Belinelli batte Brooklyn, Clips x 9, ok Rubio!

Marco Belinelli decide la gara coi Nets, i Clippers suonano la nona sinfonia, vincono ancora New York(con brivido), Miami e San Antonio.

 

 

 

 

San Antonio Spurs – Boston Celtics 103-88
SAS: Green 12, Splitter 16, Neal 20, Parker 22
BOS: Pierce 18, Garnett 13, Lee 11, Terry 18, Barbosa 10

Anche quando Tim Duncan non gira (2/12) San Antonio non si abbatte, trovando nei restanti 4/5 del quintetto titolare una prova maiuscola, capace di abbattere i Celtics. Lo strappo che deciderà la gara in favore dei texani ci sarà nel quarto periodo, con gli uomini di Popovich che con un parziale di 13-3 faranno gioire i propri tifosi alla sirena finale. Per Boston, buona la prova di Terry e Pierce, mentre KG non sfrutta a pieno la serata no di Duncan, fermato da uno strepitoso Thiago Splitter.

Utah Jazz – Memphis Grizzlies 86-99
UTA: Millsap 12, Jefferson 21, Hayward 11, Kanter 10
MEM: Gay 14, Randolph 25 (16 rimb), Gasol 16, Conley 12

Guidati dal solito trio Gay-Randolph-Gasol (55 punti combinati) Memphis passa anche a Utah. Determinanti i rimbalzi offensivi per gli ospiti (18 totali) che hanno portato a ben 12 punti segnati con le seconde chanche, oltre ai 50 punti su 99 segnati sotto le plance, la maggior parte dallo scatenato Zibo. Con la quindicesima vittoria stagionale, Memphis si colloca saldamente al quarto posto della Wester Conference.

Chicago Bulls – Brooklyn Nets 83-82
CHI: Belinelli 19, Deng 17, Boozer 15, Noah 12
BKN: Lopez 18, Johnson 16, Williams 24

Italian Job: Belinelli 19 punti (4/6, 2/3, 5/5), 1 rimb, 2 ass, 3 rec

Con Belinelli top scorer della serata, i Bulls battono non senza troppi patemi dei Nets che affrontano il primo periodo duro della loro nuova vita. A 22” dalla fine sono i 4 punti consecutivi (due dalla lunetta) del ragazzo di San Giovanni in Persiceto a dare il vantaggio decisivo (79-83) rendendo inutile la tripla siderale di Deron Williams a pochi istanti dalla sirena finale.

New York Knicks – Cleveland Cavaliers 103-102
NYK: Copeland 11, Chandler 23, Felton 25, Smith 16, Novak 13
CLE: Thompson 10, Irving 41, Miles 17

Senza l’uomo del momento, leggi Carmelo Anthony, dolorante all’anca sinistra, i Knicks battono col brivido finale degli ottimi Cavaliers, trascinati dal solo mostruoso Kyrie Irving, a referto con 41 cesti.
Sul 103-101 per i padroni di casa, a 1” dal termine, Varejao (non al top la sua gara) trema compiendo un sanguinoso 1/2 dalla lunetta che manderà i titoli di coda al posto dell’overtime.


Miami Heat – Washington Wizards 102-72
MIA: James 23 (10 rimb), Haslem 13, Bosh 12, Wade 13
WAS: Beal 19, Martin 18

Miami conquista la sua quindicesima vittoria stagionale contro cioè che rimane dei Wizards, autori di soli 46 punti nei primi 36 minuti di gara (con Miami a 79 e con un rassicurante + 33 prima dell’ultimo quarto, dove hanno trovato spazio molte seconde linee per far rifiatare i “Three Kings”.

Atlanta Hawks – Golden State Warriors 93-115
ATL: Horford 17, Teague 10, Williams 16, Johnson 15
GSW: Barnes 19, Lee 20, Curry 18 (11 ass), Jack 13, Landry 19

Ormai i Warriors non sono più una sorpresa in questa stagione NBA, e la grande vittoria alla Philips Arena ne è la limpida dimostrazione. I ragazzi scatenati di Mark Jackson guidati dal trio Barnes, Curry e Landry (56 punti) gioca al gatto e al topo per un quarto con gli Hawks per poi scappare via già prima dell’intervallo, con un secondo periodo da 36 punti (49-62 alla sirena di metà gara). Nella ripresa continuerà il leit motiv, con i californiani i totale controllo del match.

