Wade ribadisce: “Alfiere per vincere!”

Non c’è pace per l’ex Marquette, recentemente è stato criticato per il suo rendimento nella serie contro i Bulls, lui spiega il perché.

Stanotte allo United Center i Miami Heat cercheranno di vincere Gara4 che li porterebbe sul 3-1 col match-point in casa, il clima sarà rovente soprattutto dopo gli eventi di Gara3 con espulsioni, tecnici e multe come quella di Tom Thibodeau ($35 mila) per le critiche agli arbitri, a Miami sperano in un Dwyane Wade (30 anni) più attivo.

Nella vittoria in Gara3 “Flash” ha chiuso con 10 punti con 5/7 dal campo, appena 7 tiri per lui ma il #3 ha ribadito per l’ennesima volta il suo “nuovo” ruolo all’interno della franchigia: “Non puoi giocare a questo gioco per l’eternità e quando si lascerà che memorie vorresti avere? Questo è quello che mi sono chiesto, che ricordo che voglio avere? ” ha dichiarato ai microfoni del Miami Herald, aggiungendo: “E quei ricordi che voglio avere sono ricordi di successo come una squadra”.

Wade ammette che non è facile passare da superstar ad alfiere ma: “Se 5 anni fa mi avessero detto che avrei preso solo 7 tiri in una partita dei Playoffs sarei rimasto sbalordito, ma ti sembro deluso? Alla fin abbiamo vinto e ci siamo goduti la cena” a condizionare anche il suo gioco, c’è quel ginocchio che malgrado l’operazione in estate non gli da tregua: “Cosa posso farci? Ci convivo da molto tempo, a volte mi sento bene e a volte sento dolore”

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • Heat Fan Since 07

    delusione assurda,meno male che ci pensa LeBron a consolarci..ma un pò di Palle no???che cazzo…

  • systemofadown

    7 tiri sono pochi anche per un alfiere, con un wade da 16 18 punti a partita i playoff potrebbero anche chiudersi qua

  • ILoveThisGame

    Wade 16 18 punti li fa ad occhi chiusi, è metterne 23 24 di media che gli riesce un pò più difficile.

  • in your wais

    Boh, nn vedo dove sia la delusione…non è in condizione, invece di forzare, si risparmia per pochi momenti della partita, e gioca di squadra…

    Se avesse fatto 5 su 15 vi sentivate meglio perchè aveva tirato tanto? Tanto sempre 5 canestri erano…

    Contro Chicago sta tirando col 56% dal campo, già un passo in avanti rispetto allo schifo di serie contro i Bucks. In più, gli Heat hanno un Allen (ovvero il suo cambio naturale) che gioca nei PO 27′ di media, con 14p

    Ovvero, anche senza il miglior Wade, si sopravvive. Vediamo come finisce la serie prima di dargli addosso

  • Quaqquo

    Quindi LBJ ovviamente il Re, Wade Alfiere, Bosh la regina non ci vuole poi tanto.. Chalmers e Cole i cavalli pazzi, e Ray e Battier le Torri ?

  • Slevin1985

    Non ci vede niente di sbagliato nelle sue dichiarazioni, anzi direi che è molto obiettivo, secondo me il meglio l’ha dato, rimane ancora un signor giocatore, sicuramente è calato fisicamente visto il suo stile di gioco che ha avuto fin dal primo giorno in Nba, non si è mai risparmiato per la squadra.
    Il fatto di giocare ora con Lebron può allungargli la carriera di un paio di anni e qualche anello in più

  • mad-mel

    La volpe e l’uva…

  • tom

    lbj è il re, wade l’alfiere, haslam il cavallo, allen la torre, il resto sono solo pedoni… la regina chi la fa? spo?

  • tom

    Quaqquo , ho letto solo ora il tuo commento. bosh io lo vedo bene a fare il cavallo, però il tuo schema ha un senso! 🙂

  • tom

    sto fuori, prima ho scritto haslam poi bosh… devo smetterla di uscire la sera con gilbert arenas.

  • Quaqquo

    @ Tom ahahaha bhe non so che in che locali vai, ma avere Gilbert come compagno di sbronze aiuta nel caso la serata finisca in rissa !

  • salviamo trigari
  • carlo magno

    con un campionato di così basso livello agli heat per vincere gli potrebbe bastare anche un wade al 30%.
    comincio a pensare che per lebron più che l’emigrare da wade l’ha aiutato a vincere un livello scadente come la lega di questi ultimi anni.
    altrimenti avrebbe finito la stagione come puntualmente accadeva ai tempi dei cavs.
    la vittoria di una squadra non troppo forte ma neanche troppo grama come i mavs di due anni fa conferma questa mia teoria.
    per vincere james ha bisogno di una lega scadente e di compagni straforti,senza uno di questi due fattori il “re” abdica.

  • tommy

    sempre la solita solfa.
    lebron per vincere è dovuto andare da wade.
    lebron vince perchè il livello è basso.
    lebron è un codardo.
    lebron soffre la pressione.
    lebron odia la madre perchè ha trombato con delonte.

    per una volta si può dare a cesare quello che è di cesare?

    basterebbe limitarsi a dire che oggi è il più forte e che il contesto in cui gioca lo aiuta a emergere rispetto agli altri.
    ci vuole tanto?

    tra quelli che pensano sia uno dei cinque più forti di sempre e quelli che invece pensano a lui come uno dei cinque più soppravvalutati di sempre evidente che non esiste un partito che stia nel mezzo.
    per molti è un dio per il quale vale la pena spendere il loro tempo a farsi le pippe,per altri è il diavolo che non riesce a fargli prendere sonno la notte.

    ma ripigliatevi.

  • in your wais

    tom

    la regina, se permetti, voglio farla io. accanto al mio sire lebron.

  • lilin

    wade si sta rivelando molto saggio nella gestione sua e del gruppo…è evidente che non stia bene, l emblema è la schiacciata fallita in gara 1 mi pare…
    sopporta il dolore e tira avanti per il bene della squadra prendendosi pochi tiri a dandosi da fare in difesa.

    in ogni caso sono convinto che quando servirà davvero due o tre grandi partite in questi play off le piazzerà, poi avrà un estate intera per sistemarsi fisicamente.