D’Antoni batte Brooklyn alla prima, ok New York

Young e Richardson battono i Raptors di Bargnani, Knicks facili a New Orleans (senza Davis), Laker in volata sui Nets con Kobe.

 

 

 

Philadelphia 76ers – Toronto Raptors 106-98
PHI: Turner 12, Y.Young 18, Richardson 21, Holiday 19 (12 ass), N.Young 23
TOR: Bargnani 22, Valanciunas 11 (11 rimb), DeRozan 24, Calderon 13 (12 ass), Lowry 13

Italian Job: Bargnani 22 pt (8/16, 2/5, 0/2), 7 rimb ( 2 off), 1 ass, 1 rec, 2 perse

Torna Kyle Lowry nelle file dei Raptors ma Toronto cade nel 4° periodo a Philadelphia contro i Sixers di Nick Young; proprio il rientrante Lowry è protagonista nel finale in volata, prima pareggia a quota 96 con 1’58” da giocare, gli risponde Jason Richardson con un gioco da 3 punti (99-96) e a successivamente l’ex Rockets sbaglierà 2 liberi che risulteranno decisivi. Infatti sul capovolgimento di fronte J.-Rich sparerà la tripla del K.O con 1’20” da giocare (102-06).

New Orleans Hornets – New York Knicks 80-102
NOH: Anderson 15, Lopez 11, Rivers 14, Vasquez 10, Roberts 13
NYK: Brewer 10, Anthony 29, Chandler 7 (12 rimb), Feton 15, Smith 15

Comodo successo esterno per i Knicks che passano a New Orleans contro degli Hornets privi di Anthony Davis (caviglia); i padroni di casa stanno in partita fino a 10′ dalla fine del 3° periodo (52-56), poi subiscono il break di 8-0 per il +12 NY (52-65), la frazione reciterà 30-16 Knicks e all’inizio del 4° gli ospiti ci entreranno avanti di 19 (64-83), bene Carmelo Anthony con 29 punti con 12/22 dal campo.

Los Angeles Lakers – Brooklyn Nets 95-90
LAL: World Peace 17, Gasol 17 (11 rimb), Howard 23 (15 rimb), Bryant 25
BKN: Lopez 23, Humphries 7 (10 rimb), Johnson 14, Williams 22 (10 ass), Evans (11 rimb)

Mike D’Antoni non stecca la prima ufficiale sulla panchina dei Lakers e batte i Nets in match molto combattuto; a 3’05” Dwight Howard chiude un alley-oop per l’86-86 dando vita ad un mini-break di 5-0 per il +3 Lakers (89-86) a 1’58” dalla conclusione. Nel finale i Nets cercheranno l’assalto ma Kobe Bryant sarà chirurgico dalla lunetta (6/6) negli ultimi 17″, a 4″ C.J Watson ha la palla del possibile pareggio ma la sua tripla non troverà fortuna.

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • Accio

    Comunque Bledsoe fu scambiato per una futura scelta al draft (protetta fino a dove non si sa) dei Clippers. Che all’epoca erano poco più di una barzelletta.

    Il problema è che ora sono una signora squadra. Certo è che questo Bledsoe è tanta roba. Molto più di una prima scelta protetta.

    P.S. Smettetela di fare però questa ironia. Ognuno ha i suoi tic e GM/player preferiti. Ironizzare sui preferiti degli altri è solo indice di grossa immaturità. Altro che ironia.

  • Nitrorob

    Accio io tifo Thunder se non si era capito!
    e credo al Genio di Presti!:-)
    quindi faccio auto ironia!!
    e sinceramente non mi interessa se qualcuno prende per il culo i thunder presti o KD (se trovano qualcosa da dirgli a lui ahah) alla fine si scherza!!

    cmq ecco grazie dell’aneddoto non lo sapevo! chissà se mo lo rimpiangono?

  • Procionide

    100 punti di Chamberlain

    Quella sera ai Knicks mancava il centro titolare, e la riserva si caricò di falli subito, quindi a marcarlo c’era una matricola.
    Inoltre fece 28/32 ai liberi, impresa difficile ma per Chamberlain ogggettivamente impossibile.

    Ovvio poi che la squadra a un certo punto iniziò a passare la palla solo a lui, per non parlare del fatto che era un altro basket (162 punti di squadra, se non sbaglio…)

  • Procionide

    100 punti di Chamberlain/2

    Come non detto, erano 169 i punti di squadra (e i Kinks ne fecero 147, alla faccia della difesa…).

