Stern la fa pagare a Popovich: $250 mila!!!

Il Commissioner emana una super-multa alla compagine texana per le decisioni del suo allenatore a Miami.

Se l’era legata al dito e aveva detto che avrebbe preso dei provvedimenti nei confronti dei San Antonio Spurs e lo ha fatto, il Commissioner David Stern ha punito severamente i nero-argento e il loro coach Gregg Popovich per la decisione di non aver schierato i suoi top-player nel big-match a Miami.

L’NBA ha ufficializzato la multa ossia $250 mila, ecco le motivazioni del Commissioner basate sull’articolo 35: “Gli Spurs hanno messo a riposare 4 giocatori (Green il 4°, ndr) ad inizio stagione in un match di regular-season, la squadra ha fatto anche questo senza informare gli Heat, i media, o l’ufficio NBA in modo tempestivo modo. In queste circostanze, ho concluso che gli Spurs hanno svolto un cattivo servizio alla Lega e ai nostri tifosi”.

Marc J.Spears di NBA On Yahoo ci ha avvisati che non ci sarà una multa per coach Pop.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • michele

    sarà curioso vedere l’arbitraggio di una eventuale finale di conference tra gli spurs e i thunder della “dream finals lebron vs durant for all the true basketball lovers”, stern non perdona.

  • mjrossit

    Fossi in popovich lo rifarei fino al licenziamento.

  • Paul

    Ci sono andati giù pesante. Comunque sto dalla parte di Popovich: se la partita fosse stato un massacro la multa avrebbe un senso, ma i fatti dicono che la second unit degli Spurs è stata in partita sempre e l’ha persa a 15 secondi dalla fine. Indipendentemente dal non aver schierato i “Big” lo spettacolo c’è stato eccome.

  • Non lo farà, ma Popovich per me è tentato di giocare la prossima con Duncan e tutti quelli della D-League (Austin Toros)

  • mjrossit

    due cose: 1) popovich ti prego schiera tutti i big e dopo il primo minuto toglili per tutta la partita.
    2) multiamo i bobcats e i wizard

  • michele

    Oggi gli Spurs danno fastidio ed è indubbio, comunque in passato ci sono state porcate di Stern da cui i texani hanno tratto beneficio ( basti solo pensare alla squalifica di Stuodemire nei playoff 2007), per non parlare degli arbitraggi dell’attuale galeotto Tim Donaghy. Le cose cambiano nel giro di un lustro……

  • Michael Philips

    Assolutamente scandaloso. Anche perché credo non ci sia nessuna regola interna che obbliga un coach a schierare tot giocatori.

    Brutta pagina della gestione stern.

  • mjrossit

    è l’ultimo anno giusto?

  • hayes

    Altra figura di mera da parte della dirigenza NBA. Tra l’altro Spurs sono pure andati vicini a vincerla. E se la vincevano? Andavano multati lo stesso, perché le motivazioni addotte da Stern sono indipendenti dal risultato della partita. Ribadisco, figura di merda della dirigenza NBA.

  • michele

    “brutta pagina”?

    perchè, ce ne sono anche di belle? non venitemi a dire la solita storia, con campioni del calibro di bird, magic e jordan, shaq etc un qualsiasi avvocato di provincia avrebbe portato la lega all’espansione globale avuta in quegli anni.

  • redbull

    a me stern sta parecchio sulle palle…però scusate se io fossi un tifoso spurs e fossi andato la in vacanza due settimane e avessi preso un biglietto per, mettiamo, 150 dollari per vedere i miei giocatori preferiti, mi sarei adirato non poco ecco

    si sa l’nba è diventato uno spettacolo, che piaccia o no

    però una multa mi sembra esagerata, alla fine se sei l’allenatore puoi fare ciò che ti pare senza rendere conto a nessuno

  • Dante

    Questa volta sono totalmente dalla parte di stern. Devi avere rispetto degli avversari e soprattutto dei tifosi, che come detto da redbull, pagano fior fior di quattrini per guardarsi queste partite con tutti i campioni in campo. Oltretutto era in diretta nazionale contro i campioni in carica, il turnover lo potevi fare con i magic..cioè io pago anche mille dollari per stare attaccato al campo e per cosa? per vedere splitter neal e de colo? Ma dai.. poco importa se dall altra parte c è lebron.

  • mjrossit

    ma state scherzando? e allora se andate a vedere le squadre di calcio e non entra il vostro idolo la squadra merita la multa? voi siete fuori di testa e con mentalità da dittatori.

