Durant-show a L.A, Memphis all’OT, ok Bulls!

OKC passa a casa di Bryant, Deng trascina Chicago  al Garden mentre i Grizzlies superano gli Spurs in extra-time, bene Gallinari e Hornets.

 

 

Boston Celtics – Houston Rockets 103-91
BOS: Pierce 23, Garnett 17, Rondo 12, Sullinger 14, Lee 14
HOU:Parsons 18, Harden 24, Lin 12

Quinta vittoria consecutiva per i Celtics che decidono la gara contro i Rockets negli ultimi minuti del quarto periodo. Con i texani avanti di 2 punti a 7’ dal termine, un parziale di 11-1 firmato dal capitano bianco verde Paul Pierce regalerà il successo ai suoi. Solo 12 punti per Lin nella città dove ha passato i suoi anni da universitario.

Highlights
[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=58FjnXQT-H4]

Toronto Raptors – Charlotte Bobcats 99-78
TOR: Davis 12, Johnson 13, Calderon 15, Anderson 16,
CHA: Kidd-Gilchrisst 12, Taylor 10, Walker 12, Sessions 11 Gordon 12

Italian JobBargnani DNP

Con la vittoria sui Bobcats i canadesi hanno vinto la loro decima gara nelle ultime tredici (sempre assente Bargnani) e in nottata non c’è davvero stata partita all’ Air Canada Centre già dopo il primo tempo chiuso sul 53-36.


Brooklyn Nets – Phoenix Suns 99-79
BKN: Lopez 13, Johnson 19, Williams 15, Blatche 15, Brooks 17
PHX: Scola 12, Dudley 18, Dragic 12, Brown 15

I Nets asfaltano Phoenix (con Deron Williams uscito nel terzo periodo per un problema alla caviglia destra ma subito rientrato ad inizio dell’ultimo). Dopo un primo tempo equilibrato, lo strappo decisivo avviene con un 10-0 di parziale nel terzo periodo, mentre gli arancioni si scioglieranno segnando solo 26 punti in tutto il secondo tempo.


Atlanta Hawks – Utah Jazz 103-95
ATL: Smith 15, Horford 12, Harris 24, Williams 14, Pachulia 12, Johnson 13
UTA: Millsap 20, Jefferson 23, Foye 25, Hayward 12

Con un ultimo quarto da 35-19 i padroni di casa riescono ad avere la meglio su degli stoici Jazz, guidati da un grande Randy Foye (25). Fondamentale il ritorno per i georgiani di David Harris dal quintetto base che ha contribuito alla causa con 24 punti all’attivo.


New York Knicks – Chicago Bulls 101- 108
NYK: Anthony 39, Smith 13, Prigioni 12
CHI: Boozer 17, Deng 33, Hamilton 14, Gibson 12, Belinelli 12

Italian Job: Belinelli 12 punti (6/7, 0/4), 3 rimbalzi, 5 assist, 2 rec, 1 persa

A Chicago basta un primo tempo in cui New York decide di non presentarsi sul parquet del Garden (36-57 diceva il tabellone dopo i primi 24’) per archiviare la pratica Knicks. Non sono bastati i 39 punti di Carmelo Anthony, al ritorno dopo la squalifica di un turno successiva agli screzi con Garnett, che ha messo 29 dei suoi cesti nel secondo periodo per tentare una rimonta alla fine non riuscita nemmeno con i 41 punti dell’ultimo quarto. Ottima per i Bulls la prova di Luol Deng (33) solido sotto le plance e preciso dall’arco.

Highlights
[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=osHvCpwSunk]


Memphis Grizzlies – San Antonio Spurs 101-98 OT
MEM: Gay 23, Randolph 18, Gasol 10, Allen 10, Conley 21, Arthur 14
SAS: Duncan 13, Splitter 13, Parker 30, Ginobili 14

Agli Spurs non basta la solita prova dei tre leader Duncan, Ginobili e Parker (57 insieme) per avere sui Grizzlies che riescono a mandare in doppia cifra tutto il quintetto base e trovano dalla panchina, con Darrell Arthur, i punti decisivi per la vittoria finale. Dopo la tripla a 1” dalla fine di TP9 valida per l’OT, (95-95) i bianco-grigio-neri texani segnano solo tre punti nei successivi 5’ dove saranno Gay, Zibo e Arthur a dare il mini strappo decisivo.