Milwaukee Bucks – Los Angeles Clippers 85-111
MIL: Daniels 16, Mbah a Moute 11, Ellis 13
LAC: Griffin 18, Jordan 15, Paul 10, Barnes 21, Odom 10

Con un buon apporto del quintetto e una panchina lunga e affidabile, i Clippers abbattono senza troppe difficoltà dei Bucks conquistando la loro nona vittoria consecutiva, la striscia più lunga dalla stagione ‘74-’75, quando gli allora Buffalo Braves vinsero 11 match di fila.

Minnesota Timberwolves – Dallas Mavericks 114-106 OT
MIN: Kirilenko 14, Pekovic 21, Shved 18, Ridnour 15, Williams 16, Barea 14
DAL: Marion 14, Kaman 11, Mayo 20, Fisher 20 Brand 15

Senza Love da una parte e il solito Nowitzki dall’altra, sono i T-Wolves a spuntarla all’overtime. Alla fine dei 48 minuti regolari i padroni di casa mancano per ben 4 volte consecutive negli ultimi 30” il canestro della vittoria, annichilendo però dei Mavs stanchi all’overtime con un secco 12-4 che non lascia spazio ad interpretazioni.

Il Ritorno di Ricky
[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=0iPN0vVRyKw]

Detroit Pistons – Indiana Pacers 77-88
DET: Monroe 18, Knight 14, Stuckey 15, Drummond 11
IND: George 15, West 23, Hill 18, Hansbrough 11

Indiana si porta a casa una meritata vittoria al Palace di Detroit, con i padroni di casa tenuti in vita solamente dalle seconde linee. Sul 68-66, decisivo lo strappo di 11-0 per i ragazzi dell’indiana che a 3 minuti dalla fine giocheranno col cronometro per gestire il vantaggio accumulato.

Charlotte Bobcats – Orlando Magic 98-107
CHA: Mullens 12, Henderson 16, Walker 32
ORL: Davis 20, Vucevic 13, Afflalo 20, Nelson 16, Redick 14

Vittoria abbastanza agile per gli ospiti che con un’ottima prova da parte del quintetto titolare (in particolare Glen Davis e Arron Afflalo) riescono nell’ultimo quarto a espugnare la Time Warner Cable Arena, con un parziale di 15-5 negli ultimi 5 minuti. Undicesima sconfitta filata per i Bobcats.

N.S

N.S

Dal sangue verace romagnolo, ma cresciuto 19 anni in quel di Como (in parte assieme proprio a FMB), si innamora della palla a spicchi nell’ormai preistorico 2001 (militando in squadra con FMB), al Pianella di Cantù per il derby contro i cugini varesotti. È un inguaribile tifoso Lakers, Packers e del Cesena calcio, venera Jason Williams e le IPA luppolate e la jersey dei Raptors di Damon Stoudamire. Nickname: N.S

  • in your wais

    Contentissimo per Marco, questo è avere le palle. Ha avuto la sua chance, e la sta sfruttando benissimo…non era così scontato che pur avendo più minuti, riuscisse a far bene. Lui non solo sta facendo bene, ma sta giocando proprio da paura, ed i Bulls, anche grazie a lui, sono oltre il 50% pur senza l’intero back court titolare

    E spero che quando tornerà Hamilton, sarà l’uomo di Connecticut a partire dalla panca, che Marco in quintetto rende il triplo

    Non che giocassero contro i Lakers dello showtime, ma Minnie senza Love vince un partita. Rubio subito cazzuto, stupenda la standing ovation per lui al momento dell’ingresso in campo, il pubblico sembra davvero stravedere per lui

    E lui ricambia facendoli divertire, davvero la sua facilità di passaggio ricorda Kidd, per fantasia e precisione. Bene il quintetto Wasp, a fine partita Adelman,da genio qual’è, è andato con 3 nani (Barea, Ricky, Ridnour) + il vento dell’Est (AK47-Pekovic), che ha reso alla grande

    Ed il serbo, non capisco come si possa dire che non ha tecnica in attacco…già solo come riceve e converte i passaggi smarcanti denota ottime mani…poi si sa muovere in post, dalla lunetta…

    A me piace un botto, e si che i serbi per esperienze personali quasi li odio. Non quando sanno giocare a basket però. Poi io lo trovo spaventoso, ha la capoccia grossa come una cassapanca, due braccia enormi piene di tatuaggi…forse il giocatore con cui meno farei una rissa al momento

