Jackson mette Jordan e Kobe a confronto!

Lo Zen si lascia andare nel suo ultimo libro e parla a briglia sciolta dei due fenomeni che ha allenato e con i quali ha vinto tutti i suoi anelli da allenatore!

Niente Brooklyn, niente Toronto per Phil Jackson che passa le sue giornate sulla veranda di casa sua a twittare e leggere alcune pagine del suo nuovo libro (Eleven Rings “Soul of Success”) attendendo la chiamata giusta per tornare in NBA e puntare subito al titolo, intanto il coach Zen ha parlato e messo a confronto i due fenomeni che gli hanno consentito di entrare nella leggenda, Michael Jordan e Kobe Bryant (34 anni).

Mike Bresnahan del Los Angeles Times ha letto l’ultimo manoscritto del coach ex Chicago e ha riportato la parte del paragone: “Michael era più carismatico e socievole di Kobe. Amava uscire con i suoi compagni di squadra e guardie di sicurezza, a giocare a carte, fumare sigari, e scherzare” aggiungendo: “Kobe è diverso. Lui è sempre stato riservato come adolescente, in parte perché era più giovane rispetto agli altri giocatori e non aveva sviluppato forti competenze sociali al college. Ai Lakers aveva evitato fraternizzare con i suoi compagni di squadra. Ma questo suo essere chiuso col tempo è passato e durante le trasferte cercava di conoscere meglio si suoi compagni”.

Poi l’aspetto tecnico/tattico: “Michael aspettava sempre che la partita venisse a lui senza forzare troppo, cosa che Kobe invece fa quando la partita non viene da lui; soprattutto quando il gioco non sta andando la sua strada. Quando un tiro non gli entra, va avanti finché non gli entra mentre Michael sarebbe più incline a cercare una soluzione diversa, come un passaggio, per cercare di vincere chiamando in causa i compagni”.

Infine sull’ossessione del “Black Mamba“: “Kobe voleva superare a tutti o costi MJ per essere il più grande di sempre, era un ossessione per lui!” aggiungendo: “Quando andammo a giocare a Chicago organizzai un meeting tra i due per far si che si confrontassero, dopo la stretta di mano iniziale Kobe ha detto a Michael: “Tu sai che ti posso prendere a calci in culo!””

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B