Phil Jackson, perché si e perché no..

I tifosi e la dirigenza stanno spingendo forte per riavere il coach Zen con loro e guidare questi Lakers dritti al titolo, ma sarà una mossa azzeccata?

La pallacanestro giocata è passata ufficialmente in secondo piano quando venerdì sera i Los Angeles Lakers hanno licenziato coach Mike Brown, fosse successo in un’altra piazza non si sarebbe tirato su questo tifone mediatico ma siamo a Hollywood, e quando sabato i giallo-viola hanno accolto la richiesta dei tifosi di riprendersi coach Phil Jackson…apriti cielo!

Il coach Zen ha superato Mike D’Antoni (che rimane comunque in gara) in cima alla lista e le parti stanno negoziando, i Lakers si sono sbilanciati a dire che al 95% la stretta di mano tra Jimmy Buss Jr. detto “Il Trota” e lo pseudo-cognato (Phil non è ancora sposato con Jeanie,ndr) ci sarà.

Qui di seguito voglio discutere con voi i pro e i contro di questo ritorno che sembra imminente,

PERCHÈ SI!

– È l’unico allenatore nel globo terrestre che ha la stima di Kobe Bryant.

–  È l’unico allenatore nel globo terrestre che può gestire Kobe Bryant.

– Sa gestire le stelle e metterle al loro posto.

– Conosce L.A meglio di Steven Spielberg e sa come muoversi in queste situazioni.

– È motivato, perché se ha deciso per la seconda volta di tornare dalla pensione è perché si annoiava.

– Riporterebbe il  triangolo che diede tante soddisfazioni ai Lakers.

– È un vincente e vuole vincere.

– Sa come lavorare sulla psiche dei giocatori prima che sulla tecnica.

– Ha avuto e portato al massimo Shaquille O’Neal, qui si ritrova Dwight Howard.

PERCHÈ NO!

– Non è una squadra fatta da lui e queste cose non gli piacciono.

– Il triangolo, Metta World Peace ci ha messo (forse) due stagioni a capirlo, Howard quanto ci metterà?

– Nash non è un PG da Jackson il che comporterebbe un ridimensionamento da parte del canadese.

– Nel suo ultimo anno Bynum era più comprimario che protagonista, se accadesse con Howard come reagirebbe l’ex Magic?

– I rapporti con Pau Gasol sono andati sempre più deteriorandosi nell’ultima annata.

– Non ha il suo uomo jolly (Lamar Odom, ndr) che gli esce dalla panchina

– Il suo tramite panchina-campo, Derek Fisher, tornerebbe solo verso marzo.

– DEVE vincere e non può permettersi errori in una piazza che ci metterebbe poco a fischiarlo

 

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B