Howard prima spara sugli ex, poi si scusa!

Il centro dei Lakers settimana prossima tornerà per la prima volta ad Orlando e in questi giorni alcune sue frasi sono state fraintese.

Martedì prossimo gli Orlando Magic ospiteranno i Los Angeles Lakers, una partita speciale per Dwight Howard (26 anni) che torna da ex nella squadra che lo scelse al Draft del 2004 con la #1, in questi giorni le domande sul suo passato non si sono risparmiate com d’altronde alcune polemiche per una sua frase.

Infatti Dwight si è espresso sulla squadra che giunse a sorpresa alle NBA Finals del 2009 (K.O 4-1 con i Lakers, ndr) e lui ha definito così i suoi compagni: “Era una bella squadra, composta da gente che non voleva nessuno e giocare con loro era davvero divertente” frase che è stata interpretata in diversi modi e quello più quotato vedeva Howard come salvatore della patria in una squadra di mediocri.

Nel post-partita di New Orleans il giocatore però ci ha tenuto subito a smentire tale lettura del suo pensiero ribadendo: “Non volevo per niente mancare di rispetto a quei ragazzi anzi, non avrei mai voluto cedere nessuno di loro per nessun altro al mondo” aggiungendo: “Quello che volevo dire è che eravamo una squadra di underdogs sulla carta, nessuno ci considerava”.

 

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B