    Per il resto, Warriors quasi al 70%, dopo aver giocato ben 15 partite on the road. E senza Bogut. Davvero superbi. Come anche i Clippers, stanno a 9 di fila, e stanno trovando dalla panca di tutto di più

    Bledsoe e Crawford si sapeva, ma quanto sta facendo bene questa sponda L.A. a due ex Lakers? Barnes lo scorso anno sembrava un cadavere, ed ora gioca con una continuità spaventosa, Odom, dopo un inizio tragico, sta piano piano tornando in se, ed è un’altra arma totale

  • Nicola

    Grandissimo il Beli, fantastico!! Questi Bulls hanno veramente un’organizzazione straordinaria, non si spiega altrimenti un record del genere senza Rose e da un po’ di partite senza Hamilton e Hinrich. In questo momento penso sia una delle squadre meno talentuose dell’intera Nba ma hanno le palle quadrate, il che conticchia in questo bel giochino.

  • Paul

    Complimenti al Beli, alla faccia di tutti i criticoni. Continuo a pensare che il rientro dei “titolari” lo porterà in panchina ma lui sta facendo il possibile, forse anche di più, per avere un ruolo da protagonista.

  • salviamo trigari

    Applausi x il beli, giocando così thibo gli da 40 min fino alla pensione, altroché ritorno in panchina

  • hayes

    Festa!! Odom è tornato in doppia cifra, sarà quasi la prima volta da quando è stato scaricato dai Lakers!

  • Paul

    Ma Irving? 41 con 15 su 25 e un osso rotto. Giocatore vero, è già un All-star.

  • davide85

    Bravi i miei knicks che anche se menomati la portano a casa, monumentale chandler, un centro vero che nn scambierei proprio x nessuno neanche morto, e poi novak dovra spiegarmi un giorno come fa una volta ricevuta la palla dall arco, in un millesimo di secondo con la mano in faccia e mezzo scordinato a metterla da 3…sembra che tiri in una vasca da bagno! E un buon copeland, bravo treccina!! Cmq irving FENOMENO, tanta roba al di la delle statistiche, e onestamente la partita e finita col “brivido” finale solo grazie a questo ragazzo che si e inventato di tutto ieri sera, senno finiva tanto a poco…

  • shaq4ever

    iyw
    su pekovic non so se ti riferivi a me, io ho solo detto che non ce lo vedo come primo terminale, non che sia scarso eh

    l’evento della notte più che i bellissimi 41 di irving credo che sia il ritorno di rubio che in 18′ mette a referto 9 assist..uno più bello dell’altro
    ha una capacità di spettacolizzare i passaggi unica

  • Marimba

    Garnett sei un ex giocatore, ormai hai la cattiveria di un gatto siamese da appartamento, ritirati
    Washington verrebbe spazzata via anche dall’ Armani Jeans nelle sue serate di non grazia
    Belinelli cosa succede? Che tu stia iniziando?

  • Haka

    Fate molta attenzione all’evolversi della situazione Love, ho letto che sarebbe anche stato fischiato dai tifosi di Minnie.

  • gasp

    Complimenti al Beli che ha sfruttato i minuti dategli da Thibo dimostrando che in NBA ci può stare benissimo;Irving mostruoso,dimostra tutto il suo talento da grande giocatore qual’è

  • alert70

    Sto godendo come un riccio. Vedere Marco attaccare il ferro, segnare con continuità, difendere e vedere gli avversari mettergli addosso difensori diversi pur di fermarlo mi riempie d’orgoglio. Questo ragazzo infangato come pochi, specie dopo la disastrosa esperienza agli europei, si è messo in gioco in un team capitanato da Thibo, un allenatore che non guarda in faccia a nessuno, figuriamoci lui.

    Durante la gara si è visto marcato da JJ e da Bogans, il secondo è veramente tignoso.

    Quei sei punti nell’ultimo minuto e mezzo valgono tantissimo. Vederlo determinante ci fa capire come la squadra giusta e il sistema giusto fanno i miracoli. Questo è passato dal circo di GS, alla parodia di Toronto alle prime luci con NO ai Bulls di Rose.

    Se continua così Hamilton farà il panchinaro.

    Gara
    E’ girata al 5° fallo di Robinson. Dentro il rookie Teague.

  • alert70

    Rubio

    Adelman ha detto che è un miglior coach con lo spagnolo in campo. I telecronisti di parte Mavs che dicevano che è speciale.

