Crisi NY, colpo Warriors, bene Bryant e KD!

I New Ork Knicks cadono a Toronto, Westbrook riscatta OKc contro i T-Wolves, Boston vince a Phoenix, Bryant trascina  i Lakers e gli Spurs perdono a Oakland.

 

 

 

Toronto Raptors – New York Knicks 100-98
TOR: Gay 32, DeRozan 18, Lowry 15, Johnson
NYK: Anthony 32, Felton 10, Smith 19, Stoudemire 14

The Italian Job: Bargnani 0 punti (0/2, 0/0, 0/0)

Quarta sconfitta consecutiva per i New York Knicks di Carmelo Anthony (32 punti), in quel di Toronto grazie ad altrettanti 32 punti di Rudy Gay. Dopo un terzo periodo dove Toronto sembrava aver chiuso il match (31-19 il parziale), ai Knicks non riesce la rimonta nell’ultimo periodo, dove Lowry a 28″ dalla sirena finale segna il canestro decisivo e sia Anthony che Felton falliscono il tiro da tre punti che avrebbe potuto dare la vittoria alla propria squadra.

Whashington Wizard – Denver Nuggets 119-113
WAS: Webster 15, Nene 14, Okafor 17 (13 rimb), Beal 17 (12 rimb), Wall 14 (10 ass), Ariza 16, PRice 12
DEN: Lawson 27 (12 ass), Chandler 22, Miller 19, Brewer 12

The Italian Job: Gallinari 6 punti (2/2, 0/3, 2/2), 3 rimb, 1 ass, 1 rec, 1 persa

Tre doppie doppie di Okafor, Beal e Wall servono ai Whashington Wizards per battere dei Denver Nuggets sottotono, soprattutto il nostro Gallinari (6 punti) che ci ha abituato a ben altre prestazioni. E’ stato decisivo il terzo periodo, nel quale i Wizards hanno chiuso il parziale 30-19, nell’ultimo quarto i Nuggets non sono più riusciti a risalire la china.

Charlotte Bobcats – Chicago Bulls 75-105
CHA: Kidd-Gilchrist 10, Walker 27
CHI: Deng 14, Boozer 10 (10 rimb), Noah 10, Hamilton 10, Robinson 12, Gibson 17, Belinelli 12, Butler 12

The Italian Job: Belinelli 12 punti (2/3, 2/3, 2/2), 5 rimb, 5 ass, 2 recuperi

Vittoria senza storia a Charlotte per i Chicago Bulls che mandano in doppia cifra ben 8 giocatori, Ormai per i Bocats è completamente notte fonda e sembra che il solo Kemba Walkers presenti resstenza.

Indiana Pacers – Detroit Pistons 114-82
IND: George 12, West 18, Hibbert 10, Stephenson 10, Hill 15, Johnson 14
DET: Stuckey 11, Bynum 17, Kravtsov 14 (10 rimb), Middleton 10

Senza storia anche il match tra Indiana Pacers e Detroit Pistons, con i Pacers che mettono le cose in chiaro fin dal primo periodo (34-17) e dominano per gli altri tre quarti.

Brooklyn Nets – Houston Rockets 96-106
BKN: Lopez 27, Watson 17, Williams 15 (13 rimb), Teletovic 12
HOU: Parsons 10, Delfino 22, Asik 10 (11 rimb), Harden 22, Smith 10

Ottima vittoria in chiave playoff degli Houston Rockets dopo la straordinaria prestazione dell’altra notte contro OKC, in trasferta contro i Brooklyn Nets. Decisivo come sempre James HArden che a 4.42 dalla sirena finale segna il canestro che decide la gara.

Atlanta Hawks – Sacramento Kings 122-108
ATL: Smith 18, Horford 24, Stevenson 17, Teague 20 (12 ass), Korver 10, HArris 10
SAC: Cousins 26 (13 rimb), Evans 15, Thomas 30

Vittoria casalinga per gli Atlanta Hawks nell’ultimo e decisivo quarto sui Sacramento Kings, grazie alle prestazioni di Smith e Horford (18+24 punti) e la doppia doppia di Teague (20 punti + 12 assist). Non bastano i 26 punti e i 13 rimbalzi ai Kings per Cousins e i 30 punti di Thomas.

