Belinelli castiga Boston, Durant dominante (52)!

Belinelli trascina Chicago a Boston, San Antonio batte Golden State, Denver perde in casa da Washington e Durant all’OT supera Dallas

 

 

 

Boston Celtics – Chicago Bulls 99-100 OT
BOS: Pierce 13, Bass 10, Garnett 16, Rondo 30
CHI: Boozer 19 (20 rimb), Noah 14 (13 rimb), Hamilton 20, Belinelli 10, Robinson 11, Butler 13

The italian Job: Belinelli 10 punti (3/5, 0/2, 4/4), 1 ass, 1 palla persa

Vittoria di overtime per i Chicago Bulls del nostro Marco Belinelli al Boston Garden, dove è anche protagonista sulla sirena finale, ottime le prestazioni sotto i tabelloni di Boozer e Noah mentre per i Celtics non basta la prova da 30 punti di Rajon Rondo. La partita è quilibrata per tutti i periodi e non stabilisce mai chi possa essere la squadra vincitrice, nel finale di gara a 20″ dalla fine, Garnett con 2/2 ai liberi da il +3 ai suoi (88-85), cosa che non fa Hinrich sul ribaltamento di fronte il quale sbaglia il primo libero; ma fortunatamente per i Bulls dall’altra parte Pierce perde una palla sanguinosa e regala la possibilità allo stesso Hinrich di rifarsi con il jumper della parità, sulla sirena Garnett sbaglia la tripla della vittoria. In over-time la solfa non cambia e non c’è una minima fuga, si arriva così al +1 Celtics grazie ad jumper dalla media di Terry a 12.5 dalla sirena; la rimessa dei Bulls non è effetuata benissimo, Boozer riceve spalle a canestro fuori area che spedisce la palla nelle mani del nostro Belinelli spalle alla porta dal gomito che si gira e in fay the way segna il canestro della vittoria con 3 secondi sul cronometro, a Lee non riuscirà il miracolo da metà campo.

Highlights
[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=iTcvcPZm7bQ]

Philadelphia 76ers – Toronto Raptors 108-101 OT
PHI: Young 27 (14 rimb), Allen 12, Holiday 33 (14 ass), Hawes 12
TOR: Davis 18 (10 rimb), Calderon 13, Anderson 18, Lowry 11 (11 ass), Ross 18

The Italian Job: Bargnani DNP

Nella sfida di coda dell’Atlantic Division tra i 76ers e i Tornto Raptors, dopo un over-time anche qui, ha la meglio PHiladelphia grazie alla prova super di Holiday (33 punti+ 14 assist) e Young (27 punti e 14 rimbalzi), per i canadesi ancora senza il nostro Andrea Bargnani arriva la quarta sconfitta in fila. Il primo tempo vede decisamente i Raptors imporsi e l’inerzia sembra tutta dalla loro parte ma un terzo periodo da 29-14 cambia decisamente le sorti della gara ma a 8″ dalla sirena finale Anderson con 2 liberi segnati regala il +4 ai suoi (92-96) e la gara sembra finita ma dall’altra parte prima Hawes piazza il canestro del -2 e subito dopo Calderon combina la frittata e perde la palla e Holiday non lo perdona pareggiando i conti a 2″ dalla fine. Nel supplementare Holiday dopo aver pareggiato si prende di forza la vittoria segnando tutti i punti della sua squadra (11) dominandolo, i Raptors sotto i suoi ripetuti colpi cedono a 2′ dalla fine.

Orlando Magic – Charlotte Bobcats 100-106
ORL: Vucevic 11, Affialo 23, Nelson 22, Redick 13, Nicholson 10
CHA: Warrick 15, Henderson 17, Walker 25, Sessions 15

Ad Orlando arriva la prima grande sorpresa della notte, dove i Bobcats riescono a vincere e a spezzare la striscia di cinque sconfitte consecutive, una prova di assoluto valore di Kemba Walker trascina decisamente Charlotte, mentre per i Magic non basta la coppia Nelson-Afflalo (22+23). Dopo aver chiuso avanti di 12 lunghezze il primo tempo, i Bobcats riescono a difendere il vantaggio nonostante i tentativi di rimonta dei Magic e un terzo periodo da  26-19 a loro favore.