    Per capirsi, in proporzione Kobe ha segnato di più quando ha fatto 81 punti (Wilt 59,17%, Kobe 66,39%)

  • gasp

    Se vi interessa,ecco la pagina di Wkipedia inglese sui 100 punti di Chamberlain http://en.m.wikipedia.org/wiki/Wilt_Chamberlain's_100-point_game

  • Haka

    Fare l’hack a shaq a partire dal terzo quarto in regular season lo trovo abbastanza patetico

  • michele

    accio

    non me ne frega niente di passare per immaturo, vengo qua per divertirmi e rilassarmi un po’.

    su presti ironizzo solo perchè ho un amico al campetto che lo venera, ogni osa per lui è “genialata/steal of the draft” di presti, qua non si raggiungono le sue vette ma a volte ci si va vicini.

    rob la base delle fortune dei Thunder è stata la scelta di Durant, è lì non c’entra erto il genio di presti ( che divenne gm dei Sonics poco dopo). E’ sempre cosa buona e giusta ricordarlo, Seattle drafted Durant!

    Diciamo che quando dopo tre anni di tanking di fila becchi scelte alte e prendi durant, westbrook e poi harden hai una buona base su cui lavorare.

    Molto più difficile ad esempio è prendere un giocatore al pick numero 21 e farlo diventare quello che adesso è Rajon Rondo….

    tra l’altro lo stesso atteggiamento lo critico verso quei tifosi celtici convinti che ogni cosa toccata da ainge si tramuti in oro, non scrivo più su iamaceltic.it proprio per quello, mi ero stancato.

  • michele

    rob tra l’altro questo mio amico anche lui si chiede come mai perry jones non giochi, lui è convinto che sia un fenomeno e appunto l’ennesimo capolavoro steal of draft di presti ahahah ( inutile spiegargli che è scivolato cosi in basso nella scelta per i dubbi sul suo ginocchio altrimenti sarebbe stato scelto tra i primi 10). sappi che non sei l’unico a criticare brooks!

  • Nitrorob

    Bè io credo cmq che Presti abbia l’occhio lungo! perchè ok peschi dei ottimi giocatori, ma la squadra la devi cmq portare avanti!
    sono state le scelte secondarie che mi fanno credere alla bravura di Presti! (che poi è sempre umano, quindi non infallibile)
    Guarda su Perry Jones ho già detto tutto! problemi al ginocchio o no cmq lo devi far giocare! se non lo usi è come non prenderlo!
    lo stesso discorso di Sullinger, anche lui stesso problema di ginocchi e anche lui un mancato top 10! ma intanto a Boston i suoi 15 minuti li fa tutti! e non mi pare che sfiguri li in mezzo!
    Perry ha potenziale secondo me! e potrebbe proprio essere il cambio di Durant (quanto reggerà quel cristiano se gioca 40 minuti a partita per 82 partite??)
    però certo non essendo la non so com’è la situazione!
    (cosi come Lamb, lui non dovrebbe aver problemi)
    ps. io non critico Brooks, per me è l’allenatore che ci ha portato a 2 finali! critico solo il fatto che non faccia giocare i Rookie!
    cioè se non li fai giocare ora quando li fai giocare?
    ma sicuramente un motivo ci sarà!

  • michele

    beh fa bene se ha avuto problemi a non avere fretta, non essere impaziente!

  • tom

    ammiraglio

    ti confermo che ironizzavo su howard the duck.
    ci può stare sbagliare un libero ma … a pochi secondi dalla fine del 4/4, partita punto a punto contro i nets (con tutti i retroscena dell’anno scorso), lui si mette a ridere come un clawn fatto di elio?
    stoppa deron williams e si mette a ballare?
    🙂
    forse sono strano io ma in questo personaggio ci vedo poco di divertente, a me fa abbastanza tristezza.
    divertente è vedere benny the bull rovesciare i popcorn su una fila di spettatori, non il centro titolare della squadra + famosa dell’nba fare lo scemo in mezzo al palazzetto.

    sempre riguardo nets-lal, qualcuno mi sa dire perchè non viene + adoperato marshon brooks, da rivelazione dei rookie 2011 a comparsa 2012.
    ok, nel suo ruolo è arrivato jj che s’è fatto 41 minuti filati, ma potrebbe dare il cambio a wallace? dopo l’infortunio stenta a decollare. gli è stato preferito jerry casa della bistecca come cambio dalla panca…are u serious???

  • Nitrorob

    la pazienza è la virtù dei forti già!!;-)

    @Tom
    Jerry casa della bistecca! ahahahahah
    fantastico! sei un mito!!!:-)

    cmq mo ieri non ha giocato, ma nelle altre i suoi 20/15/10 minuti l’ha fatti! non sfigurando affatto tra l’altro!
    contro SAC ha fatto 14 punti in 12 minuti e 90% al tiro!!!!
    però certo a parte quello fa poco e altro!
    bo

  • Nitrorob

    F.M.B. buona fortuna per domani, 14 partite!!:-)
    non ti invidio proprio!