Memphis Grizzlies – Orland Magic 88-82
MEM: Randolph 16 (14 rimb), Gasol 19 (13 rimb), Conley 14, Davis 10
ORL: Harkless 19, Nicholson 14, Afflalo 20, Moore 12

Vittoria proprio con il minimo indispensabile per i Memphis Grizzlies sugli Orlando Magic, grazie ad una prestazione solida dei due lunghi Randolph e Gasol che la fanno letteralmente da padroni sotto i tabelloni. La partita si decide grazie ad un parziale di 12-4 griffato Randholp-Gasol a 1:06 dalla sirena finale.

New Orleans Hornets – Dallas Mavericks 100-104
NOH: Davis 10 (11 rimb), Gordon 23, Smith 22, Anderson 20 (12 rimb)
DAL: Marion 10, Nowitzki 25, Mayo 10, Collison 11, Brand 13, Carter 22

Ci vuole un Nowitzki da 25 punti per espugnare New Orleans ai Dallas Mavericks, ai quali serve una tripla di Mike James nell’ultimo minuto a decidere la sfida. Non bastano i 23 punti di Gordon e la doppia doppia da 20 punti e 12 rimbalzi di Anders agli Hornets.

Highlights
[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=Dpgz4YF2bSA]

Oklahoma City Thunder – Minnesota Timberwolves 127-111
OKC: Durant 27, Perkins 10, Westbrook 37, Martin 19
MIN: Kirilenko 15, Ridnour 10, Rubio 13, Barea 14, Shved 17, Cunnigham 15, Stiemsma 13

Un quarto periodo super di Russel Westbrook (17 punti dei 34 finali messi a referto) evita agli Oklahoma City Thunder la quarta sconfitta consecutiva, contro degli ottimi Minnesota Timberwolves, i quali segnano ben 59 punti dalla panchina, per i Thunder anche 27 punti di Kevin Durant.

Phoenix Suns – Boston Celtics 88-113
PHO: Dudley 10, Dragic 19 (10 ass), M. Morris 11
BOS: Green 31, Bradley 13, Terry 13, Wilcox 14, Crawford 10

Per i Boston Celtics arriva il pronto riscatto, con una grande prestazione di Jeff Green (31 punti) dopo la sconfitta di Los Angeles a Phoenix, senza Kevin Garnett. Già il primo periodo è decisivo 28-20 il parziel, nel resto della gara gestiscono alla grande il risultato.

Los Angeles Lakers – Portland Trail Blazers 111-107
LAL: World Peace 11, Clark 11, Howard 19 (16 ass), Bryant 40, Jamison 16, Meeks 10
POR: Batum 22, Aldridge 15, Hickson 22, Matthews 15, Lillard 19

NElla sfida diretta che potrebbe definire l’ultima contender all’ottavo posto disponibile per i playoff ad ovest, tra Lakers e Blazers, 40 punti di Kobe Bryant tra cui ben 11 negli ultimi 6′ decidono il match e lanciano la propria squadra verso un record positivo. Un canestro di Nash a 1.44 dalla sirena finale decide la gara e da la settima sconfitta consecutiva a Portland alla quale non bastano i 22 punti a testa di Batum e Hickson.

Golden State Warriors – San Antonio Spurs 107-101 OT
GSW: Lee 25 (22 rimb), Thompson 10, Curry 30, Landry 11
SAS: LEonard 10, Duncan 19 (13 rimb), Splitter 10, Green 20, PArker 18, Ginobili 18

Una prestazione monster della coppia Lee-Curry (25+30 punti) permettono ai Warriors di battere la prima della classe in over time ai quali non basta la doppia doppia di Duncan (19+13). A 4″ dalla sirena finale pareggia i conti a quota 93 punti Ginobili, sul ribaltamento di fronte Jack non riesce a vincere la gara con un tiro da tre punti; in over time un parziale di 6-0 nell’ultimo minuto grazie a 6 tiri liberi permette appunto a Golden State di battere i San Antonio Spurs.

Highlights
[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=rIvgTPBjP4g]

Nico P

Nico P

Appassionato di ogni tipo di sport, con il basket a svettare nella sua classifica, tifo Lakers e Broncos con la preferenza sempre verso la squadra più debole. Nickname: Nico P