Miami piega Indiana e torna alle Finals!

Miami parte piano poi esplode nel 2° quarto col solito LeBron e con Ray Allen, Pacers condannati dalle perse e da George sottotono.

 

 

Est-Final
Miami Heat (#1) – Indiana Pacers (#3) 99-76
(19-21; 52-37; 76-55)
[W MIA 4-3]

Heat: James 32, Haslem 3, Bosh 9, Wade 21, Chalmers 7, Miller, Andersen 7, Allen 10, Cole 8, Anthony, Lewis 2, Jones, Battier ne
All.Spoelstra

Pacers: George 7, West 14, Hibbert 18, Stephenson 10, Hill 13, Augustin 2, T.Hansbrough 6, Young, Mahinmi, Green 2, B.Hansbrough, Johnson 2, Pendergraph 2
All. Vogel

Schermata 2013-06-04 alle 05.25.53

Recap

Dopo i primi 120” di canestri inviolati Hibbert segna il primo canestro, da li la partita si accende con LeBron che lascia la scena a Wade e Bosh, i due partono bene ma poi iniziano a forzare, Indiana senza fare nulla di speciale ringrazia gli errori/distrazioni degli avversari scappando sul 6-12 dopo 5’.
Miami esce dal time-out, stringe bene le maglie in difesa su Hibbert (2 perse) e in 3’ riacciuffa e supera Indiana sul 15-14 dopo un prepotente tap-in in schiacciata di James, Heat che in difesa raddoppiano sistematicamente Hibbert lasciando sempre un tiro a Lance Stephenson e in attacco va con tutti e 5 i giocatori a rimbalzo. Alla prima sirena Indiana avanti 19-21 ma con 8 palle perse e 5 rimbalzi offensivi concessi a dei Miami Heat altalenanti.

Nel 2° quarto l’intensità e la lotta non cambiano, Miami con Mike Miller ha due ottime chance per allungare ma il cecchino bianco sbaglia entrambe le sue conclusioni da fuori, Indiana continua a perdere qualche pallone di troppo ma sostanzialmente il match rimane in equilibrio (28-27 dopo 4’).
A 8’ dalla fine del 2° quarto le seconde linee dei Pacers non riescono a tenere alta l’asticella e Miami sfrutta la chance: break di 11-2 ispirato da Ray Allen con gli ultimi 5 punti di un ritrovato Bosh, +10 Miami (39-29) a 5’53” dalla sirena!
La rottura prolungata continua per gli ospiti che perdono palloni su palloni ma è dovuta all’ottimo momento dei campioni, perfetti in difesa e in attacco ben messi tanto che Wade procura il 3° fallo a Roy Hibbert.
James chiude con 18 punti e all’intervallo Heat avanti di 15 con un secondo quarto da campioni NBA (59% dal campo, 12 punti dalla panchina), Indiana guarda lo score e legge 14 perse e 9 rimbalzi offensivi concessi

Nel 3° ci si aspetta una reazione Pacers e pronti via tripla di George Hill per il -12, ma Miami non ha perso la verve del primo tempo e dopo i primi 6’ il vantaggio dei padroni di casa è ancora in doppia-cifra sul +14 (61-47)!
I Pacers non riescono a trovare una soluzione, George un fantasma, attacco nelle mani del duo West-Hibbert, ma soprattutto tante falle nel loro punto forte dove hanno concesso ben 13 rimbalzi offensivi, a 1’46” James penetra, scarica a Wade in taglio per il layup del +19 (72-53). Alla sirena Heat in controllo (76-55) e il duo George-Hibbert con 5 falli!

Nell’ultimo quarto Miami gestirà il vantaggio conquistando il 3° titolo consecutivo della Eastern Conference centrando la 3^ Finals consecutiva dell’era dei “Three Kings”, giovedì attenderanno i San Antonio Spurs per la Gara1 delle Finals!
Indiana anche quest’anno esce a testa altissima dal confronto con i campioni in carica, solo l’inesperienza a certe situazioni come Gara7 l’ha penalizzata ma la squadra c’è e Paul George, inesistente stanotte, rappresenta la grande speranza per il futuro.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • AIRTIME

