L’orgoglio di Ginobili batte Miami, Spurs 3-2!

L’argentino parte in quintetto e trascina i suoi ad un cruciale successo nella serie, record per Green, non bastano i 50 di James+Wade

 

 

finals

San Antonio Spurs (#2) – Miami Heat (#1) 114-104
(32-19; 61-52; 87-75)
[SAS 3-2]

Spurs: Duncan 17 (7/10, 3/4 tl [12 rimb]), Leonard 16 (4/4, 2/4, 2/2), Splitter 4 (2/4), Parker 26 (10/13, 0/1, 6/8), Green 24 (2/5, 6/10, 2/2), Bonner, Neal 2 (1/2, 0/2 da tre), Joseph, Ginobili 24 (7/10, 1/4, 7/8 [10 ass]), de Colo, Diaw 1 (0/1 da tre, 1/2 tl) McGrady ne, Blair.
All.Popovich

Heat: Haslem, James 25 (16/18, 2/4, 7/9), Bosh 16 (7/11, 2/2 tl), Chalmers 7 (0/4, 2/6, 1/2), Wade 25 (10/22, 5/6 tl), Battier 7 (2/6 da tre, 1/1 tl), Cole (0/1 da tre), Allen 21 (3/6, 4/4, 3/3), Miller (0/1 da tre), Lewis (0/1), Jones 3 (1/ da tre), Anthony, Andersen ne.
All.Spoelstra

StatG5Finals

Recap

L’inizio di match presente subito una grossa novità in quintetto per gli Spurs, Manu Ginobili titolare al posto di Splitter, mentre per Spoelstra confermato Mike Miller in quintetto. L’avvio Spurs è folgorante come c’era da aspettarselo, e proprio Ginobili gioca la sua pallaca e i suoi tiri entrano, ma Wade e James ci sono e rispondono colpo su colpo; 16-12 a metà periodo. La seconda parte vede l’ingresso di Boris Diaw e come in gara 4 è assolutamente un fattore, il francese fa tutto sul parquet e insieme a Leonard trascinano gli Spurs sul 32-19 dopo i primi 12′; per gli Heat attacco troppo statico e tirano con il 29% dal campo.

Gli Spurs sono straordinariamente aggressivi in difesa e Green piazza due bombe in fila per il +16 dopo 5′ di secondo quarto. Ma Lebron e Wade riportano in un amen grazie ad un 6-0 di parziale sotto gli Heat. Un’altra tripla di Green ridà gas agli Spurs ma Lebron è deciso e si prende di nuovo gli ultimi due metri di campo e riporta a contatto i suoi Miami Heat a 2′ dalla sirena del secondo quarto; 52-47. Allo scadere del quarto Parker vola al ferro e segna il lay-up del 61-52.

Al rientro dagli spogliatoi James entra deciso e complici un paio di palle perse dei San Antonio Spurs, i Miami Heat dopo 2′ di gioco sono sotto solo di 2 lunghezze. Per uscire dall’avvio tragico di terzo quarto ci pensa Danny Green il quale eguaglia il record di triple in una finale Nba di Ray Allen (23), che mantiene a distanza gli Heat. Subito dopo Green è letteralmente infuocato e pizza la tripla numero 24 polverizzando il record, poi Manu Ginobili si carica di prepotenza la squadra sulle spalle e ricaccia a -9 gli Heat. Sul finale di quarto ancora Ginobili ad appoggiare al vetro il canestro del +12; 87-75 ad un quarto dalla sirena finale.

Leonard con la tripla dall’angolo e Duncan con il tap-in fanno volare in avvio di ultimo periodo gli Spurs sul +19, e la partita sembra andarsene abbondantemente in anticipo. L’orgoglio Heat però viene fuori e Bosh schiaccia il -13. A 4′ dalla sirena finale, gli Spurs vegono trascinati dai “big Three” i quali rimandano a distanza di sicurezza gli avversari, nei quali si fa sentire la stanchezza. Sul finare di gara Allen è l’ultimo a morire, a 1:37 dalla fine il punteggio dice 109-101, con Wade che fallisce un libero importante, e Green segna tutto quello che gli passa per le mani e butta dentro la tripla numero 6 della sua serata chiudendo i giochi sul 114-101.