  • Ammiraglio

    Tom

    No, non sei strano te. Io non l’ho mai sopportato, come non ho mai sopportato Shaq ( che era pure molto più divertente), e non è che le cosa siano cambiate minimamente.

  • alert70

    A proposito di scelte al draft.

    C’è un test che valuta la capacità del cestista di essere concentrato sulla gara cercando di fare la cosa giusta.

    E’ una valutazione che ha messo piede nelle lega, sulla scia della NFL. Ebbene Bargnani ottenne delle valutazioni elevate. I risultati sono li da vedersi………heheheheh

    Quindi parlando di draft, troppo facile fare i fenomeni quando selezioni Rose, Duncan, Shaq, Garnett…….James………meno quando ti prendi Olowokandi, Brown…………..Bargnani….

    Presti è bravo, non è un fenomeno ma ha avuto la fortuna di pescare in draft talentuosi. Meno quelli dei Wolves che hanno pescato un Derrick Williams che di numero due aveva solo il numero, in un draft pessimo eccetto Irving, il numero 4 di Johnson (draft 2011, anche questo non memorabile). L’errore è stato il numero 6 Flinn, quando potevano pescare Jennings, Curry, DeRozan, Holiday e Lawson per rimanere nello stesso ruolo…….. Insomma facile commettere gli errori.

    I Kings di Petrie non male come GM ha recentemente selezionato Evans, Casspi, Cousins, Fredette e T-Rob, lasciando Rubio, Holiday, Jennings, Lawson e Gibson nel 2009, Marshon Brooks (Fredette) nel 2011 e Lillard nel 2012.

    Si dirà che T-Rob è buono, assolutamente si ma se sei in una condizione di relativa abbondanza nel ruolo vai dove sei messo male, nelle point guard position con il solo Thomas (pick alla 60!!!!).

  • alert70

    Stesso ruolo per Jennings, Holiday e Lawson, non DeRozan e Curry.

  • 50 punti nei playoffs valgono più di 80 0 100 punti in rs , nei playoffs nessuno ti regala niente, ogni pallone pesa quintali per importanza e quindi ogni punto è sudato e guadagnato.fare 100 punti in rs è come fare 6 gol contro una provinciale fare 40 o 50 punti nei playoffs è come fare una tripletta contro real o barcellona ecco tutto.jordan perchè è considerato il più grande ? perchè oltre a a fare tanti punti in rs ha fato 55 punti in finale e 63 pt in casa dei celtics di bird

  • tom

    alert

    “L’errore è stato il numero 6 Flinn, quando potevano pescare Jennings, Curry, DeRozan, Holiday e Lawson per rimanere nello stesso ruolo”

    ho letto il tuo commeto e se non ricordo male i wolves selezionarono flynn (pg) con la pick successiva a quella di rubio (pg) e nel solito draft, sempre al 1°giro, scelsero ty lawon (pg).
    il primo della lista ha fatto bene la stagione da rookie poi si è perso nei meandri delle trade, rubio lo conosciamo tutti, lawson venne spedito la notte stessa a denver.
    quindi i wolves sono stati doppiamente sfigati perchè tra i due play “pronto-uso” scelsero quello sbagliato.
    errori che stanno alla base di quella che rimane pur sempre una lotteria: o bene o male.

    discorso diverso per brooks (nets): dopo un ottima stagione da rookie durante la quale è stato pure decisivo in + di un risultato, nel suo secondo anno non gli viene dato spazio preferendogli addirittura un veterano di quasi 40anni. passare da 30min a 13 è un pò strano, in un ruolo fino alla stagione passata che lo vedeva starter e protagonista… non trovate?

  • marimba

    kobe bryant sei un giocatore finito, la vergogna anacronistica fatta a persona. dinosauro, sul finale di partita anche wallace ti prendeva in giro, urlandoti “non hai neanche la forza di tirare i liberi, vecchio senile” ritirati. fallo per chi si ricorda quando ancora toccavi il ferro.

