James sconfitto a Utah, KD 41, Hawks -39!

Jazz bestia nera di Miami, Durant e Westbrook sbancano Phoenix, tripla-doppia di Rondo, puro allenamento per Chicago su Atlanta!
 

 

Washington Wizards – Orlando Magic 120-81
WAS: Okafor 19 (11 rimb), Beal 17, Price 18, Seraphin 18, Wall 12, Vesely 10
ORL: Vucevic 13 (13 rimb), Nelson 19 (12 ass), Redick 12, Davis 13

Super vittoria per i Washington Wizards che asfaltano i Magic in casa; capitolini dominano il primo tempo toccando anche il +19, i Magic reagiscono e riescono a chiudere l’intervallo sotto solo di 6 (59-53). Nel terzo quarto la difesa di Orlando sparisce dal campo e concede 37 punti ai Wizards che scapperanno sul +19 di nuovo (96-77).

Boston Celtics – Charlotte Hornets 100-89
BOS: Pierce 19, Garnett 7 (10 rimb), Bradley 16, Rondo 17 (10 rimb, 12 ass), Green 11
CHA: Kidd-Gilchrist 10, Warrick 16, Henderson 10, Walker 12, Gordon 12, Sessions 16

È stata necessaria una tripla-doppia di Rajon Rondo ai Celtics per superare i Charlotte Bobcats; a 8’52” dalla conclusione Charlotte recupera e da -11 arriva a -4 ma un break di 9-0 Celtics stronca le chance degli ospiti, +13 (87-74) a 5′ dal termine.

Chicago Bulls – Atlanta Hawks 97-58
CHI: Deng 18, Boozer 20 (13 rimb), Noah 9 (16 rimb)
ATL: Scott 10

Italian Job: Belinelli 6 pt (2/4, 0/1, 2/2), 1 ass, 2 perse

Partita mai iniziata allo United Center dove gli Hawks hanno messo in scena una partita inquietante; 24/82 dal campo, 59 rimbalzi concessi (15 offensivi), 14 perse sono i numeri a referto e il 22-5 subito nei 12′ del 2° quarto è valso il +28 Bulls (48-20).

Highlights
[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=wxNPCYCt6I0]

Memphis Grizzlies – Los Angeles Clippers 73-99
MEM: Randolph 15 (12 rimb), Gasol 8 (10 rimb), Ellington 11, Arthur 10
LAC: Griffin 10, Bledsoe 14, Crawford 16, Barnes 16

Privi di Rudy Gay (motivi personali) i Grizzlies cadono in casa contro i Clippers che a loro volta erano privi di Chris Paul; match deciso all’inizio, a 4′ dalla fine del 1° quarto Memphis guida 17-14 poi L.A piazza a cavallo del 1° e del 2° quarto un break di 20-2 col quale si porta sul 19-34 a 9’26” dal riposo lungo.

Highlights
[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=fndqKGHzIBM]

Dallas Mavericks – Minnesota Timberwolves 118-98
DAL: Nowitzki 10, Kaman 10, Mayo 20, Collison 23, Brand 20, Carter 10
MIN: Kirilenko 10, Cunnigham 12, Pekovic 20 (12 rimb), Barea 21

Gara coriacea di Dallas che espugna Minnesota con Elton Brand protagonista nel break decisivo; l’ex Sixers realizza 14 dei suoi 20 punti nel primo tempo tirando 7/8 dal campo, 8 dei suoi punti sono arrivati negli ultimi 4’51” del 2° quarti e hanno permesso ai Mavs di portarsi sul +10 (45-55) all’intervallo, vantaggio gestito fino alla fine

Utah Jazz – Miami Heat 104-97
UTA: Millsap 17, Jefferson 23 (11 rimb), Carroll 12, Hayward 22
MIA: James 32, Bosh 16, Wade 11, Chalmers 12, Allen 10, Lewis 13

Anche quest’anno gli Utah Jazz si confermano bestia nera dei Miami Heat con LeBron James versione agro/dolce; infatti James ha commesso goaltending sul -2 Miami (93-91) a 3’32” dalla sua interferenza sciagurata i Jazz sono scappati via sul 98-91 a 2’03” ghiacciando l’incontro.

