Muhammad sconfisse la sindrome di Tourette

Il padre della stella dei Bruins racconta un retroscena sul passato di suo figlio, quando a 6 anni fronteggiò quel disordine neurologico.

Quasi sue settimane alla March-Madnes e gli UCLA Bruins potrebbero essere tra le protagoniste del torneo, specialmente per il loro fiore all’occhiello Shabazz Muhammad che una vittoria la colse già all’età di 6 anni quando dovette sconfiggere la sindrome di Tourette (Disordine neurologico ad esordio nell’infanzia, caratterizzato dalla presenza di tic motori e fonatori incostanti).

A raccontare la vicenda è stato proprio il papà del giocatore, Ron Holmes, che in un’intervista al “Daily Bruin” ha narrato: “All’età di 6 anni mostrava i primi sintomi, ad esempio cominciava a tremare nel bel mezzo della partita” aggiungendo: “Pensavo che un ragazzo così poteva giocare a pallacanestro, come poteva giocare senza riuscire a fermare le convulsioni mentre si giocava?”.

Solitamente la metà dei bambini affetti da sindrome di Tourette perdono gli effetti di essa dopo l’età di 18 anni, ma Muhammad qualche volta è tornato a soffrirne: “Nei primi anni alla Bishop Gorman ha iniziato a soffrirne meno e devo dire negli anni seguenti i sintomi sono spariti e la situazione si è stabilizzata”.

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B