Howard risponde a Bryant: “È un dottore?”

Botta e risposta in casa Lakers tra la stella e il centro infortunato, chiamato in causa dal primo per stringere i denti.

Proprio quando sembravano vedere la luce alla fine del tunnel i Los Angeles Lakers ritornano nei loro problemi, oltre al doloroso infortunio di Pau Gasol (32, anni, CLICCA QUI per leggere) adesso ci si mettono anche i diverbi tra Kobe Bryant (34 anni) e Dwight Howard (26 anni).

Nei giorni scorsi il “Black Mamba“, visto il K.O dell’amico spagnolo, aveva sollecitato l’ex Orlando Magic a stringere i denti e giocare col dolore alla spalla per aiutare i compagni, cosa che poi Kobe ha smentito nel post-partita di Boston ma Dwight non era dello stesso parere e ha risposto al compagno, per farvi rendervi ancora più partecipi vi riportiamo l’intero botta e risposta (a tratti patetico) tra il reporter e Howard

Reporter: Hai parlato con Kobe della tua situazione?

Howard: Parlato di cosa?

Reporter: In merito al tuo infortunio e al tuo futuro

Howard: Devo parlarne con Kobe?

Reporter: Si, proprio con lui per capire come gestire la situazione

Howard: E di cosa?

Reporter: Delle tue questioni e della tua situazione

Howard: Perché devo spiegare a Kobe?

Reporter: Beh, perché è un compagno di squadra …

Howard: È un dottore?

Reporter: No, ma è un compagno di squadra.

Howard: OK quindi dovrei spiegare che a tutti i miei compagni di squadra allora, giusto?

Reporter: Non sto insinuando che. Sto solo chiedendo, hai parlato con lui?

Howard: Ti sto chiedendo…

Reporter: Non lo so se hai parlato con lui.

Howard Mi sto chiedendo, dovrei dire a tutti i miei compagni di squadra?

Reporter: No, sto solo chiedendo se gli hai parlato.

Howard: Solo Kobe…Solo Kobe

Reporter: Considerando i commenti fatti ieri …

Howard: Non so quello che ha detto

Poi è intervenuto un altro reporter che ha riportato ad Howard le parole di Kobe sullo stringere i denti, Dwight ha risposto in maniera celere e diretta: “É una sua opinione” e per non farsi mancare nulla anche Shaquille O’Neal ha voluto sparare sul centro dei Lakers: “Se puoi camminare puoi giocare, lui può camminare e invece se ne sta in panchina a ridere tutto il tempo”.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B