  • gasp

    Facile dire che Stern è un coglione quando fa ste troiate ma voglio ricordarvi che prima del rabbino c’erano Erving,Magic,Bird,Jabbar ma le casse erano vuote

  • mjrossit

    …e l’anno scorso c’è stato il lock-out, chiuso, nel bene o nel male, grazie ai giocatori.

  • DW3

    bravo gasp non si può sentire che il business si è creato non sia soprattutto merito di stern; certo ha avuto anche del culo perchè il mercato cinese (quello che ha sostenuto l’nba in questa crisi) senza yao non lo sfondi ma è stato lungimirante in quello e in altri frangenti per l’espansione mediatica (che vogliono dire quattrini nelle tasche dei giocatori mica soldi che lui ruba e porta in sinagoga).
    inoltre pur avendo gestito in maniera dittatoriale (ne più ne meno del commissioner dell’nfl migliore lega pro al mondo) in molte situazione ha fatto il bene della lega con decisioni integraliste (es i fiumi di tecnici di un paio di anni fa che adesso si sono calmati ma hanno ad oggi migliorato la fluidità del gioco). con il sistema di prestiti inoltre ha evitato il collasso di metà delle franchigie nba che stanno tanto sul cazzo a VERI tifosi delle VERE e antichissime franchigie, ma il problema della competitività non deriva dal numero di squadre (NFL docet ancora).

    scusate il sermone ma mi sembra un argomento dove spendere due parole.

  • michele

    capisco che in italia abbiamo personaggi come galliani o abete che gestiscono lo sport e quindi l’aura dell’avvocato ebreo neqyorchese che scimmiotta henri kissinger nei modi e che mette a posto le casse della lega crei meraviglia e stupor mundis…i risultati che ha ottenuto li poteva raggiungere un qualunque manager dotato di buon senso avendo studiato i disastri delle gestioni precedemti. che sappia fare i soldi questo non lo discute nessuno, altrimenti non l’avrebbero tenuto li. ci fosse stato al suo posto un manager altrettanto capace ( cosa che non credo sia difficile trovare a meno di non pensare che il mondo, appunto sia popolato da galliani e abete) ma eticamente molto meno compromesso e viscido sarebbe stato meglio per tutti.

    lungimirante in cosa? chiunque dotato di sale in zucca avrebbe fatto le scelte chiave che hanno dato popolarità all’ NBA, ad esempio l’apertura dei professionisti alle olimpiadi col dream team, siamo seri.

  • DW3

    quindi quando fa bene era già tutto scritto mentre se sbaglia è tutta colpa sua ed era chiaro che fosse così?? ahaha hai una mentalità sempre aperta michele

    che poi anche nel mondo più realisticamente roseo dove sarebbe la lega con le azioni giuste del tuo normale avvocato?? ci sarebbero 14 lebron? tutte le squadre avrebbero i soldi e il fatturato dei lakers, la storia e il pride dei celtics, il sole di south beach, le cheerleaders tutte gnocche e i giocatori tutti usciti da harvard e con la faccia da bravi cittadini?? dai sei ottuso come pochi.

  • gasp

    Mah,vediamo se Adam Silver saprà fare meglio dirò Stern coglione,se farà le stesse cose o peggio del suo predecessore allora scommetto che verranno fuori i tizi che invocheranno un ritorno di Stern

  • lilin

    la verità sta nel mezzo secondo me.
    da una parte è chiaro che pop abbia lasciato provocatoriamente a casa i titolari per sue ragioni psicologiche e tattiche e probabilmente se avesse anche solo schierato 2 dei 4 non sarebbe successo sto casino. Un po se l è cercata visto che sapeva di essere in diretta nazionale contro gli heat.
    giusto il discorso sul rispetto per i tifosi perchè è come se io spendessi 100 euro per vedermi juve chelsea e la juve facesse giocare metà primavera e metà panchinari. Poco importa se poi perde 1 a 0 e la partita è combattuta, io voglio vedere i campioni giocare nelle grandi partite, immaginando pure che i biglietti costino piu di san antonio charlotte.

    tra l’altro pop non poteva sapere a priori che sarebbe stata una partita combattuta. se gli heat avessero anche giocato avrebbe fatto un doppia figura di merda.

    ha voluto forzare la mano ed esagerare ed è stato punito.

    dall’altra parte stern su tante cose è stato discutibile quindi sicuramente nemmeno lui passa per il santo.

    alla fine però propendo piu dalla parte di stern stavolta

  • jamikitt

    E se pop diceva che erano, acciaccati! Con piccoli infortuni! Sarebbe andato tutto bene.
    Quindi puniamo gli onesti, e costringiamoli ad annunciare falsi infortuni! E se dopo 5 trasferte uno dei tre si infortunava? Ci pensava Stern a rimpiazarlo?

