Sixers e Heat corsari, ok NY, reazione Lakers!

Phila passa a Boston, Miami ad Atlanta, pazzeschi Suns, Budinger sulla sirena, Lakers di grinta su Golden State, Harden K.O ancora.

 

 
Washington Wizards – Milwaukee Bucks 91-102
WAS: Ariza 15, Nooker 11, Okafor 11, Beal 22, Price 12
MIL: IIlyasova 11, Ellis 22, Jennings 12, Dunleavy 13, Sanders 13

Monta Ellis firma la sua prima vera prestazione dell’anno e i Bukcs espugnano la capitale; match equilibrato fino all’ultimo periodo quando gli ospiti, già avanti, decisono di scappare via definitivamente, break di 10-0 nei primi 4’30” e vantaggio che va da +3 a +13 (72-85), Washinton non riuscirà più a rientrare malgrado un Bradley Beal da 22 punti.

Orlando Magic – Brooklyn Nets 68-107
ORL: Vucevic 10, Afflalo 12, Moore 18, Nicholson 10
BKN: Lopez 14 (10 rimb), Johnson 13, Williams 12, Blatche 15, Stackhouse 11

Comodo successo esterno per i Nets in quel dell’Amway Arena contro i Magic; ospiti sempre al comando delle operazioni anche in doppia-cifra, nel secondo tempo Orlando prova la rimonta portandosi fino al -7 (43-50) dopo appena 120″ del 3° quarto, ma la risposta dei Nets sarà terrificante: Joe Johnson spara una tripla che da via un parziale di 20-2! Brooklyn va sul +25 (45-70) in 7′ e manda i titoli di coda.

Boston Celtics – Philadelphia 76ers 100-106
BOS: Pierce 24, Garnett 19 (10 rimb), Rondo 14 (20 ass), Terry 13
PHI: Wright 15, T.Young 15, Turner 25 (11 rimb), Holiday 21 (14 ass), N.Young 10

Evan Turner rivede i Celtics e gli vengono gli occhi delle tigre, i 24 punti e 1gli 1 rimbalzi dell’estern di Collins hanno contribuito alla vittoria di Pahila a Boston malgrado i 20 assist sfornati dal solito Rajon Rondo; momento chiave a 5′ dalla chiusura, Boston è in rimonta (88-95) e Jeff Green ha tra le mani il layup del possibile -5, lo sbaglia, cade rovinosamente sul parquet e sul capovolgimento di fronte Holiday spara la bomba che uccide il match sul +10 (88-98)!

New York Knicks – Dallas Mavericks 104-94
NYK: Anthony 31, Brewer 13, Chandler 11, Smith 22
DAL: Wright 11, Mayo 23, Kaman 14, Carter 15

Continua inesorabile la marcia (4-0) dei New York Knicks di Carmelo Anthony (31 con 10/22 dal campo), stavolta vittima i Dallas Mavericks; i Mavs sono stati in scia dei padroni di casa per 3 quarti tanto da essere sul -1 (67-66) dopo 5′ del 3° quarto, come sempre J.R Smith esce dalla panchina e da la scossa infatti nei 5′ che seguono NY piazza un break di 12-4 per il +7 (78-71), vantaggio che amministrerà fino a 7′ dalla fine del 4° quando Melo e Chandler firmeranno un 7-0 per il +12 (98-86)!

Atlanta Hawks – Miami Heat 89-95
ATL: Smith 13, Horford 10, Korver 11, Teague 20 (11 ass), Morrow 17
MIA: James 21 (11 rimb), Bosh 24, Chalmers 12, Allen 17

Senza Dwyane Wade i Miami Heat colgono il loro 1° successo esterno dell’anno e lo hanno fatto con i 45 punti del duo James-Bosh; Atlanta però gliel’ha fatto sudare, a 3′ dalla sirena finale gli Hawks arrivano fino al +2 (87-85) dopo un parziale di 12-3, Korver ha la chance per dare il colpo del K.O ma prima sbaglia il tiro e poi perde palla. Dopo l’errore del biondo Miami chiuderà il match con un 10-2 col fadeaway di LeBron a 13″ che gelerà la Philips Arena.

Memphis Grizllies – Houston Rockets 93-85
MEM: Gay 21, Randolph 15 (14 rimb), Conley 14, Bayless 12
HOU: Parsons 19, Asik 10 (13 rimb), Harden 18, Lin 15

Terzo K.O consecutivo per i Rockets di James Harden (18 con 4/18 dl campo), sconfitti a Mempgis contro i Grizzlies dell’affermato duo Gay-Randolph; a segnare la partite però sono state le seconde linee di coach Hollins, infatti nei primi 7′ del 4° quarto hanno lasciato solo 7 punti agli avversari spingendosi dal +1 (69-68) al +12 (87-85) con 4′ da giocare.

