Magia Nowitzki ma Jazz e Bryant rispondo!

Nowitzki sul fil di sirena batte Chicago, Memphis vola in Minnesota, Westbrook trascina OKC, Utah c’è e Bryant è da applausi e da record!

 

 

 

 

Dallas Mavericks – Chicago Bulls 100-98
DAL: Marion 10, Nowitzki 35, Carter 15, Wright 17 (17 rimb)
CHI: Deng 25, Boozer 25 (11 rimb), Hinrich 10, Robinson 25

The Italian Job: Belinelli DNP

Dirk Nowitzki si carica i Dallas Mavericks sulle spalle e vincono in rimonta, sulla sirena, contro dei Chicago Bulls ancora rimaneggiati senza Belinelli e Noah, ma ben ispirati soprattutto con Deng e Robinson (25 punti a testa. Deng a 4′ dalla sirena finale piazza la tripla del +12 (97-85), ma da li in poi Chicago non segna più, Nowitzki prima si scalda infilando la tripla del -4, e poi a 2″ dalla fine, dopo 0/2 in lunetta di Butler, piazza un’altra tripla quella del +2 e della vittoria.

Highlights
[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=Iq92R568Pp4]

Atlanta Hawks – Orlando Magic 97-88
ATL: Smith 21, Harris 17, Johnson 21 (10 rimb)
ORL: Harkless 17, Harris 11 (10 rimb), Vucevic 17 (15 rimb), Udrih 20

Gli Atlanta HAwks battono senza troppi problemi gli Orlando Magic e tengono a distanza di mezza partita Chicago dal quinto posto ad Est; protagonista della vittoria ovviamente Josh Smith con 21 punti. Decisivo il terzo periodo, quando Tolliver prima colpisce da tre punti con 2:15 rimanenti all’ultimo riposo e poi ci pensa Mack sempre da tre punti quasi sulla sirena a dare il +8 agli HAwks, nel quarto periodo i Magic non preoccupano più di tanto e rimangno a distanza di 3 possessi.

Philadelphia 76ers – Charlotte Bobcats 100-92
PHI: Turner 22, Young 15 (10 rimb), Hawes 19, Wilkins 15, Holiday 14, Ivey 11
CHA: Kidd-Gilchrist 21, McRoberts 15, Henderson 19, Walker 16, Pargo 11

Torna Allen Iverson (come spettatore) e terza vittoria consecutiva per i Sixers e finche la matematica non li condanna continuano a tenere viva la piccolissima speranza playoff, con un Turner da 22 punti, invece per i bobcats arriva la sconfitta numero 56 in stagione. A 4′ dalla fine ci pensa Holiday con 4 punti filati a decidere la gara con un lay-up e la schiacciata del +7 (91-84, i minuti rimanensti servono solo a fissare il punteggio sul 100-92.

Highlights
[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=ZnGvPEpCW2c]

Houston Rockets – Los Angeles Clippers 98-81
HOU: Parsons 15, Asik 13 (10 rimb), Lin 15, Delfino 11, Garcia 15
LAC: Griffin 12, Paul 19, Crawford 15

Seconda partita in Texas nel giro di due giorni per i Los angeles Clippers, questa volta a Houston e arriva un’altra sconfitta, questa molto più pesante e più larga, per i Rockets nei quali non ha giocato Harden (infortunato), grande dimostrazione di forza trascinati da Lin e Parsons (15 punti a testa). Il terzo periodo è eloquente, i clippers non hanno retto l’energia messa in campo dai Rockets che chiudono il terzo parziale 30-13; nell’ultimo quarto la partita è sostanzialmente finita e Houston tiene a distanza di due gare Lakers e Jazz.

Highlights
[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=uOHXPBI-5yQ]

Minnesota Timberwolves – Memphis Grizzlies 86-99
MIN: Williams 19, Stiemsma 12, Rubio 23 (1′ ass)
MEM: Randolph 14, Gasol 21, Conley 19, Arthur 15

Dalla sconfitta dei Clippers ne approffitta Memphis (vittorie pari ma una sconffitta in meno) che a Minneapolis conferma l’ottimo momento grazie ai suoi due lunghi Gasol e Randolph che dominano sotto i tabelloni come quasi sempre gli capita; a T-Wolves non basta Rubio (23 punti e 10 ass). Dopo essere stati sotto in alcuni momenti della partita, nell’ultimo periodo vengono fuori decisamente i Grizzlies e con un quarto da 34-19, fanno propria la gara, a Minnesota è mancata l’energia e la lucidità per stare con i grizzlies fino in fondo.