    Tutti definiscono il Dream Team 1992 la squadra più forte di tutti i tempi(non solo nel basket) eppure quella squadra non ha mai incontrato la versione americana di Roma 1960 o quella del 2008 o l’ultima di Londra.
    Eppure si continua a etichettarla così.
    Perché quella squadra lasciò un senso di dominio misto a incanto che rimane e rimarrà intoccabile.
    Per Michael Jordan è uguale,anche se non ha mai sfidato Russell o Chamberlain,James o Bryant(al suo meglio) per THE GOAT vive in tutti noi un ricordo talmente epico che non lascia il minimo dubbio su chi sia stato il GOAT del basket.
    Con THE GOAT avevi la sensazione che a prescindere dall’avversario lui avrebbe dominato.
    Sensazioni mai provate per nessun’altro e siamo in tanti a pensarla così.

    Sul confronto col Bryant dicianovenne THE GOAT l’ha sfidato nella stagione 1997/98 tre volte segnando 36 punti e dominando la partita a Chicago,vincendo l’mvp dell’all star game di New York e perdendo senza brillare a Los Angeles.
    Non mi sembra che abbia sofferto poi molto.
    Bryant per avere 19 anni ha tenuto testa dignitosamente,ma per l’appunto parliamo di un top 10 all time.
    Anche Drexler contro THE GOAT offensivamente solitamente portava a casa un buon bottino(23,5 punti di media non sono pochi) solo che dall’altra parte non riusciva mai a contenerlo(35 punti di media nelle 24 sfide in carriera contro Drexler si commentano da soli).
    THE GOAT lo potevi far soffrire in difesa,Bryant e James l’avrebbero fatto,lo potevi battere in una serie se al suo fianco aveva dei compagni non all’altezza,come sono riusciti a fare Bird e Thomas.
    Ma batterlo nel duello diretto o indiretto non c’è riuscito mai nessuno in una serie di playoff nonostante avesse incontrato gente come Bird,Magic,Thomas,Drexler,Barkley,Ewing,Malone e Stockton,Miller o Shaq.
    In poche parole,quello che Nowitzki e Pierce hanno fatto contro James e Bryant rispettivamente nelle finali 2011 e 2008 contro THE GOAT non l’avrebbero mai potuto fare.
    Anche se non esiste la controprova sai che è così.

  • Quaqquo

    il difensore più forte di tutti i tempi è Psycherazzi. Seconodo GigiDiBiagio (si, tutto attaccato) quando a fine carriera è arretrato a fare il centrale difensivo e tirare le minelle da centrocampo. Terzo Bruce Harper.

  • ilnonno

    Quaqquo ti scordi clifford yuma. E ovviamente tra i grandi difensori come non citare Perry Mason.

  • lilin

    beh il piu forte sarebbe stato julian ross poche storie…classe a palate e un cuore grande cosi!

  • Quaqquo

    ilnonno

    ahahaha che poi Perry e Yuma avevano anche più o meno lo stesso fisico !

    lilin

    Julian lòo vedo invece + come Phoenix dei cavalieri.. nettamente il più forte di tutti ma per buchi di sceneggiatura o altro si preferiva sempre far vincere quei pirla di Holly e Pegasus

  • lilin

    ahahahah quel pirla di holly!!

    boh a me è stato sempre sulle palle tom beker, ho sempre creduto che in fondo in fonda si sarebbe voluto bombare holly negli spogliatoi!

    l aLTtro insopportabile era quel cretino in porta con mark landers che faceva sempre il figo! ho passato un infanzia ad odiarlo!

  • Quaqquo

    nooooooo come si può odiare Ed Warner ? Un ninja prestato al calcio, le sue parate da un lato all’altro della porta (lunga peraltro qualche km) saltando sui pali mi hanno fatto perdere strati su strati di ginocchia da bambin oahahah !