  • in your wais

    Un grazie caloroso al mio fake per avermi portato in auge nella giornata di oggi

    Scorpacciata stanotte…Boston-Spurs sfida di anziani, Miami-Bucks (ok, sulla carta meglio i primi, ma Milwaukee ha comunque un bel record), Mavs-NY, Kings-Lakers, ed il top che sarà, a mio parere, OKC-Clippers

    Comunque a me Howard sta simpatico…nel senso, gli ultimi due anni è stato abbastanza ridicolo, per la gestione del “Magic Affaire”, allo stesso tempo, quelli che in campo invece di fare troppo i duri, ridono, nn si prendono troppo sul serio, o magari nn mettono il basket necessariamente al centro della loro vita, nn riesco a farmeli stare sulle palle

    Con Shaq, dopo tanto odio iniziale, tu lo stesso

  • in your wais

    Ne vogliamo parlare? L’aria di L.A. fa bene allo spirito…

    http://www.youtube.com/watch?v=hUpvKOCoDdo&feature=related

  • tom

    wais

    dopo le finali giocate con orlando, gli slam dunk e dpoy vinti a mani basse, howard ha ottenuto il rango di superstar ed è finito inevitabilmente sotto i riflettori con il risultato che ogni suo gesto viene amplificato oltre modo.
    per dire, avete nominato shaq: in versione opinionista a me non dispiace, è il suo habitat naturare l’intrattenimento e shaqtin a fool è una rubrica simpatica.
    quindi apprezzo chi sdrammatizza il business, dentro e fuori dal campo, come dici bene te “quelli che in campo invece di fare troppo i duri, ridono, nn si prendono troppo sul serio”.
    howard però con quei risolini dopo un libero ridicolo nel momento chiave della partita non ha sdrammatizzato ma preso per i fondelli chi lo stava a guardare.
    tanto per fare un esempio, qualche secondo dopo anche kobe si lascia trasportare dalle risate, prima di tirare i liberi – che butterà dentro senza problemi, non dopo averli sbagliati. quello di sdrammatizzare è anche un gioco psicologico con gli avversari (kobe è maestro in questo): “si ok, come vedi non mi provochi ansia anzi non ho nemmeno bisogno di concentrarmi per infilare un 2/2”.
    non lo da a vedere ma in quel momento è quello + sul pezzo di tutti.
    il solito modo di affrontare il gioco ma con mentalità e risultati opposti. quello di kobe ci stà, quello di howard è da rivedere…
    saluti

  • lilin

    anche io non riesco a farmi stare antipatico howard! in fin dei conti l nba è uno show e lui è uno degli attori principali. è bello vedere che nonostante tutto ciò che giara attorno a livello di business ci sia spazio per il divertimento. sono ragazzi come noi, fortunati perchè guadagnano milioni e fanno ciò che amano.
    sbagliare un tiro libero non è un problema serio se si guarda a ciò che gira nel mondo!
    inoltre credo che la risata in quel caso sia autoironica in quanto pure lui si è reso conto di quanto sia imbarazzante sbagliare cosi un libero.
    secoindo me tutto dovrebbe essere preso in modo piu easy, specialmente nella 10 gara di regular…

  • tom

    lilin pur rimamendo della mia idea rispetto il tuo diverso punto di vista, ben espresso ed in parte condiviso. salutoni

  • Ammiraglio

    Cazzo, da Nash non me lo sarei mai aspettato…

  • mav

    Dal Nash che ha passato l estate a fare parodie di vecchi film si:-)

  • Secondo me Howard è un buffone, soprattutto perché cerca di imitare Shaq; solo che non è capace ne di far ridere come lui ne di dominare come faceva lui. Poi se si cerca di giustificarlo dicendo che l’NBA ormai è uno show, allora è veramente uno show penoso.

  • Ammiraglio

    mav

    spiegasti un po’, sono curioso.

  • tom

    @ drdre

    stai seguendo le malefatte dei “nostri amici”? pensare che lo schifo non ha sosta da quasi un secolo ma se ne parla solo quando fa comodo ovvero per giustificare rappresaglie 100 a 1 di azioni i cui mandanti ed esecutori sono tutti da dimostrare.
    meno male che c’è mitt obama che pacificherà le fazioni opposte. oppure si chiama barack romney? in questo momento mi sfugge… salutoni

  • @tom
    Ahahah si proprio, ma tanto ormai è tutto standard. Il Top è che si sente dire in tutte le tv e notiziari “eh ma sono loro che hanno iniziato a lanciare i razzi”, riescono ancora a passare per le vittime. Ma poi davvero, quando “i nostri amici” invece bombardano a casaccio su tutto quello che si muove e si giustificano dicendo che sono avamposti terroristici, anche se ormai possono anche non giustificarsi del tutto, tanto chi gli dice nulla a loro.

  • tom

    tutto vero ma a casaccio fanno poco dato che iniziano sempre i bombardamenti dagli ospedali, centrali energetiche, scuole, infrastrutture varie…vabbè siamo off-topic… saluti dr’