Indiana Pacers – Houston Rockets 105-95
IND: George 31, West 20 (11 rimb), Hibbert 12, Hill 15
HOU: Parsons 16, Asik 22, Harden 17, Lin 10, Delfino 17

Ad Indianapolis arriva la sesta sconfitta per gli Houston Rockets dove essersi spento completamente l’effett Harden (17 punti), per i Pacers arriva una prova super di Paul George (31 punti) e come al solito una prestazione solida sotto le plance da parte di West da 20 punti e 11 rimbalzi. Il match gira all’inizio del terzo periodo dove un parziale di 19-7 sul 61-58 per Indiana spacca le gambe ai Rockets che non riusciranno più a ricucire lo strappo.

Brooklyn Nets – Atlanta Hawks 94-89
BKN: Loopez 20, Johnson 18, Williams 24, Blatche 11
ATL: Korver 11, Smith 12, Harris 17, Teague 21 (10 ass)

Senza Al Horford a causa di un infortunio al polpaccio gli Hawks perdono al Barkleys Center grazie ad un’ottima partita di Derron Williams il quale sembra aver decisamente preso in mano le redini della squadra; per Atlanta non basta la doppia doppia di Teague da 21 punti e 10 assist). La partita è molto equilibrata ma i Brooklyn nell’ultimo periodo sembrano aver indirizzato la gara a 2′ dalla sirena finale sono avanti di 8 lunghezze (90-82), un parziale di 7-0 griffato da una tripla di Teague e una schiacciata cost to cost di Smith spaventano i Nets i quali vengono tranquillizzati dai liberi di Williams che dalla lunetta non trema e con 4/4 sistema il punteggio sul 94-89; in mezzo tra i due viaggi in lunetta di Williams il tiro sbagliato di Teague con 43″ da giocare dove si infrangono le speranze di rimonta di Atlanta.

Memphis Grizzlies – Sacramento Kings 85-69
MEM: Gay 13, Speights 10, Gasol 18 (10 rimb), Allen 14, Conley 19
SAC: Cousins 22 (12 rimb)

Match senza troppa storia quello che si svolge a Memphis tra i Grizzlies senza  Zac Randolph per un infortunio alla schiena e i Sacramento Kings nei quali oppone resistenza solo Cousins con una doppia doppia da 22 punti e 12 rimbalzi; per i Grizzlies basta una prova piuttosto solida di Marc Gasol (18+10). I Kings hanno comunque dato qualche gratta capo di troppo ai Grizzlies che con 7:57 da giocare sul punteggio di 66-58 spaccano il match dopo un parziale di 11-5 chiuso da Allen e Gay.

San Antonio Spurs – Golden State Warriors 95-88
SAS: Duncan 24 (10 rimb), Splitter 19, Green 13, Parker 25
GSW: Lee 22, Thompson 21, Jack 20 (10 ass), Landry 15

In una gara da playoff tra San Antonio e Golden State, gli Spurs grazie alla solita prestazione del tandem PArker-Duncan vincono una gara assolutamente non facile, nonostante l’assenza per in fortunio di Stephen Curry. Gli Spurs prendono il sopravvento nell’ultimo minuto di gioco con un parziale di 9-2 propiziato da PArker e Grenn che a 24″ dalla sirena regala il 95-86 che non lascia scampo a Golden State ma solo un canestro di Lee a fissare il risultato poi sul 95-88.