    Come è entrato in campo la squadra ha giocato ad un altro livello. E’ impressionante la facilità di coinvolgere tutti e soprattutto anche l’atteggiamento dei compagni è diverso. Sembrano contagiati dal suo modo di fare. La palla gira che è una meraviglia, poi lo spagnolo ci mette del suo.

    Giocherà 18/22 minuti a serata per un pò il tempo di carburare.

    Questi avranno tutto il tempo per registrarsi a dovere. Ripeto quanto detto giorni fa, questi saranno tosti ai po. Hanno tutto per dar fastidio.

    Shved
    Che il ragazzo avesse talento era evidente ma quello che mi colpisce è la difesa. Ha marcato Mayo, non proprio l’avversario più facile, rendendogli la vita difficile. Interessante come non abbia ma saltato su una finta costringendo OJ a tiri complessi. Gran presa.

  • alert70

    Haka

    Non mi sorprenderei se lo cedessero. In fondo se dalla sua trade arrivassero dei giocatori funzionali al sistemna Adelman perchè no.

    Ho l’impresione che molti faranno le valigie, tra cui certi big.

  • deron

    Sento puzza di love-gasol

  • Falcio
  • jamikitt

    Love gasol è un pò squilibrato, lo spagnolo ha 32 anni ed è da anni in calo. Anche se vedere Gasol con Aldeman sarebbe uno spettacolo.

  • Secondo me i Lakers possono pure prendere Love e Granger, al posto di Gasol e metta per dire, ma se non difendono o non hanno un minimo di sistema offensivo, le partite avranno lo stesso copione, Kobe si prenderà un tot di tiri, gli altri si eclisseranno e si perderà. Non serve collezionare figurine senza una logica.

  • alert70

    jamikitt

    Gasol ai Wolves sarebbe perfetto. Lo spagnolo ci sguazzerebbe nel sistema Adelman. Unica controindicazione l’età. 8 anni sono tanti. Vero pure che Love alla scadenza del contratto andrà via.

    Per Gasol giocare al fianco di Rubio, con Kirilenko….non gli dispiacerebbe.

  • alert70

    Falcio

    A Love questo affetto verso il ragazzo dispiace e non poco.

  • in your wais

    Gasol-Love…in quale universo parallelo?

    Al di là del fatto che nn si capisce per quale motivo ogni giocatore di valore scontento o passibile di scambio deve finire ai Lakers

    Di sicuro Love accanto a DH12 ci sta tutto, può giocare a 7 metri dal canestro, sarebbe un Ryan Anderson più forte…

    Ma Gasol? Che cos’è il sistema Adelman? Non mi pare preveda le twin towers, non vedo perchè un giocatore come lo spagnolo, che da il meglio entro i 3 metri dal canestro, che ha un buon tiro ma fino ai 6 metri massimo, non vedo come si accoppierebbe con un giocatore fondamentalmente interno come Pekovic

    Il quale, si è rivisto stanotte, gioca da paura con un ala forte tattica come AK47

    Poi in quale galassia scambi un 24enne con un 32enne, a meno che quel veterano non sia l’ultimo tassello per costruire una squadra da titolo? Ora non è che tutti i GM siano dei pupazzi come quello di Orlando…

    Ripeto il mio non amore per Love (battuta), ma di sicuro Minnie, se proprio decide di scambiarlo, può ricevere in cambio molto, ma molto di meglio

  • Haka

    josh smith e gasol a minnie, pekovic e paccotaglia ad Atlanta (con una pick di minnie magari) e Love ai Lakers.

  • 8gld

    -Okc e Clippers tolgono il freno diretti ai p.o.
    -Bello rivederlo in campo. Con Rubio wolves possono prendere la rotta giusta insieme a Memphis e S. Antonio.
    -Su Irving poco da dire.
    -Bravo Belinelli. A Chicago c’è un coach.
    -Sembra che George a Indiana stia salendo di colpi.
    -Rimango perplesso di Dallas in ottica p.o.

  • alert70

    IYW

    Pek e Gasol farebbero fatica a coesistere. Con Adelman un Gasol da 5, Kirilenko da 4 non sarebbe per nulla male. Sarebbe una versione diversa del duo Webber Divac (sto esagerando).Ovviamente non accadrà salvo che con lo spagnolo arrivasse qualcun altro forte nel ruolo di guardia. Per far questo dovrebbero mettere sul piatto Pek e accozzaglia varia. Il che non so se varrebbe la pena.

