James & Bryant K.O, pazzesco Randolph!

James fermato nella capitale, Bryant nel Texas, Thunder ok a Brooklyn con giallo, bene i T-Wolves e super-Randolph contro Phoenix.

 

 

 

Philadelphia 76ers – Minnesota Timberwolves 88-105
PHI: Turner 19, T.Young 13, Richardson 13, Holiday 13
MIN: Howard 16 (10 rimb), Love 6 (10 rimb), Lee 10, Ridnour 10, Shved 17, Barea 11 (10 ass), Cunningham 13, Williams 10

Senza Kirilenko (schiena) e con un Love da 2/10 dal campo i Minnesota Timberwolves trovano in Josh Howard il go-to-guy per espugnare Philadelphia; Sixers mai in partita, gli ospiti prima chiudono i primi 12′ avanti di 13 (21-34) e poi toccano il +23 (40-63) dopo i primi 9′ del 2° quarto, Phila non riuscirà ma ad andare sotto i 14 punti di scarto.

Washington Wizards – Miami Heat 105-101
WAS: Beal 10, Price 14, Crawford 22, Seraphin 16 (10 rimb), Webster 13
MIA: James 26 (13 rimb, 11 ass), Bosh 20 (12 rimb), Wade 24, Allen 11, Miller 11

LeBron James celebra con una tripla-doppia la nomina di “Sportivo dell’anno” ma i Washington Wizards gli rovinano la festa; finale in volata, a 1’26” Wade firma il layup del -2 (101-99), Washington non troverà più il canestro dal campo per il resto della partita ma Miller e LeBron non riusciranno a segnare. Jordan Crawford non trema dalla lunetta per il +3 (104-101) a 6″ dalla fine, entra Ray Allen ma è James che prende il tiro sbagliando la tripla del pareggio!

Brooklyn Nets – Oklahoma City Thunder 111-117
BKN: Wallace 14, Humphries 12 (12 rimb), Blatche 19 (11 rimb), Johnson 17, Williams 33
OKC: Durant 32, Ibaka 18, Sefolosha 14, Westbrook 25

Oklahoma City passa al Barclays Center contro i Nets (senza Lopez ed Evans) malgrado i 33 punti di Deron Williams e una chiamata arbitrale molto contestata nel finale; -2 Nets a 1’52” quando KD si fa stoppare da Humphries, secondo gli arbitri è una stoppata irregolare quindi “goaltending” e canestro buono per Durant, +4 Thunder (106-110). La chiamata manda su tutte le furie giocatori e tifosi e nel possesso successivo Williams sbaglia il tiro, Westbrook spara da 3, sbaglia ma il rimbalzo offensivo è preda di Sefolosha che segna il canestro del +6 (106-112) a 36″.

Chicago Bulls – Indiana Pacers 76-80
CHI:Deng 17, Boozer 14 (10 rimb), Robinson 19
IND: George 34, West 10, Hibbert 10 (11 rimb)

Italian Job: Belinelli 6 pt (2/4, 0/1, 2/4), 3 rimb, 1 ass, 1 persa

Anche a Chicago vittoria esterna con giallo arbitrale contro i padroni di casa; a 39″ dalla fine Carlos Boozer segna col fallo ma sbaglia il libero che avrebbe dato il -1 (76-78), West sbaglia dall’altra parte e Chicago ha l’ultimo possesso del match a 14″ dalla sirena finale, Deng penetra sula linea di fondo e si fa stoppare da Hibbert (forse con fallo!), West poi gelerà il match dalla lunetta.

Memphis Grizzlies – Phoenix Suns 108-98 OT
MEM: Gay 14, Randolph 38 (22 rimb), Gasol 14, Conley 11, Pondexter 16
PHX: Gortat 11, Brown 10, Dragic 19, Scola 16, Dudley 13, O’Neal 12

Zach Randolph gioca una partita sensazionale con 38 punti (15/22 dal campo) e 22 rimbalzi (7 offensivi) trascinando i Grizzlies contro Phoenix; è servito però un supplementare agli ospiti per aver la meglio sui Suns, overtime raggiunto a 15″ dalla fine da Rudy Gay con Jermaine O’Neal che non troverà il canestro della vittoria. Nell’extra-time Zibo realizzerà 6 dei 9 punti di break (9-2) per il 96-103 a 1’50” dalla fine.

Houston Rockets – Los Angeles Lakers 107-105
HOU: Parsons 13, Asik 10, Harden 15 (10 rimb), Douglas 22, Delfino 15, Smith 21
LAL: Jamison 15, Howard 16 (12 rimb), Bryant 39

Kobe Bryant chiude a referto con 39 punti (14-31 dal campo) e i Lakers cadono di misura a Houston sotto i colpi delle riserve; L.A in pieno controllo del match a 9′ dalla fine sul +13 (77-90), i Rockets rimontano fino al -3 (91-94) e poi si mettono, anche loro, a giocare al fallo sistematico su Dwight Howard! Il centro risponde bene con un discreto 5/8 tenendo avanti i suoi 100-102 a 1′ dalla fine, da quel momento però break di 6-0 Rockets per il +4 a 13″, Kobe non ci pensa due volte e trova la tripla del -1 a 13″, Douglas fa 1/2 dalla lunetta lasciando a Kobe l’ultimo tiro ma non troverà fortuna ne lui ne World Peace che era riuscito a trovare il tap-in.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B