Negli ultimi secondi è garbage time e il punteggio finale è 114-101, con gli Spurs che ripassano in vantaggio nella serie grazie alla prova d’orgoglio di Ginobili e fra due giorni a Miami avranno la possibilità di vincere l’anello. Per gli Heat ritrovare il calore del proprio pubblico sarà fondamentale, ma l’energia ormai è quella che è, anche se messi con le spalle al muro in questa stagione hanno sempre risposto bene.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • rui3

    la gente va un pò come il vento. Puoi immaginare che io non riesca proprio a vedere Wade fuori dal quintetto nonostante le prestazioni scadenti. Inoltre io credo che a prescindere dagli infortuni Wade sia un giocatore che per fare la differenza deve essere considerato altriementi isolandolo non trova mai il ritmo.
    GLi infortuni non lo aiutano e quindi non si può neanche criticare troppo le scelte dell’allenatore

  • Julius Erving

    Non capisco perché vi ostiniate a dire che il problema di james è la’pproccio e la testa. Il problema è squisitamente tecnico >> porta a un problema fisico >> porta a un problema mentale.

    La tua soluzione james è mi avvicino al ferro perché me li porto dietro come ciondoli e layup. Easy. Se arriva l’aiuto, e con San Ant Arriva, scarico ma questi coprono anche benissimo le linee di passagio. E adesso? Non ho un tiro di cui mi fidi, Wade idem, Bosh cosa dire? Gli altri compagni? tirano solo da tre! e gli altri coprono sempre bene le linee.

    >> Se io james non faccio altro che prendere ogni possesso heat, ogni possesso deve esser mio, anche se facessi le cose in prima, non mi riposo mai. Oltre a questo, se sto la’ sotto (e ci sto sempre) magari mi batto pure per prendere un rimbalzo perché gli altri compagni nemmeno quello. Come posso arrivare anche ora a 28 anni che sono al pieno della carriera?

    >> Adesso arriva la testa. Perché se le cose vanno bene con una difesa di cormorani come i Thunder, mi riescono tutte le cose che sono abituato a fare con Charlotte. Anche il fisico passa in secondo piano. Ma con squadra come gli Spurs…

  • Michael Philips

    Prescelto

    Per me potevano vincere i bulls del 1998…

    Gli ultimi lakers con phil in panca vennero sweeppati. E sopratutto questi heat stanno dimostrando che lebron+wade+bosh+ray allen, che sulla carta fanno molta scena e paura, non necessariamente possono distruggere ogni avversario.

    L’assurdità è che l’unico anno in cui i big 3 degli heat erano al massimo della forma(2011)miami ha perso, proprio perché sono stati gestiti malino.

    Poi certo, se qualcuno avesse giocato anche solo vicino al proprio livello, dirk ora avrebbe ancora quella bruttissima reputazione che si è sempre portato dietro e che dopo il 2011 è stata spazzata via. Ora dirk è un vincente senza ombra di dubbio.

    E se lebron perde, magari giocando male, ma per me anche se ne mette 50(se, come no!) lui ritornerà velocemente ad essere “palesemente” un perdente, ci metto la firma su questo. Molti, direi la metà dei fan NBA non aspettano altro.

    Se invece gli heat vincono con lui MVP delle finali, allora tutto quello che è successo prima nella serie e nelle altre serie, verrà filtrato a suo favore.
    Si ricorderanno solo le gare positive e quelle negative verranno viste come performance che possono capitare.

    Tutto ciò è inesorabile.

  • prescelto

    mp io dicevo i lakers con nash e howard insieme a gasol e kobe con phil in panca,non i lakers ormai alla frutta con solo kobe e gasol,per me i lakers con il roster di quest’anno con phil in panca avevano tutte le carte in regola per vincere

  • Lakersiano

    potevamo vincere, ma putroppo bryant si è rotto in un momento delicato, sarà la prossima volta, già si rischiava di non fare i playoffs.