    Cazzo è sport, non è mica il wrestling

  • lilin

    jamikitt
    il tuo discorso lo puoi fare per duncan e ginobili ma aggiungerci pure parker e perfino green vuol dire un po provocare non credi? sapendo che pure leonard è infortunato…non ci vedi malizia in tutti ciò??
    anche perchè il calendario è da un pò che lo conoscono a san antonio e il turn over non lo fai all ultima gara ma in genere a metà.

    io ci vedo malizia in quello che ha fatto popovich. E sfido a dire il contrario..

  • DW3

    è davvero una situazione limite perchè è vero che sono vecchi però proprio in diretta nazionale li doveva lasciare a casa senza avvertire prima la lega?? perchè non stiamo parlando di wrestling ma neanche di dilettantismo e lo stipendio del pop lo “paga” anche la tnt..

  • 8gld

    @redbull:
    “dopo la partita” se da tifoso questa non ti era piaciuta o ritenevi in errore Pop, ti lamentavi con la dirigenza Spurs o, eventualmente, con la Nba….più logica la prima. Poi il tifoso segue gli Spurs e, in questo caso, divertendosi oltretutto dopo le precedenti 4W a Est. Credo che la partita lascia decadere questo.

    @Dante:
    La partita giocata dagli Spurs credo abbia portato rispetto agli avversari e ai tifosi. Miami dopo la notizia dei big a tirato i remi in barca? lo fai per 2 max 3 quarti, non arrivi punto a punto….non dimenticando del quasi “pasticcio” di Lbj.

    @Mp:
    “Anche perché credo non ci sia nessuna regola interna che obbliga un coach a schierare tot giocatori”.
    Infatti. Se veramente sei un coach e se veramente hai le chiavi in mano fino a quando la TUA società te lo permette non vedo perchè non possa scegliere chi mandare in campo. Al massimo è la società Spurs a dover dir qualcosa.

    Il buon senso avrebbe richiesto il silenzio.

    Cmq non male portare in diretta nazionale i Miami punto a punto con le seconde linee.

  • jamikitt

    Lilin
    Ma se non c è una regola che lo vieti, come puoi venire multato?
    Stern si è fatto girare le palle perchè lui è il padre padrone, e deve decidere tutto lui! Stop!

    Per te è giusto che una grande squadra come gli spurs deve giocare la sesta partita in una settimana, contro i campioni in carica a riposo da 4 giorni? Ti sembra un calendario facile? A me no, e il turnover non lo faccio con i magic, ma con miami visto che probabilmente perdo anche al completo, e una vittoria con i magic vale come una a miami!

    Ma questo in uno sport, non in uno show come l attuale nba!

  • lilin

    jamikitt

    beh ma guarda che di solito il turn over lo fai dove gli impegni sono piu abbordabili. E’ un po ingenuo pensare che tutto si risolva al fatto che non voleva rischiarli tutti e 4 casualmente contro miami nella serata clou della settimana americana. pop lo conosci ed è un volpone…dai green adesso per precauzione non lo fai giocare?? maddai è una palese provocazione.

    il fatto che poi sia uscita una partita godibile è un caso perchè il discorso è sbagliato a priori.
    miami san antonio che piaccia o no è un evento sportivo di grande interesse e mi ripeto togliere 4 titolari su 5 non è una cosa normale.

    poi di fatto anche secondo me la multa è esagerata però non mi piace che popovich passi per vittima del sitema. E’ tutto meno che quello.

  • jamikitt

    Ma fare multe, senza che vi sia una regola è segno di dittatura, pura e cruda!

    Inoltre Lebron si è schierato publicamente con Pop, io lo ammiro per questo, ma occhio che ora il dittatore comincia a farti fischiare i passi contro 🙂

  • lilin

    su quello infatti sono d’accordo anche se sinceramente non saprei in che altro modo poteva punirlo.
    squalifiche mi sarebbero sembrate ancora piu assurde…boh non saprei davvero

