Sacramento vs Seattle: 18-19/4 il verdetto?

Le due città hanno presentato ieri alla Lega le loro idee/programmi per trattenere o prendersi i Kings, a fine mese la decisione.

L’ora della verità sta arrivare e il futuro dei Kings verrà finalmente delineato, nella giornata di ieri i rappresentati di Sacramento e Seattle hanno fatto le loro presentazioni all’NBA, mostrando i loro piani per trattenere o acquistare quella franchigia che adesso sta in California.

I primi ad esporsi sono stati i membri del gruppo Seattle ossia Chris Hansen e il Microsoft chief executive Steve Ballmer; il loro piano nasce 2 anni fa con l’idea, divenuta poi realtà, di costruire una nuova arena da 44 mila posti (dal costo di $491 milioni) e l’accordo c’era già in quanto i membri dell’ex proprietà, i fratelli Maloof, volevano fortemente vendere i Kings a Seattle.

Ma Sacramento, in primi la figura del sindaco Kevin Johnson, non hanno mai mollato e hanno presentato il loro programma in 3 punti chiave:
1) Il gruppo ha precisato che Sacramento ha un mercato storicamente forte, facendo notare che sono una squadra-città con un top-20 mercato televisivo.
2) Il gruppo ha detto che ci sarebbe stata una nuova arena per i Kings, Johnson ha detto che la città è pronta a fare un investimento significativo per rendere questo accada. Il gruppo si sente sicuro su questo fronte dal magnate Ron Burkle che gli sta aprendo la strada. Inoltre il sindaco Johnson ha citato il suo eccellente track record da quando ha consegnato una nuova arena a Pittsburgh come co-proprietario dei Penguins
3) il gruppo ha dimostrato di avere un sacco di supporto locale come il senatore Darrell Steinberg che è corso alla riunione.

Il Commissioner David Stern ha ascoltato entrambi i piani delle due città ed è giunto che la decisione finale verrà presa intorno 18 e il 19 aprile, ma non ha escluso che la faccenda possa dilungarsi per molto tempo.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B