  • prescelto

    per quanto riguarda l’mvp io dico lebron se vincono gli heat e parker se vincono gli spurs ,conosco la logica dell’mvp delle finals,lo danno sempre al frontman della squadra vincente a parte alcuni casi come worthy e billups che cmq non era in una squadra di superstar

  • hanamichi sakuragi

    prescelto mi stupisce che tu possa pensare che qui ci siano tante persone che pensano che gli heat possano entrare tra le prime 5 squadre all time. quando in tanti dicono che il livello è basso anche se tu sei la squadra più forte di certo non puoi pensare di rientrare tra le 5 squadre più forti (nemmeno le prime 20 se è per questo).
    io faccio fatica a vedere una vincente degli ultimi 10 anni più scarsa di questi heat. forse dallas 2011.

    cmq se James si sveglia possono ancora vincere e per me la 6° la portano a casa.

    cmq mi gioco 100 euri che se vincono gli heat James mvp praticamente qualsiasi cosa succeda.

  • low profile

    ragazzi un pò di equilibrio, giovedì si faceva apologia di filippino oggi gli Heat non vincerebbero neanche contro Cantù. L’andamento della serie è all’insegna della discontinuità ormai dall’inizio così come i commenti….

    SA ha tirato col 60% ergo ha mandato a puttane l’equazione difesa asfissiante>>>campo aperto>>>>jumper con spazio. Nessuno dice che i nero argento non siano capaci di replicare almeno una volta a Miami ma prima vediamole ste partite. Di anomalie ce ne sono state tante (Green docet)ma tante tante, come si fa ad emettere un parere definitivo? in base a quali dati?
    non s’è visto quasi niente di ipotizzabile e ringrazio i protagonisti perchè ancor prima da tifoso di basket nba che da tifoso di una delle 2 franchigie mi sto divertendo come un bambino

  • strike

    in queste finali tifo san antonio ma ho paura che a vincere il titolo saranno gli heat.
    gli spurs dopo gara 3 avevano la grande occasione di uccidere gli heat in gara 4,l’hanno fallita e questo temo gli costerà caro.
    in gara 6 devono sperare che gli heat ripetano la gara 6 del 2011 contro i mavs,dove la paura di perdere li fece andare in tilt.
    io solo in gara 6 vedo una possibilità di vittoria spurs,cosa che escludo totalmente se si dovesse andare a gara 7.
    avevo pronosticato gli spurs in 6 ma è l’andamento che pensavo potesse essere diverso.
    un conto è arrivare a gara 6 dopo aver ribaltato la serie come i mavs fecero nel 2011,altro conto è arrivare a gara 6 quando avevi la possibilità di chiudere la serie prima,perchè dopo gara 3 la sensazione era proprio che gli spurs potessero vincere la serie senza dover ritornare a miami.
    oggi direi 60% miami e 40% san antonio.
    gara 4 per me è stata la gara chiave(spero di essere smentito).
    e ricordiamoci che dal 2006 a oggi a parte nel 2010 la squadra che ha vinto gara 4 ha poi vinto la finale.
    e diro di più,molto spesso in questi ultimi anni gara 4 è stata proprio la gara decisiva.
    nel 2008 i celtics vinsero gara 4 a los angeles rimontando 25 punti e difatto vinsero il titolo quel giorno.
    nel 2009 i Lakers vinsero gara 4 con l’incredibile finale di Fisher evitando il pareggio dei magic nella serie,finale che anche allora virtualmente finì dopo quella partita.
    nel 2011 gli heat sopra 2-1 avevano la possibilità di uccidere i mavs in gara 4 e invece alla fine giocarono una pessima partita con un James da 8 miseri punti,rianimarono i mavs che da quel momento non si fermarono più.
    l’anno scorso in gara 4 con James fuori per crampi i thunder avevano l’occasione di riaprire la serie e invece la persero definitivamente.

    anche in queste finali ho paura che gli spurs rimpiangeranno quella gara 4.

  • prescelto

    chi conosce il basket sa che questi heat nono sono poi così forti,ma qualcuno più superficiale potrebbe dire che hanno fatto 27 w consecutive e se vincono, 3 finali in fila con 2 vittorie,non dimenticare hanamichi che qui qualcuno diceva che avrebbero fatto forse 16 -1 o 16-2 nei playoffs per vincere il titolo a mani basse,anche se si vince si debbaa anche valutare contro chi si vince e come si vince ,io se miami vince contro una squadra che ha ha avuto il suo prime 6 anni fa e alla settima partita non ci trovo niente di esaltante