    Su Tom d’accordissimo, troppo bravo ragazzo anche lui, ce lo vedo bene a prolungare la doccia con Holly dopo che gli altri son già andati via… io ho sempre preferito i “cattivi” o comunque gli psicopatici tipo i gemelli Derrick o lo stesso Mark che oltre ad allenarsi tipo 10 ore al giorno anche sulla neve trovav il tempo di lavorare per sfamare i suoi millemila fratelli. E poi CI AVEVA le maniche rimboccate ahahaha

  • lilin

    GRANDE warner!!!!! mamma mia! secondo me ha sempre vissuto degli enormi complessi di inferiorità verso benji! sentiva sempre l esigenza di fare il di più…

    il personaggio piu storico e diseducativo di tutti cmq era l allenatore dei mark!

    ma dico: ma può essere che dei ragazzini di 10 12 anni fossero affidati ad un alcolista che passava il tempo al parchetto al distributore di birre tirandogli pallonate per non pagarle??!!
    assurdo…

  • gasp

    Mark Lenders secondo me era immigrato clandestino proveniente dalla Corea,tutti gli altri erano bianchi lui era abbronzato alla Obama

  • lilin

    *di mark

  • low profile

    sto morendo dal ridere. Tom che dopo ogni vittoria frusta con l’asciugamano le chiappette dell’overrated..

    i tuffi kilometrici da palo a palo erano niente in confronto alle cavalcate palla al piede scavalcando la curvatura terrestre

  • hanamichi sakuragi

    quaquo te l’ho già detto ma lo ripeto.. sei un idolo..cmq anche bob non era male e menava mark lenders.. invece mi sfugge il tipo rossiccio castano con la evve moscia che faceva il 9… era come Costacurta tra baresi e maldini..

  • Quaqquo

    Bhe come potete notare del mio avatar simao finiti su un campo che mi sta molto a cuore 😉

    Hanamichi

    Credo fosse Mason qualcosa quello che dici..anche l’ala con la zazzera e il dentone (Paul Diamond mi pare ma potrei confonderlo con l’allenatore di Mila) non era male

  • lilin

    ma soprattutto vogliamo parlare del fatto che per una partita di ragazzini c era sempre il maracanà tutto esaurito con tanto di telecronaca?!!!!

    tralasciando i flussi di coscenza durante i colpi di testa che nemmeno joyce avrebbe scritto meglio!

  • Quaqquo

    @ gasp

    oppure era povero e non si lavava.. misteri dei japa ahahah

  • low profile

    quaqquo su una cosa non sono d’accordo, Phoeanix è mark no juilian ross.

    a parziale scusante per Tom va detto che lui si poteva scartare mezza squadra avversaria mettere a sedere il portiere passare a holly solissimo a porta vuota che tutto il pubblico in delirio portava l’over rated in trionfo lasciando il buon tom li solo soletto come se non avesse fatto niente

  • Michael Philips

    Quaqquo

    Un solo nome:

    karl heinz schneider.

  • gasp

    Be come non ricordarsi i tiri de sto cazzo che se ne sbattevano completamente delle leggi della fisica!

    quaqquo
    ho una mia teoria su Mark Lenders: era sempre incazzato perchè doveva fare 25 lavori per accudire la sua numerosa famiglia (secondo me la madre era ermafrodita e si ingravida da sola ogni mese).
    Inoltre siccome era arrivato in un gommone dalla Corea aveva iniziato a sfondare i muri a 4 anni sporcandosi della polvere lavandosi ogni morte del papa

  • ilnonno

    E dire che il calcio è sempre stato il secondo sport del giappone, credo sostanzialmente per mancanza di spazio … insomma non è facile fare campi di 30 e passa km adatti al calcio giapponese.

    Il primo indiscusso la pallavolo delle scuole medie femminile. Le partite di Mila erano trasmesse in diretta nazionale e c’era anche lo studio pre e post partita. Oltre che, ovviamente, riempire un palazzetto dello sport come se fosse la finale olimpica.

  • lilin

    io l ho visto fino all ultima puntata, cioè lenders giocava nel PIEMONTE!
    holly nel catalogna ahahhaha

    anche i francesi erano forti però come il tedesco mi stavano proprio sul cazzo!

  • Quaqquo

    Hanamichi

    il 9 mi pare fosse Paul(?) Mason, ma mnon era male anche l’ala destra con la zazzera nera tipo McGyver, credo fosse Paul(??) Diamond.. o lo confondo con l’allenatore di Mila bho 😉

    gasp

    la tua teoria non fa una piega, se poi ci aggiungiamo che i lavoretti Mark li faceva in nero è ovvio che fosse sempre incazzato ahahah !!

    low profile
    io l’ho sempre visto come Phoenix per via della zavorra che ognuno si portava dietro.. uno aveva la fidanzata spaccaballe salutista di scientology e l’altro un fratello effemminato che prendeva botte da chiunque !