Highlights
[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=_k-A3SCWMLM]

Phoenix Suns – Oklahoma City Thunder 90-102
PHX: Gortat 19 (15 rimb), Brown 21, Dragic 11, Beasley 14 (11 rimb), Telfair 14
OKC: Durant 41, Perkins (13 rimb), Westbrook 36, Martin 12

Stringono i denti ancora una vota i Thunder del duo Durant-Westbrook (77 punti!) e vincono a Phoenix; Suns che arrivano sul -4 (72-76) dopo 2′ del 4°, l’inerzia sembra dalla loro ma nell’azione successiva Duran sbaglia la schiacciata, rimbalzo offensivo di Thaneet che ri-apre subito per KD, bomba del +7 (72-79) e speranze Suns morte in quel momento.

Highlights
[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=KZ_Fg3Ci3HM]

Sacramento Kings – Cleveland Cavaliers 124-118
SAC: Salmons 14, Cousins 26 (14 rimb), Evans 18, Robinson 12m Thornton 20, Fredette 16
CLE: Thompson 17 (15 rimb), Zeller 13, Miles 17, Irving 15, Waiters 33, Casspi 10

Partita delle non difese a Sacramento dove non è stato sufficiente il career-high di Dion Waiters ai Cavs per vincere; azione chiave quella che a 4’08” dalla conclusione ha visto protagonista Jimmer Fredette, bomba spezza-gambe del +9 per il 112-103!

Highlights
[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=Y-8MfyFb4ss]

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • Michael Philips

    Io per esempio ho criticato Kobe per i troppi tiri, ma a differenza di westbrook che smazza quasi 9 assist a gara, il 24 ha collezionato tante prestazioni clamorose in cui si è preso lo stesso numero di tiri dei vari gasol+odom+bynum. Il problema di Kobe non è tanto il fatto di prendersi tot tiri, ma la palese mancanza di fiducia nei confronti dei compagni, che poi lo porta a prendersi in alcune occasioni vagonate di tiri, anche se non in giornata. Lo ha fatto con smush parker e liquame e mihm, ma lo ha fatto anche con shaq, con gasol+odom e bynum, e lo ha fatto oggi con artest, howard, gasol, jaminson e nash. Tutto qui.

  • fabiostoppani

    Carissimo Castrato tutto molto bello ma prima dicci chi sei! Svelati a noi. Fallo, ti prego, non avere remore.
    Concordo che a un giocatore come Ibaka gioverebbe con la presenza di uno come CP3 accanto. Cosi come K-Mart. Ma quello che non vuoi capire è che sono sistemi di gioco completamente differenti. Si possono cambiare a seconda dei giocatori? Certamente! Stai parlando della franchigia più plasmabile dell’NBA, avrebbero meno problemi di tutti gli altri ma non è detto che sia la più efficacie. Partendo dal presupposto che stiamo parlando di gente come Paul piuttosto che Westbrook non di Lin che dovrebbe sostituire il #0. Quindi benissimo, da una parte aggiungerebbe valore ma dall’altra ne perderebbe per i tanti motivi sopracitati che non sto qui a ripetere. OKC dovrebbe cambiare sistema di gioco per adeguarsi ad un giocatore rischiando forse di esser meno efficacie? Io dico farebbe male ma, ripeto non si parla di sostituire Westbrook con Felton.
    Piccole annotazioni sui giocatori. Westbrook realizza 6 punti in più di un Paul che prende 6 tiri in meno. Ma sono poco confrontabili i tiri che prende Westbrook con quelli di Paul. Tutta un’altra selezione e un altro range. La pressione (e i rischi che si riflettono anche nelle palle perse) che mette Westbrook non è confrontabile e lo spiegano anche i 2,5 liberi in mezzo in più che prende a partita. A questo proposito Paul sentenza? Quest’anno sta superando il 90%. Russell quest’anno è di un pelo sotto l’80%. Ma le medie in carriera non sono cosi dissimili (4% in + a favore di CP3) essendo dati anomali per entrambi rispetto all’ordinario. In termini di assist Westbrook ne smazza 8,4 quest’anno. CP3 9,7. Poi possiamo guardarne la qualità, la fattura ma stiamo parlando di poco più di un assist in più a partita. Ben lontani da medie stocktoniane da te citate. In quanto a recuperate Paul è il #1 ma Westbrook gli poco dietro. Insomma se guardiamo anche le mere cifre, il signor Westbrook ha poco da invidiare al candidato MVP Paul. Il tutto con 3 anni in meno e una integrità fisica non paragonabile. Certo se mi porti la partita coi Lakers dove anche Asik giocando da play, potrebbe farne 40…. Chiacchiere da bar. Svelaci piuttosto chi sei!