Denver Nuggets – Washington Wizars 108-112
DEN: Gallinari 16, Faried 10, Lawson 29, Brewer 17, Miller 17
WAS: Webster 10, Okafor 10, Beal 23, Seraphin 18, Wall 14, Ariza 14

The Italian Job: Gallinari 16 (4/14, 1/2, 5/5), 1 rimb, 2 rec, 2 perse

La seconda sopresa della notte è seconda sconfitta casalinga stagionale dei Denver Nuggets, ma quello che la rende ancor più una sorpresa che arriva comunque contro l’ultima in classifica ovvero gli Washington Wizard di un grande Beal (23 punti); ai Nuggets non bastano i 29 punti di Ty Lawson. Alla fine del terzo periodo i Nuggets erano avanti di 7 punti (87-80), ma un parziale di 12-0 ad inizio ultimo quarto firmato da Washington stordisce completamente i Nuggets i quali non riescono più a prendere il controllo del gioco da quel momento alla fine del match.

Highlights
[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=RSEF5gzvfAg]

Dallas Mavericks – Oklahoma City Thunder 114-117 OT
DAL: Nowitzki 18, Mayo 18, Collison 15, Brand 10 (13 rimb), CArter 29, JAmes 10
OKC: Durant 52, Ibaka 11 (14 rimb), Westbrook 31, Martin 11

Nel Match della notte arriva in over-time a Dallas per gli Oklahoma City Thunder la vittoria consecutiva numero 6, per avere la meglio dei Mavericks di un Carter da 29 punti, c’è bisogno di una prova monster del solito Kevin Durant (52 punti) sorretta anche dai 31 punti di Russel Westbrook. A 2″ dalla sirena finale Mayo piazza la tripla della parità a quota 105, mentre in over-time il match è equilibrato e a 16″ dalla sirena finale ci vuole un jumper di Durant a decidere la gara, nonostante sul ribaltamento di fronte James sbaglia la tripla della vittoria e Westbrook fa 1/2 dalla lunetta; sulla sirena la tripla per il secondo over time di Carter non va a bersaglio.

Highlights
[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=cSkWgciJ-yk]

Nico P

Nico P

Appassionato di ogni tipo di sport, con il basket a svettare nella sua classifica, tifo Lakers e Broncos con la preferenza sempre verso la squadra più debole. Nickname: Nico P

  • Il Nichilista

    Basta siete tutti altamente rissosi e costringete la gente come me a scrivere cose che possono essere fraintese. A stò punto fanno meglio tutti quelli che non prendono una posizione, che dicono che sono uguali o che non sono paragonabili, almeno non si inseriscono nella rissa e si evitano incazzature.
    Cmq Durant probabile che vincerà l’MVP grazie al miglior record dei Thunder, è fortissimo ma James per il momento lo è ancora di più secondo la mia opinione (che penso si era capita).
    Ecco ho detto la mia. Pace e bene a tutti quanti, anche a Big Ben Wallace.
    Passo e chiudo.

  • Il nonno

    Leggo da un po’ questo forum/blog ma non ho mai scritto. Sono tornato da poco a seguire l nba dopo tanti anni che l’avevo abbandonata (sono un fan di buffa e tranquillo visto che m l’han fatta ricoprire loro).

    Non commento mai l nba perché sparerei troppe cazzate e mi piglierei un monte di insulti … Sono addirittura fan di buffa e tranquillo lol. Mi complimento con molti degli utenti perché, quando scrivete di questioni tecniche é un piacere leggervi. Davvero, meglio mille volte della gazzetta e di tutti siti che ho trovato fin’ora.

    Però di musica me ne intendo un po’ di più …. quindi, anche per restare in tema flame giornaliero, Michele non capisci un cazzo …. il miglior album rock di tutti i tempi é indubbiamente back in black degli AC/DC, ti avrei potuto perdonare IV dei led zeppelin. Ma animals non esiste, ho capito che ti fai le pippe con la foto di Roger Waters ….

    Ovviamente sono ironico Michele. E, ovviamente, animals é un capolavoro.

  • Hi this is kind of of off topic but I wwas wanting to know if blogs use WYSIWYG
    editors or if you have too manually cokde with HTML.
    I’m starting a blog soon buut have no coding knowledge sso I wanted
    to get advicee from someone wirh experience. Any help would be
    greatly appreciated!