Parker e la sua devozione verso gli Spurs

Il francese si è ridotto l’ingaggio pur di rimanere nel Texas con i suoi compagni in quella che ad oggi è la sua franchigia.

Tanto per cambiar ei San Antonio Spurs sono partiti col piede giusto in questa stagione centrando la vittoria nelle prime 4 partite stagionali, specialmente alla prima contro i Thunder grazie al buzzer-beater di Tony Parker (30 anni), proprio il francese è stato al centro di una bella notizia che di certo gli ha fatto onore.

Parker infatti ha rinnovato il contratto con gli Spurs fino a giugno 2015 per un ammontare di $36 milioni, nel rinnovo però hanno prevalso i forti sentimenti che prova verso gli speroni tanto da fargli rinunciare ad un bel gruzzoletto: “In molti mi chieserò il perché, all’inizio ne parlai con un po’ di amici ed ero indeciso, poi ho pensato all’ambiente, all’atmosfera che respira qui, come se fossi in famiglia” aggiungendo: “Coach Popovich si è preso cura di me sin dal primo giorno che ho messo piede qui dentro e non mi sembrava giusto chiedere un aumento alla franchigia, ma anzi, sono io che devo aiutare la squadra e col mio gesto abbiamo potuto tenere Boris (Diaw) e Danny (Green).

Inevitabile un commento su quello successo ad Oklahoma City con James Harden (23 anni): “Dipende dalla situazioni e chi si vuole essere, ci sono giocatori che pur di restare nelle loro squadre e privare a vincere insieme fanno dei sacrifici, come me e Manu, o altri che vogliono formare un All-Star Team come ha fatto James al quale gli auguro ogni bene”

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • graphicplayer

    Grandissimo Parker.

  • Accio

    AH la filosofia Spurs contagia tutti.

    Oppure semplicemente all’Alamo gli fanno il lavaggio del cervello tanto stiamo parlando sempre di un ex agente CIA come deus ex machina.

  • dennisTheWormRodman91

    Devoto di, se fosse entrato in una delle altre 29 mai sarebbe stato quello che è attualmente!!!

  • Jurassic_Park

    C’è anche da fare un discorso sull’età. San Antonio è la sua squadra, nonostante la presenza di Gino e Duncan. Harden avrebbe dovuto convivere con Westbrook e Durant per parecchio (forse troppo) prima di trovare la sua dimensione come uomo franchigia (cosa che a Oklahoma a meno di trade degli altri due non avrebbe trovato).

  • in your wais

    Però è il principio di fondo che trovo stupendo, per Parker e gli altri Spurs…hanno tutti preferito rinunciare a qualche statistica ed onorificenza personale, per vincere, o cercare di farlo…

    Io non metto in dubbio che Harden avesse dei buoni motivi per andare, o che non sia legittimo avere obiettivi individuali…ma quando hai 23 anni, puoi anche essere il 2° o 3° violino, e vincere un paio di titoli, salvo poi, ancora nel pieno delle forze, andare a fare il go to guy altrove…

    Chi vi ricordate di più, Rodman o Wooldrige? Horry o Weatherspoon? Fisher o Vern Fleming? Per dire di 3 giocatori che hanno vinto tanto, e di altri che hanno avuto statistiche ben migliori…

  • jamikitt

    Iyw
    Io vedo una profondita nel mondo spurs superiore alla fame di titoli! I giocatori sono riconoscenti alla societa, e sono ad essa fedeli! E da uno come parker da sempre fedigrafo con le proprie compagne è un pò strano!

    E non so se Parker e Ginobili in altre squadre sarebbero diventati degli all star come lo sono ora!

  • alert70

    Poteva chiedere e pretendere di più. Non lo ha fatto. Ha pensato che rimanere agli Spurs fosse la soluzione migliore. C’è da anni, ha un rapporto splendido con il coach e con i compagni di tante battaglie per cui ha pensato che 36 cucuzze andassero bene. E’ ricco e di certo guadagnerà ancora tanto con la prospettiva di un altro titolo.

  • alert70

    jamikitt

    Non lo sapremo mai ma mi gioco l’euro nel dire che sarebbero stati All Star in qualsiasi franchigia. Hanno tanto talento e tanta testa.

  • Base

    Si ragiona su certe cifre che solo con un mese di lavoro sei a posto tutta la vita.. Chiaro ognuno fa i suoi interessi e va bene così.. Ma se prendo 10 milioni all’anno sai che fatica rinunciare a non prendere di più.. quanti soldi che girano.. troppi..

  • jamikitt

    Alert
    Però se Ginobili aveva già dimostrato molto, per il francese non era così, e l ambiente spurs lo ha fatto maturare con la testa giusta per un campione!

    Ad esempio penso che il tuo amato mozzarellone se fosse stato scelto dagli spurs non prenderebbe tre rimbalzi a sera, ed avrebbe cercato di colmare le proprie lacune in difesa! Ma è stato scelto dai raptors e sappiamo tutti come è andata a finire!