Stoici Knicks, K.O Warriors e Rockets!

I Knicks dominano i Jazz senza Anthony e Stoudemire, i Rockets cadono a Phoenix, male i Warriors in casa e Ok il Gallo.

 

 

 

Atlanta Hawks – Brooklyn Nets 80-93
ATL: Smith 12, Horford 15 (12 rimb), Petro 10, Jenkins 10
BKN: Lopez 18, Williams 17, Blatche 18

Alla Philips Arena di Atlanta, arriva la vittoria dei Brooklyn Nets, facendo il minimo indispensabile con Lopez e Blatchs (18 punti a testa) a farla da padroni sotto le plance; non basta la doppia doppia da 15 punti e 12 rimbalzi di aL Horford per gli HAwks. Decisivo il secondo periodo (parziale 14-28), che grazie alla panchina, i Nets spaccano la gara.

New York Knicks – Utah Jazz 113-84
NYK: Felton 15, Shumpert 10, Martin 10, Smith 24, Novak 20
UTA: Hayward 13, KAnter 11, Burks 14

I New York Knicks tornano a vincere e lo fanno senza Carmelo Anthony e anche senza Amar’e Stoudemire, al Madison Square Garden con la panchina sugli scudi, Smith (24 punti) e Novak (20 punti), inguaiando completamente gli Utah Jazz (4 sconfitta consecutiva) che adesso si ritrovano con il record pari ai Los Angeles Lakers (32-31), cosa letteralmente impensabile fino ad un mese fa. Momento decisivo del match, il secondo periodo appunto, dove la panchina Knicks ha fatto la differenza, all’intervallo lungo il punteggio diceva 55-38, nella ripresa Smit e compagni hanno gestito senza patemi la gara.

Highlights
[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=AeVAuEEkj2U]

Whashington Wizards – Charlotte Bobcats 104-87
WHA: Webster 20, Nene 19, Temple 13, Ariza 26 (10 rimb)
CHA: Henderson 17, Walker 29, Haywood 10, Gordon 13

In un match tra le zone molto basse della classifica della Eastern Conference, i Whashington Wizard rifilano ai Bobcats la decima sconfitta consecutiva, nonche cinquantesima sconfitta stagionale, con la doppia doppia di Ariza da 26 punti e 10 rimbalzi; non bastano invece per i Bobcats i 29 di Kemba Walker. Decisivo anceh in questa gara il secondo periodo dove il parziale 32-18, gira completamente la gara; nella ripresa gli Wizards controllano senza problemi.

Memphis Grizzlies – New Orleans Hornets 96-85
MEM: Prince 13, Davis 12, Gasol 10, Conley 22, Pondexter 13, Bayless 10
NOH: Davis 20 (18 rimb), Gordon 11, Vasquez 12, Anderson 17

Mike Conley (22 punti) trascina i Memphis Grizzlies alla vittoria numero 42 contro i New Orleans Hornets ai quali non basta Anthony Davis (20 punti e 18 rimbalzi), la gara fin da subito non è stata mai in bilico, ma il parziale decisivo è arrivato nel terzo periodo (31-19, dove i Grizzlies hanno staccato con decisione gli Hornets.

Denver Nuggets – Minnesota Timberwolves 111-88
DEN: Gallinari 11, Iguadala 11, Lawson 32, Brewer 15
MIN: GElable 19, Williams 13, Rubio 11, Barea 15

The Italian Job: Gallinari 11 punti (0/2, 2/5, 5/5), 5 rimb, 1 rec, 1 persa

I Denver Nuggets regolano senza soffrire più di tanto, ormai dei Minnesota Timberwolvs che non hanno più nulla da dare, lo fanno grazie a TY Lawson (32 punti) sempre più incontenibili per le difese avversarie. Nel terzo periodo il momento decisivo del match, dove i Nuggets girano la gara con il parziale di 33-21, i T-Wolves non riusciranno più a risalire la china.

Phoenix Suns – Houston Rockets 107-105
PHO: Morris 14, Beasley 10, Dragic 18, Dudley 22
HOU: PArsons 14, Harden 38, Lin 11, Delfino 21

Cadono a sorpresa sul campo dei Phoenix Suns, gli Houston Rockets di James Harden (38 punti), Suns guidati dalla panchina e da soprattutto Dudley reo di aver piazzato ben 22 punti. Il match è stato in quilibrio fino agli ultimi secondi, e a 5″ dalla sirena finale Dragic è stato glaciale dalla lunetta, segnando i due liberi del +5, subito dopo è arriva la tripla di Motiejunas, ma non è servita a nulla.

