Thomas sulla sirena, Iguodala beffa Indiana!

Il PG dei Kings vince a Washington, Iguodala eroe contro i Pacers, Harden e Brooklyn passeggiano, bene Memphis e Golden State.

 

 

 

Toronto Raptors – Golden State Warriors 102-114
TOR: Davis 12, Gray 22 (10 rimb), DeRozan 21, Calderon 11, Anderson 11, Ross 11
GSW: Barnes 14, Lee 21 (12 rimb), Bogut 12, Thompson 19, Curry 17, Jack 14, Landry 12

Italian Job: Bargnani DNP

Buona vittoria esterna dei Warriors sul campo dei Raptors con tutto il quintetto base in doppia-cifra; ospiti costantemente al comando del match ma senza mai chiuderlo, a 1’25” dalla fine Toronto ha la palla per andare sul -7 ma Bogut ruba palla a Calderon lanciando Harrison Barnes che schiaccia il canestro del +11 (96-107) che manda i titoli di coda.

Philadelphia 76ers – Memphis Grizzlies 100-103
PHI: Turner 27, T.Young 23, N.Young 13, Holiday 18 (10 ass)
MEM: Gay 26, Randolph 4 (12 rimb), Bayless 21

Anche senza Mike Conley i Grizzlies rimontano 17 punti ed espugnano di misura il Wells Fargo Center di Philadelphia; a 3’05” dal termine Sixers avanti di 3 (100-97) col canestro di Holiday ma sarà l’ultimo canestro di Philly, i Grizzlies segneranno 6 punti consecutivi per il +13 (100-103) a 1″ dal termine, Marc Gasol stopperà Nick Young sulla sirena impedendogli di cercare il pareggio.

Washington Wizards – Sacramento Kings 94-96
WAS: Webster 18, Okafor 23 (15 rimb), Wall 19, Seraphin 12
SAC: Cousins 12, Evans 13, Thomas 22, Thronton 11, Garcia 17

Anche nella capitale vittoria di misura degli ospiti con prodezza finale di Isaiah Thomas; a 7″ dalla sirena finale John Wall trova il pareggio col jumper del 94-94, time-out Sacramento, palla a Thomas che si inventa il floater della vittoria con 1″ da giocare, Nene poi perderà palla.

Highlights
[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=-y4p9R2rLLw]

Brooklyn Nets – Orlando Magic 97-77
BKN: Lopez 16, Evans (10 rimb), Johnson 13, Williams 20, Bogans 12
ORL: Harkless 16, Davis 15, Vucevic 18, Redick 5 (10 ass)

Tutto molto facile per i Nets che rifilano 20 punti ai Magic; Brooklyn si fa rimontare i 16 punti con cui era andata al riposo lungo con Orlando che le è arrivata sul -7 (70-63), ma ad inizio 4° periodo ecco il break di 9-0 (2 triple di Bogans) che manda in ghiaccio il match sul 79-63 a 9’27”.

Chicago Bulls – Charlotte Bobcats 93-85
CHI:Deng 12, Boozer 13, Noah 13 (18 rimb), Robinson 15, Butler 19
CHA: Adrien 14 (10 rimb), henderson 10, Walker 18, Gordon 18

Italian Job: Belinelli 4 pt (2/2, 0/3 da 3), 1 rimb, 1 ass

Anche per i Bulls di Jimmy Butler (career-high) nessun problema contro i Bobcats; momento chiave a 3’36” dalla fine del 3°, Charlotte pareggia sul 55-55 ma Chicago chiude la frazione con un 8-0 che le darà quegli 8 punti di margine gestiti poi fino alla fine.

Denver Nuggets – Indiana Pacers 102-101
DEN: Gallinari 27, Koufis 9 (11 rimb), Iguodala 13 (10 rimb), Lawson 18, Brewer 16, Mozgov 10
IND: George 23 (10 rimb), West 17, Hibbert 8 (11 rimb), Stephenson 20, Hill 12

Italian Job: Gallinari 27 pt (6/10, 3/6, 6/7), 3 rimb, 3 ass, 1 rec, 1 stop

Patita al cardio-palma al Pepsi Center di Denver dove i Nuggets hanno superato i Pacers negli ultimi secondi; a 38″ West segna il layup del 101-101, Paul George stoppa il Gallo ma sul capovolgimento di fronte Andre Iguodala ruba palla a George e chiama subito il time-out con 5 decimi da giocare! Rimessa alley-oop proprio per l’ex Sixers che subisce fallo da George, Iguo va in lunetta, segna il primo e saggiamente sbaglia il secondo dando la W ai suoi.

Highlights
[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=4fnPeCFK7Fo]

Utah Jazz – Houston Rockets 80-125
UTA: Jefferson 10, Foye 12, Favors 11
HOU: Parsons 12, Patterson 12, Asik 4 (19 rimb), Harden 25, Lin 12, Delfino 4, Morris 6

James Harden e i suoi Rockets asfaltano a domicilio gli Utah Jazz; all’intervallo ospiti già avanti di 18 (39-57) e alla fine del 3° quarto la partita è già chiusa sul +34 (59-93)!

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B