    Facile storpiarmi il nick. Almeno ho l’onesta di metter nome e cognome. Potrei storpiare anch’io il tuo nick. Ma verrebbe “Castratiello”. Non cosi bene per te…

  • michele

    mp beh griffin pero’ fa meno punti rispetto al suo anno da rookie perchè adesso i clippers sono una squadra con piu’ bocche da fuoco, molte che partono anche dalla panchina, e paul è un po’ il direttore di questa orchestra. almeno mi sembra così.

  • Castrate Russel Westbrook

    stoppanello davvero vuoi metterla sui numeri? Ti conviene? A me sa tanto di no. L’unica voce in cui Westbrok è superiore è la media punti, ovvio vista la quantità industriale di tiri che si prende in più, per il resto percentuali al tiro lo umilia, assist meglio Paul, rubate meglio Paul, rimbalzi siamo lì, il tutto con un piccolissimo particolare, uno gioca 33 minuti a partita, l’altro 36. Stai parlando di Paul manco fosse Calderon che pensa solo all’assit, muoio.

    Partita contro i Lakers? Era un esempio genio, se è per questo pure Westbrook le migliori partite le fa sempre contro i Lakers. Comunque tienitelo stretto eh, però non piangere a giugno quando ti farà perdere un’altra volta il titolo.

  • gasp

    @hanamichi
    Io non ho l’Xbox ma il mio amico e io spesso vado a casa sua per qualche partitella (anzi maratone!),non chiedermi che nome ha su Cod perchè non me lo ricordo

  • Mr Big Shot

    parli di quest’anno ma in carriera westbrook smazza 7 assist a partita contro i 5 di Bryant, non una gran differenza, peccato che uno sia un playmaker e l’altro una guardia (con percentuali diverse tra l’altro). Se a Kobe ogni tanto gli si chiude la vena ci può pure stare visto che il suo compito principale resta segnare così come lo era per Jordan, non mi pare tanto normale invece che un playmaker 10 volte meno efficente di Durant si prenda più tiri del 35 una volta si e l’altra no.

  • michele

    comunque tutti questi discorsi alla fine lasciano il tempo che trovano. se westbrook è davvero così forte come dicono i suoi fan i thunder non avranno problemi a vincere il titolo visto che due come lui e durant non ce li ha nessuno e avranno avuto ragione loro. se perderanno ancora in finale, magari contro miami, i detrattori di rw rialzeranno la cresta…basta solo aspettare giugno in fondo.

  • gasp

    Ha ragione michele,si vedrà a giugno
    Comunque Lebron nella prossima partita potrà diventare il giocatore più giovane della storia a fare 20000 punti e 5000 assist,o sbaglio?

  • Accio

    non sbagli. Mancan 5 assist e 17 punti. Quindi il traguardo è semplice.

  • Ammiraglio

    Westbrook è bravo ragazzi, avrà mille difetti ma è bravo. Ma non scherziamo, Paul è un’altra cosa.

  • gasp

    Cavolo,fare in 10 anni circa 20 mila punti e 5 mila assist sono cose stratosferiche da hall of famer assicurato

  • in your wais

    Ammiraglio

    A nn c’ho manco la scusa che sto col Blackberry o roba del genere, è tutto frutto delle mie dita sulla tastiera…