A Miami Allen è tornato ad essere “Gesù”!

I compagni di squadra no hanno resistito e ad ogni tripla chiamano il loro cecchino col nome che aveva in “He Got Game”.

Uno dei soprannomi di Ray Allen (37 anni) è sempre stato “He Got Game“, titolo del capolavoro cinematografico firmato da Spike Lee nel 1998 dove l’ex Bucks recitava nel ruolo principale, in tale ruolo Ray era chiamato Jesus Shuttlesworth e quel nome è tornato a risuonare nell’American Airline Arena.

Infatti Mario Chalmers (26 anni) ha ammesso che non riesce a chiamare il suo compagno col suo nome di battesimo: “Quando gioca ed esce dai blocchi per sparare o inizia a bruciare la retina da 3, non riesco a trattenermi e mi parte spontaneo urlare “Jesus!”” aggiungendo: “A volte lo urliamo in gruppo, lui si gira e ci sorride!.

Inevitabile che anche LeBron James (28 anni), suo forte sostenitore nell’estate scorsa, non resiste e con la giornalista di NBA On Yahoo Holly MacKenzie ha scherzato su; lei stava aspettando Ray per un’intervista e James se ne è uscito: “Stai aspettando Gesù? Bè, io non sono ancora pronto per incontrarlo!”.

Visto che abbiamo citato la perla di Spike Lee, concludiamo il post col il duello finale tra Jesus e Jack

[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=0ZRzG-1EXk0]

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • Stiv#6

    Roba seria amici, roba seria. God Bless Ray Allen (e Denzel)

  • hanamichi sakuragi

    CHE FILMONE.. E CHE GRANDE ALLEN…

  • cuni

    a me il film non ha fatto tutto sto effetto.. dio, bellino ma boh ha un qualcosa che non mi convince..x dire, mi è piaciuto molto di più quello su earl manigault

  • in your wais

    Capolavoro, no…specie considerando cosa ha offerto Spike Lee in carriera…però molto godibile, ed il fatto che il protagonista principale fosse un giocatore NBA, e non un attore professionista, va tutto a suo favore…

  • Io preferisco “Coach Carter”… di gran lunga…

  • Samu

    @cuni
    Rebound. Il film su earl the goat. E c’erano un sacco di attoroni e giocatori. Storia intensa, bel film.

  • Anche “Blue Chips” è un film da 5 stelle