  • 8gld

    beh, se proprio sentiva il bisogno di farsi sentire. Se proprio non gli andava giù la scelta del coach degli Spurs. Se ha letto da parte del coach il voler mandare un segnale “forte” sul calendario e sul fatto che era la 5 partita in pochi giorni e, sopratutto, dopo l’andazzo della partita che ha visto quelli con i titolari vincere di poco sui non titolari bastava, se proprio non riusciva a trattenersi e rimanere sulle sue posizioni che sono sicuramente quelle di non poter scegliere o sapere una formazione, bastava un semplice richiamo alla società Spurs. Al massimo una spiegazione, un volersi farsi sentire in modo “sensato” bussando la porta e non in un modo fuori luogo come è una multa. Una multa per cosa?
    Ma come, tu decidi i calendari e i giorni e io non posso scegliere chi mettere in campo?
    Ognuno al proprio posto, ognuno pensa al proprio ruolo e al proprio mestiere.
    Decidere quando far riposare i miei? su 5 partite mi gioco quelle sicure (4W) e riposo sulla più difficoltosa e con più alta percentuale di rischio….può bastare? non è così, è così? non è un problema oltretutto dopo aver “dato idea di basket” anche con la panchina.

    Il buon senso avrebbe richiesto il silenzio….al massimo una richiesta di spiegazioni bussando cortesemente alla porta, mettendosi ad un tavolo ed esporre le varie motivazioni da ambo le parti. Se no si “travalicano” i ruoli.

    I tifosi spurs che hanno visto la partita e hanno speso i soldi del biglietto?
    Sì….è quelli dei bobcats, Wash etc. etc.? cosa dovrebbero dire?

    Una motivazione il Pop l’avrà anche avuto ma di certo non è lui che a livello di basket ne esce in modo “ridicolo”….se di basket si parla.

  • in your wais

    Prima di Stern, la Lega era sull’orlo del fallimento, prese il comando nel 1984 e c’erano tante di quelle franchigie in rosso, e problemi di droga per diverse decine di giocatori, alcuni dei quali nn proprio di 2° livello (vedi Tarpley o Richardson)

    C’erano DrJ, Bird, Magic, ma nn era una Lega florida. L’ebreo, termine che piace tanto al sardo, a volte con metodi discutibili, probabilmente con sotterfugi o scorciatoie, ma allo stesso tempo con grande acume e lungimiranza, ha (nn da solo, ovvio), permesso alla NBA di diventare quel prodotto di marketing conosciuto in tutto il mondo

    Ed i benefici hanno investito tutti, dai giocatori, a chi come noi può permettersi di vedere una partita in streaming

    Michele, tu di basket ne sai quanto io di bricolage (oltre ad essere anche un cazzaro, ma questo è il meno). Che a te piaccia o meno, nel 2007 come oggi c’era una regola per cui in caso di risse o alterchi in campo, non si può lasciare la panca

    Regola giusta? Sbagliata? Questi gran cazzi, vale per tutti, nn solo per i Suns. Se dopo il fallaccio di Horry hanno ben pensato di farsi una camminata in campo, beh, poco furbi loro. Se conoscessi qualcosa in più delle 2 cazzate che ripeti a manetta sui Celtics, sapresti come NY perse una semifinale di conference per lo stesso motivo nel 1997

    Plain and simple…ma tanto, come direbbe D.B., che te lo dico a fare?

