Pitino batte la sua bestia nera, Calipari!

Dopo tante sconfitte e alcune dolorose il coach dei Cardinals ha finalmente sconfitto Kentucky e il suo allenatore.

Finalmente dopo diversi anni di inseguimento conclusi con altrettante sconfitte Rick Pitino e Louisville posso fare finalmente la voce grossa contro gli acerrimi rivali dei Kentucky Wildcats allenati da John Calipari, battuti 2 giorni fa per 80-77 (highlights sotto) dopo anni di sconfitte, l’ultima delle quali lo scorso aprile nelle semifinali del torneo NCAA.

La squadra di Coach Calipari è solo una brutta versione della armata schiacciasassi della scorsa stagione conclusasi con il titolo NCAA ben 6 giocatori del roster scelti per la NBA e nonostante il talento di Noel e Goodwin non riesce ad esprimere qual gioco che a inizio stagione ci si aspettava dai Wildcats che senza un vero playmaker a dirigere le operazioni hanno già subito 4 sconfitte contro Duke, Notre Dame, Baylor e Louisville
Louisville invece è una squadra completa che già lo scorso anno sembrava pronta per completare l’opera vincendo il titolo, quest’anno però l’esperienza è il punto di forza dei “vecchi” Cardinals con Siva, Smith e Dieng a guidare la truppa piena di Sophomore di Rick Pitino verso il traguardo finale che manca a Louisville dal 1986 quando in campo c’era una delle prime scelte più deludenti della NBA ovvero l’ala Pervis Ellison che poi riuscì lo stesso a vincere il premio di giocatore più migliorato della NBA nella stagione 1992.

Se per Louisville è stata una vittoria da ricordare arrivata nel momenti di massimo splendore del programma negli ultimi anni, per Kentucky verrà registrata come un’altra partita utile per formare i giovani che con la prossima classe di reclutamento torneranno senza dubbio al vertice del Basket collegiale con buona pace dei tifosi di Louisville.

[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=W_UbUxMU290]

S.Bei

Sono di Rieti e ho una passione viscerale per il college basketball. Il mio giocatore preferito è Doug McDermott, non seguo particolarmente le vicende dei top team ma mi piace scovare giocatori promettenti nelle cosidette Mid-Major perchè a trovare il fenomeno a Kentucky, Duke o Louisville sono capaci tutti…il bello è trovarli dove non guarda nessuno! Nickname: Ste