    Non sono una contender ma se Love rompesse i marroni creando problemi in spogliatoio è ovvio che la cessione non sarebbe impossibile.

    Poi non sta scritto da nessuna parte che cedendolo, si accasasse ad LA.

  • in your wais

    Cioè…Minnie, per motivi a me misteriosi, si libera di un serbo di 25 anni che mi sembra bello tosto, e di Love, per prendersi un Gasol di 32 anni, con contratto da franchise player, ed un Josh Smith in scadenza, che al 99% nn rifirma?
    E questo per cosa, bontà d’animo?

    Poi oh, ormai nn mi stupisco più di niente, dopo quello che ha preso Orlando per veder andar via Howard…però spero che non siano tutti coglioni come i loro GM

  • in your wais

    “Poi non sta scritto da nessuna parte che cedendolo, si accasasse ad LA.”

    Parafrasando Moretti…le parole sono importantiiiii!!!!! Dai, non mi stravolgere la grammatica pure te

  • graphicplayer

    Al momento Pek Minnesota non lo scambia con nessuno. Si ritrovano per le mani uno dei migliori centri della lega, fa 15+7, non rompe le palle, difende ed è perfetto per il sistema. E ha solo 26 anni.

  • alert70

    IYW

    Hai ragione. Tra pranzo, una chiacchiera e distrazioni varie ho lasciato una bestialità mentre cancellavo e riscrivevo ad minchiam. Pardon me.

  • Haka

    che non rifirma lo dici te, se è per questo non rifirma manco con atlanta probabilmente, pekovic sarà quello che ti pare ma non è nuova la notizia che lo scambierebbero volentieri per gasol.

  • shaq4ever

    Gasol and Chris Duhon ($3.5 million) for Atlanta power forward Josh Smith ($13.2 million) and point guard Devin Harris ($8.5 million). The Hawks called this summer to inquire about a Smith-for-Gasol trade. The Lakers said no thanks. They would probably be a lot more receptive now.

  • lilin

    quindi avrebbero rifiutato i lakers???? mistero….

  • Falcio

    Mi sa tanto di bufala. Non avrebbe avuto senso per i Lakers rifiutare.

  • brazzz

    dio indossava il 32

  • gasp

    E giocava nei Lakers

  • brazzz

    esatto

  • brazzz
  • michele

    “Al di là del fatto che nn si capisce per quale motivo ogni giocatore di valore scontento o passibile di scambio deve finire ai Lakers”

    per diritto divino lol

    vabbè gasol è un ottimo passatore, nel sistema della princeton offense di adelman uno come lui, passatore alla webber, andrebbe bene…se solo avesse qualche anno in meno, quindi non se ne farà nulla.

    pessimo il trip texano dei celtics, quando a primavera ci sarà il cambio di passo servirà giusto per trovare un posto in griglia playoff ( ad oggi i celts sarebbero fuori).

  • DW3

    vista SA-BOS come penso la maggior parte dei clienti Sky.. tirata fino a 5-6 minuti dal termine dove sono piovute triple del supporting cast del pop più un parker versione MVP.. SA ancora miracolosa in RS vedremo ai playoffs, da notare i progressi di splitter e la vecchia volpe del texas sa che gli servirà come il pane contro memphis LAL LAC e OKC nella postseason, quindi per me gli spurs hanno una reale possibilità di titolo solo se il brazilian può stare 25-30 minuti in campo bene…

    per i verdi i vecchi si tengono ma quello che fa paura è che a parte pierce non hanno un closer.. rondo è l’anima ma pasticcia un po’ nel finale e soffre il francese.. ottima la prova di green ( a est può giocare da 4 continuativamente??) mentre il JEt spegne totalemente nel finale (vedasi mancanza di altri closer)

    per l’affaire LOVE dico solo che mettere nelle trattative pekovic non ha il minimo senso perchè è merce rara che però l’anno prossimo devo pagare 10 mln e non conosco le tasche di Taylor ma comubnque rimarrebbero sotto la luxury e anche di molto… pau sarebbe stupendo da 5 con adelman ma per lui adesso cedi un top3 forward e un top 10 center?? non siamo a orlando dai fate i bravi…

  • DW3

    mi stavo scordando immenso beli il romano con le sue palle diventava nowitzky