    MP
    si hai ragione.. quell oera buono per davvero, odioso come solo i villain dei cartoni sanno essere ma fenomeno.. forse nato da qualche esperimento genetico chissà

    lilin

    Pierre LeBlanc.. l’odiosissimo francesino ahhaha !

    Poi c’era un altro idolo, il portiere dell’ Italia ai mondiali, tale Dario Belli, portierone imbattibile che quando ci gioca il giappone contro per tutto il primo tempo e gran parte del secondo chiude letteralmente la porta facendo dei miracoli ncredibili e quasi permette all’Italia di vincere 1-0 (cazz anche i japa ci danno dei catenacciari ahahha) salvo vedersi la mano destra scarnificata da un tiraccio (che si vede anche nella sigla mi pare) di Mark (o + probabilmente di Mark e Holly in tandem)

  • Quaqquo

    @ AIRTIME

    riprendendo il paragone con Dream Team se me lo passi allora potremmo accostare MJ a Marylin, per il discorso di impatto e incanto che hai fatto considerata da molti la quintessenza della bellezza. O tornando indietro nel tempo, la Venere di Botticelli.
    Piccolo particolare (e occhio,a me le cicciottose piacciono) al giorno d’oggi meglio di quelle due prosciuttose ne trovo a bizzeffe solo andando in una qualsiasi spiaggia sarda.

  • salviamo trigari

    Quaqquo

    Ahaha la fidanzata spacca palle, personaggio rubato a desperate housewife!
    Io vedevo Mark come phoenix perché mi sono sempre sembrati entrambi lupi solitari anticonformisti della scorza dura ma dl cuore tenero

    Se volessi trovare un paragone per julian direi toki di ken shiro

  • lilin

    cazzo l argomento holly e benji tira piu delle finals nba!

    la scena piu incredibile di tutte ora che mi viene in mente è quando una squadra di cerebrolesi utilizzava la tecnica di portare avanti in contemporanea il pallone tutti insieme per segnare! quella minchiata non mi spiego proprio come possa essere stata concepita!

    mi sembra fossero tutti in scivoltata insieme ahahah

  • Quaqquo

    Low Trigari 😉

    mitico Toki. un altro che solo perchè stava sulle balle agli sceneggiatori (aveva più infortuni lui di Gallinari!) è stato relegato a spalla di lusso quando aveva tutto per essere un protagonista. Io da ccciofane avevo come preferito Ryuga, ora ho quasi paura a rileggere o rivedere le vecchie puntate, magari mi sembrerebbe uno sborone galattico !

    Tornando ai cavalieri, il mio preferito era Sirio, avevo anche il vecchio avatar qui con la sua armatura sulla mia faccia (nitro dove sei??), un pò perchè ero fissato coi ninja e lui era quello che li ricordavo di più in combattimento, un pò per il verda ma più che altro perchè era l’unico che a 15 anni almeno provava a odorare un po’ di patata ahahaha

  • low profile

    per tutte le finals sono low profile, Michele mi prende per il culo per la scaramanzia di facciata e io col mio humor perverso che io e solo io capisco ho deciso di auto-trollarmi!

    sapevo che in qualità di gemello siamese prima o poi mi avresti sgamato! tanto per smentirsi andavo pazzo per Ryuga!

    sui calvalieri ho sempre patteggiato per Phoenix, per i motivi di cui sopra, vero autentico anti conformista in mezzo a tanti soldatini agli ordini di una miliardaria viziata..

    cmq Sirio è il mio secondo della lista, anche a me dava l’idea di non disdegnare la patata, in più la cercava col grano, chapeaux

  • lilin

    ma ragazzi crystal era il meglio! aveva una classe che gli altri bifolchi si sognavano e inoltre era evidentemente imparentato con lady oscar che non guasta mai!

  • 8gld

    “Tutti definiscono il Dream Team 1992 la squadra più forte di tutti i tempi(non solo nel basket) eppure quella squadra non ha mai incontrato la versione americana di Roma 1960 o quella del 2008 o l’ultima di Londra.
    Eppure si continua a etichettarla così”.

    Infatti.
    Solo che ha raggruppato in un solo momento tanti giocatori forti tutti insieme a differenza delle altre.