  • il manigoldo

    quoto michele in tutto e per tutto – forse tranne l’accento razziale, ma il paragone di megalomania con kissinger ci sta veramente tutto.
    sicuramente stern avra’ pure dei meriti, pero bisogna considerare anche il quadro globale.
    elenco di seguito questi punti
    – l’NBA a differenza degli altri sport americani che costituiscono la trinita’ sportiva made in USA – football NFL -> baseball MLB – riguarda la pallacanestro, ovvero sia il secondo sport piu’ praticato al mondo dopo il calcio – mi pare che il basket almeno in europa ( italia docet ) godesse gia’ di molto credito pressoche’ ovunque – tranne in gran bretagna -, a differenza degli altri 2 sport che tranne sporadici casi, non se li incula quasi nessuno. esiste forse un organizzazione internazionale che organizza mondiali, europei, olimpiadi di football ?? il superbowl sara’ pure l’evento piu’ seguito da tutto il mondo ma su 1 miliardo di persone che assistono a questo show, almeno 800 mila – cioe’ i non americani – non hanno un’idea di chi e cosa guardano. seguono solo quel match. e poi essendo una partita secca, e’ normale che se ultra pompata dai media, venga vista ovunque, un po come la finale dei mondiali di calcio che viene vista pure in ciad – rispetto sempre per i poveri fratelli africani.
    – avendo appunto il basket un seguito internazionale, la nascita delle reti televisive private – ahime’ berlusca – in tutta europa e nel mondo, ha sicuramente favorito quindi il suo successo globale. chiaro che tra i vari sport americani che c’erano, casualmente han proprio fatto leva sull’NBA …
    – fattore globalizzazione: non dimentichiamoci che il mondo prima di stern era diviso in 2 blocchi. e comunque anche nell’altra parte del blocco la pallacanestro era molto praticata – l’URSS faceva schifo, come no !!! e anche la cina partecipava seppur con risultati scadenti -. chiaramente l’apertura prima di gorbaciov e lesuccessiva caduta del muro, ha favorito quindi il suo sviluppo mondiale – oltre a quello degli introiti delle schifose aziende sportive sfruttatrici che ruotano intorno e di cui i giocatori fanno da testimonial eheheh … -. tra l’altro la cina direi che e’ un buon mercato con il loro miliardo e passa di persone …in quella nazione, con l’apertura alle multinazionali del settore – di cui mi fa senso fare i nomi -, e non solo, avevano tutti i vantaggi possibili a voler spingere l’esplosione globale del fenomeno – le tv le costruiscono li, le scarpe e i palloni pure ….
    ora lungi dall’essere io un marxista: amo il costituzionalismo americano, – ahime’ quasi scomparso – e, ad esempio quello splendido stato che risponde al nome di california. qui si parla di conoscere bene il marketing e l’industria. quest’analisi la potrebbe fare qualsiasi specialista del settore, ma anche una persona che fa un buon uso di mente locale. con l’avvento di jordan – primo fenomeno mondiale sportivo universalmente riconosciuto e qui siamo tutti d’accordo – si e’ data via all’era del brand che ha portato poi alla rovina, a livello qualitativo, di uno splendido sport che e’ diventato un circo, una giostra.
    stern non ha costruito binari e stazioni e treni, ha solamente guidato la locomotiva senza farla deragliare come del resto riuscirebbe a fare un qualsiasi uomo con un minimo di competenza.
    purtroppo oramai lo sport e’ un’azienda per la gioia del baron de coubertain. potrai essere anche un buon manager, cio’ non fa di te un amante del gioco in se, visto poi l’impoverimento dei contenuti che e’ sotto gli occhi di tutti.

  • il manigoldo

    mi scuso per le imprecisioni dialettiche del messaggio di prima, che comunque mi pare chiaro.
    tornando alla questione in se, popovich e’ stato un grande. non e’ sicuramente un bolscevico, un boicottatore, uno del kgb infiltrato: anzi direi che e’ proprio il contrario. semplicemente essendo una persona intelligente e di buon senso sa dove ci sono prese per i fondelli o meno. ma come si fa a stilare un calendario del genere, con miami che ha 4 giorni di riposo mentre gli spurs in quei 4 giorni han giocato 3 partite tutte fuori casa ??? e comunque, questa multa, puzza di sfiducia verso i restanti 11 elementi degli spurs, considerati merde quindi da chi rappresenta loro e il mondo del basket nba – stern – . ma mica ha arruolato gente dai playground !!! la salute dei giocatori e soprattutto la morale deontologica di un allenatore non deve sposare per forza le necessita’ del business, tantomeno quello squilibrato che il fantomatico avvocato propone.

  • max

    stern sta fuori come un balcone!!!!

  • Stern è un pagliaccio, quelli che gli danno ragione, significa che preferiscono il wrestling al basket. Frasi come l’Nba ormai è un business, sono la rovina dello Sport. È come giustificare il doping allora, se ti fa fare più soldi allora è giusto doparsi, che ragionamenti sono. Multare un allenatore perché fa riposare le sue stelle ultra-trentenni è da schifosi. Ormai sembra che il giocare a basket sia passato in secondo piano.
    Quoto in tutto e per tutto Il manigoldo.

  • michele

    come al solito iyw capisce fischi per fiaschi, ho detto solo che se agli spurs andava bene che stern applicasse tutti i cavilli del regolamento nel 2007 non dovrebbero lamentarsi quest’anno.

    manigoldo, quoto tutto.

    che poi solo la crassa ignoranza di certa gente impedisce di sapere che a fine anni 70 c’era stata una spaventosa crisi economica con recessione conseguente mentre negli anni 90 ci furono i babilonici anni clintoniani con il massimo grado di sviluppo raggiunto dagli states nella loro storia, l’NBA ha soltato seguito questi trend. fossi obama nominerei stern ministro del tesoro, col suo tocco ritenuto magico dai soliti fresconi sarebbe capace di creare subito 3- 4 milioni di posti di lavoro eheheheheheh

  • Quoto michele
    Adesso magari se ne esce qualcuno dicendo che è stato grazie a Stern che si è avuto uno dei più floridi periodi economici per gli Stati Uniti negli anni 90′.

  • michele

    dr.dre, colui che tu omaggi col tuo nick sì che è un genio, altro che stern o presti eheheheh