Highlights
[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=YfybMLu2Low]


New Orleans Hornets – Minnesota Timberwolves 104-92
NOH: Aminu 12, Gordon 16, Vasquez 18, Anderson 15, Smith 14, Mason Jr 10
MIN: Kirilenko 17, Cunningham 12, Pekovic 18, Shved 11, Ridnour 20

Sotto di 18 punti nel primo tempo, gli Hornets tirano fuori l’orgoglio e nella ripresa trovano i punti decisivi dalla panchina (45-17 in questa statistica per NO) con Smith, Anderson e Mason Jr a suonare la carica. Dopo il pari a 6’ dalla sirena del terzo periodo (50-50) New Orleans scapperà via guidata da Greivis Vasquez (18) allungando fino alla doppia cifra di vantaggio finale. Senza Kevin Love per i T-Wolves è davvero durissima.

Highlights
[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=aiiBVlJD7Pc]


Milwaukee Bucks – Detroit Pistons 87-103
MIL: Ellis 13, Jennings 15, Udrih 15
DET: Maxiell 10, Monroe 26, Singler 10, Knight 20

Con 46 punti combinati, Monroe e Knight abbattono Milwaukee, vincendo la settima gara nelle ultime nove uscite stagionali. Con i Bucks sempre in partita e addirittura avanti nei primi 24’, al rientro in campo dagli spogliatoi, il parziale di 9-0 firmato Maxiell-Monroe permetterà ai Pistons di pareggiare (55-55 a6’ dalla sirena) e di portarsi via via in vantaggio, chiudendo il periodo sul +14 (60-74).


Denver Nuggets – Cleveland Cavaliers 98-91
DEN: Gallinari 23, Faried 17, Koufos 21, Iguodala 13, Lawson 13
CLE: Thompson 16, Miles 11, Irving 28, Waiters 18

Italian Job: Gallinari 23 punti (5/7, 3/6, 4/4), 7 rimbalzi, 2 assist, 4 palle perse

Anche per i Nuggets, decisivo il secondo tempo, dove Cleveland si scioglie come neve al solo dopo aver dominato lungo tutto la prima frazione chiusa sul 56-45. Denver impatta la parità con Miller a 9’ dal temrine (78-78) e Lawson negli ultimi 5’ freddo dalla lunetta e preciso dall’arco consegnerà il successo ai suoi.


Los Angeles Lakers – Oklahoma City Thunder 101- 116
LAL: World Peace 12, Clark 10, Bryant 28, Jamison 19,
OKC: Durant 42, Westbrook 27, Martin 15

Per la ventiquattresima volta in carriera Durant segna almeno 40 punti in un match, decidendo insieme al compagno Westbrook la vittoria contro quel che rimane dei Lakers (orfani ancora di Pau Gasol e con Sacre ancora nello startin five), ormai trainati per inerzia da solo Black Mamba (28). Periodo decisivo allo Staples Center il secondo periodo dove i Thunder segnano 39 punti, chiudendo il primo tempo sul 48-64, gestendo senza patemi fino al termine.

Highlights
[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=zvfP8w2QA-4]


Golden State Warriors – Portland Trail Blazers 103-97
GSW: Barnes 13, Lee 24, Thompson 16, Curry 22, Landry 15
POR: Batum 16, Matthews 10, Lillard 37, Babbitt 10

Tornano a vincere anche i Warriors che con Curry e Lee combinano 46 punti, rispondendo alla prova monstre del rookie Lillard (37). I Blazers sparano a salve dall’arco (15 su 43, dal 1985 mai nessuna squadra di Portland aveva provato così tanti tentativi dai 7,75)e sul + 20 per i padroni di casa (67-47) tenteranno la rimonta trainati da Lillard ma senza riuscirci.

N.S

N.S

Sangue Romagnolo ma cresciuto 19 anni a Como, si innamora della palla a spicchi nell’ormai preistorico 2001 (militando in squadra con FMB), al Pianella di Cantù per il derby contro i cugini varesotti. Tifoso Lakers, Packers e del Cesena calcio, venera Jason Williams, le IPA fortemente luppolate e la jersey viola dei Raptors di Damon Stoudamire. Nickname: N.S