Golden State Warriors – Milwaukee Bucks 93-103
GSW: BArnes 10, Landry 18 (10 rimb), Thompson 18, Curry (16 (10 ass), Jack 11
MIL: Jennings 31 (10 ass), Ellis 26, Redick 15

Senza David Lee, perdono male ed in casa i golden State Warriors continuando il loro momento di piccola crisi, contro degli ottimi Milwaukee Bucks, trascinati letteralmente da Ellis (26 punti) e soprattutto da Jennings (31 punti e 11 assist). Il momento decisivo della gara è arrivato a 4? dalla fine quando i Bucks piazzano un parziale di 8-0 griffato Saunders e REdick, dal quale i Warriors non hanno più saputo risalire.

Highlights
[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=wu8egR4AuYU]

Nico P

Nico P

Appassionato di ogni tipo di sport, con il basket a svettare nella sua classifica, tifo Lakers e Broncos con la preferenza sempre verso la squadra più debole.

Nickname: Nico P

  • Iceman

    Grande giornata per i lakers mi sembra di poter dire,perdono tutte quelle davanti… Calendario troppo impegnativo per i jazz,credo che l’ottavo posto per kobe e compagni sia veramente abbordabile,con qualche porta aperta anche per il settimo.
    Buona partita di davis,troppa poca cosa gli hornets

  • michele

    i lakers sono come il PDL, fanno la rimonta con passo da formica perchè quelle davanti sono come il PD e vogliono suicidarsi eheheheh

  • andrea baggio

    OT – Da un paio di settimane ha finalmente cominciato a giocare Royce White in dleague con i Rio Grande. Le partite sono free dal sito, per esempio oggi alle 24.
    Solido all around, molto falloso, ancora non migliora le FG% e le FT%. Ottimo a rimbalzo e coinvolgimento compagni.

  • redbull

    molto bene questa seria di partite per i lakers, se stasera vincono contro chicago si portano all’ottavo posto..

    e se ci fosse un primo turno spurs-lakers ci sarebbe da divertirsi

  • NyWorld

    Con Stat fuori per 6 settimane credo che anche Melo si dovrebbe prendere qualche settimana di riposo almeno fino ai PO vedo che i ragazzi senza i 2 se la cavano egregiamente anzi meglio….sarà un caso……è lo è però sembra veramente che la squadra si ricompatti e si trasformi in squadra quando mancano i leaders bene ora si va ad ovest….cosa sperare?

  • Iceman

    michele
    Ahahahah,può starci come similitudine!

    Io preferirei spurs che okc se fossi nei lakers,almeno io vedo più possibilità con loro

  • Laert

    Ma stern ha promesso qualche scelta alta al draft ai jazz, perché non mo spiego come mai in 1 mese sono riusciti ad arrivare a pari record con i lacustri.
    With the first overall pick in 2013 draft i utah jazz select…

  • alert70

    Confidiamo nel 4° buzzer di Belinelli…….

    Rockets soffrono a bestia i Suns, felice per Haddadi.

    Warriors in caduta libera contro dei Bucks solidi. Se c’è da fare a gara a chi segna di più sono tra i migliori.

    Jazz implosi. La sconfitta di Chicago si è fatta sentire. Non c’erano sul campo. Ora devono solo riavvolgere il nastro e ripartire per scalare l’Everest.

  • Iceman

    Stasera piena di partite interessanti,boston-okc alle 6, chi-lal alle 8:30, Miami-indiana …
    Qualche consiglio per lo streaming ?

  • gasp

    Se i Lakers si qualificano come ottavi prevedo un primo turno molto avvincente…
    Comunque stupito da Anthony Davis:20+18 in neanche 30 minuti di utilizzo!Questo qui nei prossimi anni con una squadra all’altezza sarà nei piani alti della Western

  • Magic

    Nyworld avevamo davanti la squadra più in crisi dopo i warriors…se siamo arrivati a dire che è meglio giocare senza Melo io non so cosa dire, mi sembra ipocrita dopo che se abbiamo questo record gran parte del merito è suo..senza contare che sarebbe meglio finire secondi piuttosto che terzi e senza Melo oltre che stat non si va lontano.

