopo mesi che i fatti sono accaduti (a caldo comprendo ogni parola e reazione), sta ancora a fare l’offeso. Doc Rivers, che è un uomo vero, ha detto tutto quello che c’era da dire su Allen, ed infatti non lo ha di certo trattato come un traditore

    Nash si è fatto 8 anni ai Suns, e nessuno si è permesso di apostrofarlo in alcun modo per la sua scelta. E si che di battaglie PO con i Lakers ne ha combattute anche lui

    Quindi va benissimo farsi girare le palle all’inizio, o non condividere la scelta. Ma sono passati 4 mesi. Potevano farsene una ragione, invece di puntare al collo degli avversari perchè erano frustrati dalla sconfitta

  • michele

    in effetti hai ragione, i fallacci veri è meglio farli durante i playoff come ha fatto wade con rondo nel 2011 ( mossa di sumo trascinandolo a terra mettendogli ko il gomito che lo ha costretto a giocare per onor di firma il resto della serie) o nei supplementari di gara 2 del 2012 ( variante “floridiana” del laccio californiano, incredibilmente nemmeno fischiato) e non in regular season. per fortuna che adesso è arrivato allen a dare un po’ di signolrilità a miami e siamo tutti contenti. hai comunque ragione sul fatto che miami è diventata un ossessione per alcuni giocatori dei celtics, il passato è passato, bisogna concentrarsi su altre cose.

  • salviamo trigari

    dopo gli insulti che ci siamo beccati domenica vedere i Lakers perdere non ha prezzo, per tutto il resto c’è mastercard

    scherzi a parte, evidenti problemi di chimica risolvibili ma la cosa più brutta che ho visto (oltre alla tanto decantata frontline perdere contro dei nani) è nash tagliare a caso con Metta che lo sposta verso la direzione giusta, è solo un dettaglio ma mi ha inorridito, lui che era un generale farsi dire dal quel folle dove andare…

  • michele

    per la cronaca ecco quello che “faccia di bronzo” wade ha dichiarato sul fallo di rondo “”I’m here to play basketball, man,” Wade said. “If you want to do something else, then go do something else. Boxing, this is not it. I was glad I was able to stop myself in that very moment and move on from it. We’ll see next time we play.””

    http://www.youtube.com/watch?v=he4OY6gJNX4&feature=related

    http://www.youtube.com/watch?v=JzW38LAJsII

  • billy g

    Quando domenica si diceva che i Lakers devono imparare a giocare insieme, mettere 2 leaders in una squadra cos, con quei caratteri forti gia presenti è un rischio. Come diceva qualcuno prima il problema è che i Lakers devono vincere ora. Non hanno un futuro a lungo termine.
    Miami sinceramente mi ha impressionato davvero. L’impressione di poter allungare quando è come volevano. E hanno una panchina migliore rispetto allo scorso anno.

  • in your wais

    Parlare con te di Boston è come parlare di figa con Rocco Siffredi, per te è una ragione di vita. Solo uno come te può ritenere volontario il fallo di Wade su Rondo, specie nelle conseguenze

  • Ammiraglio

    Marimba, torna da bravo coglione a scrivere che Kobe è finito, su su…

  • Marimba

    Ammiraglio sei te che hai attaccato per primo insultando…. Se Kobe è un giocatore strafinito devi fartene una ragione….

  • Samuel706

    Mi sa che ovviamente c’è troppo tifo nei commenti rilasciati,comunque qui non è in discussione la vittoria di Miami(meritata)tra l’altro,ma dichiarare asfaltata una squadra che comunque è stata sempre in partita non sta nè in cielo nè in terra; poi possiamo discutere sul fatto che gli Heat sono apparsi già più squadra rispetto ai trifogli,ma la regular season è lunga quindi….. ps. ho ancora vivido il ricordo dei playoff