Miami piega Indiana e torna alle Finals!

Miami parte piano poi esplode nel 2° quarto col solito LeBron e con Ray Allen, Pacers condannati dalle perse e da George sottotono.

 

 

Est-Final
Miami Heat (#1) – Indiana Pacers (#3) 99-76
(19-21; 52-37; 76-55)
[W MIA 4-3]

Heat: James 32, Haslem 3, Bosh 9, Wade 21, Chalmers 7, Miller, Andersen 7, Allen 10, Cole 8, Anthony, Lewis 2, Jones, Battier ne
All.Spoelstra

Pacers: George 7, West 14, Hibbert 18, Stephenson 10, Hill 13, Augustin 2, T.Hansbrough 6, Young, Mahinmi, Green 2, B.Hansbrough, Johnson 2, Pendergraph 2
All. Vogel

Schermata 2013-06-04 alle 05.25.53

Recap

Dopo i primi 120” di canestri inviolati Hibbert segna il primo canestro, da li la partita si accende con LeBron che lascia la scena a Wade e Bosh, i due partono bene ma poi iniziano a forzare, Indiana senza fare nulla di speciale ringrazia gli errori/distrazioni degli avversari scappando sul 6-12 dopo 5’.
Miami esce dal time-out, stringe bene le maglie in difesa su Hibbert (2 perse) e in 3’ riacciuffa e supera Indiana sul 15-14 dopo un prepotente tap-in in schiacciata di James, Heat che in difesa raddoppiano sistematicamente Hibbert lasciando sempre un tiro a Lance Stephenson e in attacco va con tutti e 5 i giocatori a rimbalzo. Alla prima sirena Indiana avanti 19-21 ma con 8 palle perse e 5 rimbalzi offensivi concessi a dei Miami Heat altalenanti.

Nel 2° quarto l’intensità e la lotta non cambiano, Miami con Mike Miller ha due ottime chance per allungare ma il cecchino bianco sbaglia entrambe le sue conclusioni da fuori, Indiana continua a perdere qualche pallone di troppo ma sostanzialmente il match rimane in equilibrio (28-27 dopo 4’).
A 8’ dalla fine del 2° quarto le seconde linee dei Pacers non riescono a tenere alta l’asticella e Miami sfrutta la chance: break di 11-2 ispirato da Ray Allen con gli ultimi 5 punti di un ritrovato Bosh, +10 Miami (39-29) a 5’53” dalla sirena!
La rottura prolungata continua per gli ospiti che perdono palloni su palloni ma è dovuta all’ottimo momento dei campioni, perfetti in difesa e in attacco ben messi tanto che Wade procura il 3° fallo a Roy Hibbert.
James chiude con 18 punti e all’intervallo Heat avanti di 15 con un secondo quarto da campioni NBA (59% dal campo, 12 punti dalla panchina), Indiana guarda lo score e legge 14 perse e 9 rimbalzi offensivi concessi

Nel 3° ci si aspetta una reazione Pacers e pronti via tripla di George Hill per il -12, ma Miami non ha perso la verve del primo tempo e dopo i primi 6’ il vantaggio dei padroni di casa è ancora in doppia-cifra sul +14 (61-47)!
I Pacers non riescono a trovare una soluzione, George un fantasma, attacco nelle mani del duo West-Hibbert, ma soprattutto tante falle nel loro punto forte dove hanno concesso ben 13 rimbalzi offensivi, a 1’46” James penetra, scarica a Wade in taglio per il layup del +19 (72-53). Alla sirena Heat in controllo (76-55) e il duo George-Hibbert con 5 falli!

Nell’ultimo quarto Miami gestirà il vantaggio conquistando il 3° titolo consecutivo della Eastern Conference centrando la 3^ Finals consecutiva dell’era dei “Three Kings”, giovedì attenderanno i San Antonio Spurs per la Gara1 delle Finals!
Indiana anche quest’anno esce a testa altissima dal confronto con i campioni in carica, solo l’inesperienza a certe situazioni come Gara7 l’ha penalizzata ma la squadra c’è e Paul George, inesistente stanotte, rappresenta la grande speranza per il futuro.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B