  • alert70

    Atlanta in difficoltà. Questi hanno due gare di vantaggio sui Bucks che stanno venendo su benissimo. La gara per evitare gli Heat ai po è serrata e non mi stupirei se Jennings e company riuscissero a svangarla. Oggi sfideranno i “temibilissimi” Kings, quindi sulla carta si potrebbero portare ad 1.5 gare dagli Hawks.

    Guardando il calendario noto che le sfide tra le due saranno tre. Insomma tutto da decidere.

    La tonnara dalla sesta piazza alla seconda è servita.

  • redbull

    iceman

    io di solito vedo su firstrowsport, rojadirecta o sportlemon

  • lilin

    ma come si fa a dire che sia quasi un bene giocare senza melo e stat?
    come dice magic è anche una mancanza di rispetto verso melo che quest’anno ha fatto una grande stagione abbinata anche a risultati di squadra…
    il talento serve sempre, poi come se newyork avesse delle rotazioni chissà quanto lunghe.

    ricordo che con okl kidd si è ritrovato a dover maracare kd perchè melo FORTUNATAMENTE non c’era.

  • davide85

    Nyworld

    Va bene con l ottimismo e la bravura della squadra senza Melo e stat…ma non so se hai visto la partita ieri sera..ma utah ha mandato la sua squadra di d-leaugue per come hanno giocato…anzi nn han proprio giocato e nn sono manco arrivati a NY!! Nn facciamo di tutta un erba un fascio secondo me per la partita di ieri sera…anche perke nn credo che melo si possa fermare e riposare fino ai PO, perche con l equilibrio in classifica dalla 2 alla 5 senza il suo apporto rischiamo di arrivare 5 paradossalmente, dopo essere stati per il 90% 2 tutta la stagione…quindi xhe rientri va..coi giusti tempi ma che rientri!!

  • michele

    beh atlanta era in back to back ed era reduce dall’overtime di boston alert, ti assicuro che quella è stata una partita durissima, un vero antipasto di playoff e infatti penso che oggi i celtics perderanno facilmente a okc visto che hanno dato tutto nello scontro diretto con gli hawks mentre non avranno interesse a giocare ai ritmi folli dei thunder ( che comunque sono nettamente più forti).

  • Slevin1985

    Ormai i lakers possono ambire anche al sesto posto e magari beccare al primo turno i Clippers, non sarebbe niente male come serie, memphis permettendo che sta continuando la sua ottima stagione anche dopo la trade di Gay. Hollins coach of the year.

  • Profeta

    grande rimonta lakers, ora sono ad un passo dai rockets..

  • Profeta

    ah giusto sono un profeta, allora profetizzo la Grecia è sempre più vicina, il nuovo Papa sarà cinese.

  • alert70

    andrea baggio

    Vale l’investimento?

  • NyWorld

    @Magic / Davide85 chiaramente la mia era una provocazione più che una convinzione….anzi io ho sempre difeso il n.7 anche da attacchi pesanti e ingiustificati ma devo essere sincero anche l’atteggiamento di Melo era o sembrava diverso ma devo essere altrettanto sincero nel dire che da dicembre mi ha un po’ deluso nonostante le medie siano le solite ma si prende pochi ultimi tiiri (Jr ci pensa lui….) e difensivamente non è quello di inizio stagione insomma lo vedo un po’ troppo sottotono. Come lo scorso anno talento cristallino ma alla fine gli manca sempre quel salto per arrivare dove sarebbe giusto che sia con la sua classe. Chiusa la parentesi non vedo l’ora che torni!!!! Unica cosa che anche a stampa newyorchese riflette sulla squadra con o senza Melo facendo notare che la difesa guadagna molto con l’assenza del fuoriclasse di Syracuse ma sono solo considerazioni sappiamo tutti che senza di lui comunque non saremmo dove siamo ma dico anche che con un po’ di impegno in più la squadra ci guadagnerebbe. Vorrei sottolineare comunque che è vero che i Bucks di ieri erano poca roba (sono in crisi) ma ne ho viste di squadrette derelitte venire a far festa al Madison Square Garden negli ultimi anni per cui non toglierei i meriti ai ragazzi viste le brutte figure fatte anche di recente! Ora si va ad ovest e spero che Melo sia disponibile perché temo molto questo tour visto che dietro la concorrenza si fa sentire.