New Orleans Hornets – Charlotte Bobcats 107-99
NOH: Aminu 14, Davis 23 (11 rimb), Anderson 25
CHA: Kidd-Gilchrist 12, Biyombo 6 (13 rimb), Walker 13, Sessions 13, Gordon 34

La “Kentucky Reunion” viene vinta molto bene da Anthony Davis (23+11), trascinatore degli Hornets sui Bobcats dell’amico Mike Kidd-Gilchrist e di un Ben Gordon da 34 uscendo dalla panchina; proprio la prima scelta assoluta ha deciso il match nel 3° quarto, i Bobcats si sono fatti sotto fino al -3 (61-58) dopo 4′ del 3°, Davis ha risposto con un personale 9-0 di break in 3′ dando il +12 (70-58), New Orleans non si è più guardata indietro.

Oklahoma City Thunder – Detroit Pistons 105-94
OKC: Durant 25 (13 rimb), Ibaka 25, Westbrook 10, Martin 16, Maynor 13
DET: Prince 16, Monroe 14 (10 rimb), Knight 11, Drummond 22

Esordio vincente per la 3^ uniforme (anni 70) degli Oklahoma City Thunder che hanno archiviato i poveri Pistons (0-6); OKC domina il match ed entra nel 4° periodo con 14 punti di vantaggio, Detroit ci mette l’orgoglio e arriva a -5 (79-74), Eric Maynor diventa il go-to-guy dei Thunder e con lui i padroni di casa mettono un 14-3 che ghiaccia il match sul +16 (93-77) a 5’47” dalla fine.

Minnesota Timberwolves – Indiana Pacers 96-94
MIN: Williams 15, Pekovic 13, Budinger 18, Shved 11, Cunningham 11
IND: West 19, Hibbert 10, Hill 29

Chase Budinge eroe della notte a Minnesota, segna 18 punti dalla panchina e anche il buzzer-beater che decide il match; a 3″ dalla fine succede di tutto, tripla di george Hill per il pareggio a quota 94 e quasi sulla sirena Budinger segna un layup su grande assist di Kirilenko! In 8 decimi di secondo Hill prova una preghiera ma non sarà accolta

Gli ultimi 3″!
[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=hKqh9lkQEsE&hd=1]

Phoenix Suns – Cleveland Cavaliers 107-105
PHX: Gortat 12, Dragic 26, Brown 22, Telfair 13
CLE: Gee 15, Thompson 10, Vareajo 14 (10 rimb), Waiters 23, Irving 17, Gibson 19

Pazzesca rimonta dei Phoenix Suns a Cleveland con Goran Dragic e Shannon Brown protagonisti assoluti; ad inizio 2° quarto i Cavs spediscono sul -26 (42-16) gli ospiti e alzano le mani dal manubrio, Phoenix non molla, ci crede e a 2’24” dalla fine piazza un 7-0 che vale il +4 (102-106) a 19″ dal termine. Tripla di Gibson per il -1, Telfair fa 1/2 dalla lunetta e sulla sirena Irving non riesce a vincerla!

Sacramento Kings – San Antonio Spurs 86-97
SAC: Thompson 17, Cousins 14, Evans 12, Thomas 10, Thornton 17
SAS: Leonard 11, Duncan 23 (12 rimb), Mills 18

Tim Duncan accende il bus e si porta a scuola DeMarcus Cousins nella vittoria esterna degli Spurs a Sacramento; i Kings hanno lottato con onore fino a 4′ dal termine, poi l’esperienza degli speroni è venuta fuori con un 5-0 che ha dato il +9 (77-86).

Denver Nuggets – Utah Jazz 104-84
DEN: Faried 18 (10 rimb), Koufis 15 (10 rimb), Iguodala 15, Brewer 20
UTA: Millsap 11, Jefferson 4 (11 rimb), Hayward 15, Favors 10 (11 rimb), Foye 13, Kanter 13

Italian Job: Gallinari 5 pt (2/9, 0/2, 1/2), 6 rimb, 4 ass, 1 stop

Malgrado la serataccia al tiro del Gallo (2/11) i Nuggets conquistano la terza vittoria consecutiva vincendo a Salt Lake City; Denver è in ritmo e nel 3° quarto si costruisce un ottimo +21 sugli avversari, Utah prova a rimontare ad inixio 4° portandosi sul -12 (63-75) ma un 7-2 (tripla+tripla con fallo) di Brewer ha ridato 16 lunghezze di vantaggio (65-81) spegnendo i sogni di rimonta dei Jazz

Los Angeles Lakers – Golden State Warriros 101-77
LAL: World Peace 10, Gasol 14 (16 rimb), Bryant 27, Morris 10, Hill 14
GSW: Lee 10, Thompson 15, Curry 18, Landry 6 (11 rimb)

Alla prima senza coach Brown i Lakers sfogano la loro frustrazione e battono i Warriors con un’ottima prestazione corale (a parte i 6+8 di Howard); i Warriors cercano il doppio-colpo allo Staples ma stavolta i Lakers non si addormentano nel 3° periodo e lo chiudono con un super 18-5 che li consente di entrare nell’ultima frazione avanti 72-55

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B