    “Per Michael Jordan è uguale”…
    Essendo un singolo a differenza del plurale, quindi squadra, stona “è uguale”. Non coincidono i paragoni.

    “Anche se non esiste la controprova sai che è così”.
    Se non esiste la controprova non puoi sapere che sia così, lo immagini o provi a paragonarlo ma senza prove effettive.

    Tutto questo sempre per non sminuire M.Jordan

    Esempio banale che potrebbe rimaner indicativo:
    Si ha la possibilità di fermare il nastro di alcune franchigie dal ’79 ad oggi al loro top:
    Prendiamo i Bulls della 2° tripletta, i Lakers di Magic, i Celtics di Bird, i Pistons di Thomas, i Lakers di O’Neil e Bryant, gli Spurs di Duncan e Popovich, una “spolveratina” dei Rockets di Hakeem e una dei Pistons di Billups.
    Scecheri il tutto. Si potrebbero aver due cose:
    a)che insieme a Magic possa rimaner il più forte(ma con i nastri che partono tutti insieme potrebbero sorgere dubbi o le percentuali possono cambiare in un arco temporale ben definito).
    b)Che quasi sicuramente ne uscirebbe sicuramente “ridimensionato” in fatto di statistiche, titoli, mvp etc. etc.
    c) Il suo stato attuale rischierebbe un’altra cassa di risonanza.

    Contestualizzando:
    “Ma batterlo nel duello diretto o indiretto non c’è riuscito mai nessuno in una serie di playoff nonostante avesse incontrato gente come Bird,Magic,Thomas,Drexler,Barkley,Ewing,Malone e Stockton,Miller o Shaq.

    Toglierei da questa lista Bird-Magic-Thomas-Shaq perchè il nastro stava finendo per alcuni e iniziando per altri e Miller perchè un gradino sotto in questi discorsi.

    Se contestualizzato dal 90 al 98 e si vanno a vedere le finaliste(Lakers-Blazers-Suns-Sonics-Utah), i roster, le percentuali etc. viene fuori che lui in quel periodo era il più forte.

    Per divenire il più forte di tutti i tempi devi avere la possibilità di usare il nastro se no sono semplici deduzioni.
    Non dimenticando che con la possibilità di farlo in un arco temporale dal 90-98 con le franchigie indicate sopra al loro top “forse” sarebbe rimasto il più forte ma sicuramente non come viene indicato oggi(lo stesso vale per tutti gli altri partecipanti ci mancherebbe).

    Come si dice al posto giusto al momento giusto.
    Non aveva un rivale per eccellenza e le franchigie non sono state forti come quelle sia prima che dopo.
    Ha cavalcato un momento è l’ha fatto alla grande quando anche i corpi cambiavano.

    Se parliamo nel singolo per molti sarà il più forte ma non per tutti.
    Se parliamo di titoli e tutto quello che concerne il gioco di squadra allora è stato il più grande in quel periodo.

    Se prendi un nastro e lo blocchi per ogni franchigia prima o dopo Michael Jordan al top dei loro rispettivi momenti allora metto in dubbio quello che tu dici.

    ps: i post rimangono sempre piacevoli da leggere.

  • prescelto

    ma perchè il tiro a catapulta dei gemelli derrick vi sembrava plausibile?

  • Quaqquo

    auhauahuh non volevo far saltare la copertura !

    PS. non solo lo capisco il tuo “humour perverso”, ma lo apprezzo anche 😉

  • gasp

    Siamo in modalità cazzeggio estremo vedo!

    Trigari/low profile
    la tua copertura era flebile come un filo d’erba,uno che osanna Duncan così e quell’humor perverso non si può nascondere!

  • low profile

    ahahahahha

    sono low profile anche nelle coperture, talmente low che non coprono affatto!

  • lilin

    prescelto

    tecnicamente si! http://www.youtube.com/watch?v=VGWmO-ot4K0

    come puoi notare dal video: e necessario un campo probabilmente spalmato di sapone e uno schiavo che si lanci e si offra come mezzo per lanciarti in aria andando probabilmente incontro allo strappo muscolare di entrambi i bicipiti femorali.

    inooltre devi stare molto attento a cadere da un altezza del genere perchè a occhio e croce si parla di 9mt abbondanti…

    ah dimenticavo, il dente centrale largo 5 cm è fondamentale