Milwaukee Bucks – Oklahoma City Thunder 99-109
MIL: Ilyasova 29 (14 rimb), Daniels 12, Sanders 12, Udoh 14 (11 rimb), Redick 10
OKC: Durant 30, Ibaka 16, Westbrook 23 (13 rimb e 10 ass), artin 17, Collison 10

Dopo la prova opaca di ieri notte a Minneapolis, gli Okalhoma City thunder si riscattano a Milwaukee, a trascinarli ci pensa Russel Westbrook che piazza una tripla doppia da 23 punti, 13 rimbalzi e 10 assist; ai Bucks non bastano i 29 punti e i 14 rimbalzi di Ilyasova. La prova non è stata troppo convincente dei thunder e la vittoria è arrivata in rimonta, infatti Daniels a 9′ dalla sirena piazza la tripla del +5 (92-87), ma dopo il time-out i Thunder fanno valere la legge del più forte, Collison suona la carica con 6 punti e OKC piazza un parziale di 12-0, per poi proseguire fino concluderlo 19-2, portando a casa un’importante vittoria.

Utah Jazz – Brooklyn Nets 116-107
UTA: Jefferson 20, Foye 26, Williams 20, Favors 13, Ma. Williams 14
BKN: Loopez 27, Williams 21 (11 ass), Brooks 10, Watson 22, Blatche 10

I Jazz battono i Brooklyn Nets e mettono a referto la quarta vittoria consecutiva, adesso sarà difficile fermarmi da qui fino alla fine della regular season; a trascinarli ci pensa il trio Foye-Jefferson-Williams con un totale di 66 punti in tre. I jazz scappano via nel terzo periodo piazzando un parziale di 15-3 griffato Foye (79-68), i Nets rimangono aggrappati al match con Lopez (74-68), ma a ricacciarli indietro ci pensano ancora Foye e poi Jefferson con un fadeaway.

Highlights
[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=TIW4kaPHB5I]

Phoenix Suns – Indiana Pacers 104-112
PHO: Tucker 11, Markieff Morris 18, Johnson 11, Dragic 21, Beasley 10, O’Neal 10, Dudley 10
IND: George 25, West 14, Hibbert 20 Stephenson 16, Hill 15

I Pacers espugnano Phoenix e non vogliono saperne di mollare il secondo posto ad Est, con una bella vittoria convincente, trascinati dal loro leader ormai indiscusso Paul George (25 punti), per i Suns i quali ormai non hanno più nulla da chiedere a questa brutta staigone non bastano i 21 punti di Dragic. A 1′ dalla sirena finale 5 tiri liberi danno un cospicuo +6 ai Pacers (101-107), ma il canestro che decide la gara è quello di West che arriva a 34″ dalla sirena finale, i suns ci provano a rispondere ma ormai manca troppo poco tempo e Indiana legittima la vittoria.

Sacramento Kings – Los angeles Lakers 98-103
SAC: Salmons 13, Thompson 15, Cousins 19 (11 rimb), Evans 21, Thomas 10, Thornton 18
LAL: Bryant 19 (14 ass), GAsol 12 (10 ass), Howard 24, Meeks 14, Blake 15, Clark 10

I Los Angeles Lakers molto a fatica tengono il passo degli Utah Jazz a Sacramento dove confermano tutti i loro problemi di gestione della gara e di coesione tra i giocatori; Kobe Bryant non molla mai e supera grazie ai 19 punti messi a referto Wilt Chamberlain nella classifica di tutti i tempi per punti segnati. I Lakers dopo aver sofferto per una buona parta di gara, vanno sul 93-100 grazie a Kobe, il match sembra chiuso, ma non quando ci sono i Los Angeles Lakers in campo, i Kings vanno fino al -2 facendo vedere i fantasmi agli avversari. Sul ribaltamento di fronte un fallo dubbio viene fischiato a Kobe che in lunetta segna soltanto un libero, dall’altra parte a Cousins non viene fischiato un fallo su tiro da tre punti e subito dopo la tripla sempre di Cousins della parità si stampa sul primo ferro.

Highlights
[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=JfNz5FcT3Yo]

Golden State Warriors – Portland Trail Blazers 125-98
GSW: BArnes 11, Lee 13, Bogut 10, Curry 39, Landry 25 (10 rimb)
POR: Hickson 15 (10 rimb), Leonard 22 (10 rimb), Matthews 18, Lillard 16

Un fantascientifico Stephen curry strapazza con 39 punti i Portland Trail blazers che dicono ormai addio definitivamente ai Playoff, dal canto proprio i Warriors tengono a distanza di 2 partite dal sesto posto ad Ovest i Rockets. Il match dei Balzers dura bene o male solo un quarto, poi dal secondo periodo i Warriors mettono le cose in chiaro dal momento che vanno in doppia cifra di vantaggio, i Blazers non riescono più a risalire.

 

Nico P

Nico P

Appassionato di ogni tipo di sport, con il basket a svettare nella sua classifica, tifo Lakers e Broncos con la preferenza sempre verso la squadra più debole. Nickname: Nico P