  • LOL

    mi sa che ti sbagli, i lakers vinsero gara 3 non gara 4, tornarono ad la sotto 3-2 e ribaltarono la serie. In realtà a me risulta che storicamente siano gara 3 e gara 5 le pivotal determinanti ai fini della serie, lo dicono chiaramente le statistiche. Poi voglio dire, gli Spurs dopo aver perso in quel modo gara 4 potevano sbracare e invece l’hanno portata a casa in modo peraltro convincente quindi non vedo il problema di aver vinto gara 5 invece di gara 4. Tre di fila in casa vincerle tutte è una rarità

  • hanamichi sakuragi

    sono d’accordo che c’è poco da esaltarsi. cmq se vinci vinci poche storie. tuttavia eravate in tanti tifosi heat (non ce l’ho con te in particolare sia chiaro) a dire che avreste dominato e vinto tutto. il ke può ancora succedere ma certo è che non avete dominato come avreste dovuto e potuto. io sono un convinto assertore che sia meglio parlare dopo che prima.
    in ogni caso nell’albo d’oro un anello è un anello come lo è stato quello dei Lakers contro i nets o quello degli spurs contro i cavs. il resto sono solo chiacchiere utili a perdere un po’ di tempo assieme. certo è che se vuoi entrare nella leggenda battere i celtics di bird o quelli dei big 3 aiuta parecchio…

  • strike

    “e ricordiamoci che dal 2006 a oggi a parte nel 2010 la squadra che ha vinto gara 4 ha poi vinto la finale.”

    ti sbagli te perché io l’avevo specificato.
    dal 2006 a oggi la finale del 2010 è l’unica in cui chi ha vinto gara 4 non ha poi vinto il titolo.

    poi solitamente è gara 5 la pivotal,ma in 4 delle ultime 5 finali è stata sempre la 4 la gara determinante della serie.
    gli spurs proprio perché hanno vinto gara 3 e gara 5 in casa in modo così convincente potrebbero rimpiangere gara 4.
    avevano le armi per chiudere la serie in 5 gare dopo essere andati via da miami sull’uno pari,non ci sono riusciti pur dimostrando a tratti una superiorità imbarazzante nelle gare in casa.
    ora si torna a miami dove gli heat hanno altra intensità e convinzione e dove gli spurs difficilmente potranno trovare lo stesso ritmo al tiro avuto in due gare su tre a san antonio.
    se perdono rimpiangeranno gara 4,sono certo di questo,come i Lakers rimpiangono ancora la gara 4 del 2008 e i magic la gara 4 del 2009.

  • gasp

    Strike
    Mah,alcuni dicono che chi vince o gara 1,o gara 3 o gara 4 o la quinta vince il titolo;questa serie penso che non abbia nessuna pivotal game,troppo strana, forse la più imprevedibile degli ultimi 10 anni.

    Comunque sappiamo che la squadra che vince gara 7 vince il titolo 🙂

  • makahuna

    bo…io sono basito..critiche a james, a wade a bosh, a spo agli heat…ma quando una squadra come san antonio tira il 60% dal campo, e chi ha visto la partita sa anche che razza di tiri sono entrati, non c’è nessuna motivazione…make it or no…e san antonio li ha messi tutti quelli che contavano.

    miami sotto di 1, tripla di green da 9 metri con due mani in faccia e da li parziale di 21 a 2

    miami in rimonta sotto di 13 , canestro di wade annullato per blocco fupori dal campo di miller

    miami in rimonta sotto di 11 canesto da tre di allen annullato per blocco in movimento di james.

    certe cose ti segnano moralmente…e miami poteva arrivare gli ultimi minuti cmq a meno 5…gioocando malissimo! gli spurs andavano di la e segnavano.

    altra cosa, gli heat avranno sbagliato 5-6 layup in contropiede che sono qualcosa di clamoroso per una squadra di questo atletismo.
    uno in particolare di lebron contro green, s’è visto che ha rallentano e s’è fermato, come non ne avesse più per saltarlo!

  • brazzz

    bò..mertiano il titolo gli speroni(che ho dato vincenti 4-2 a inizio serie)..considerato che l’età media dei big è sui 52/53 anni..ha ragione chi dice che qualcosa non va..oppure,per fortuna,saper giocare a basket,nel senso di avere una idea di come si gioca,ancora aiuta..meno male…

  • mad-mel

    Cmq una finale cosi anomala ,esculse le sweep, non le ho mai viste…..solo gara 1 è finita punto a punto…..le altre garbage time…..alti e bassi clamorosi di entrambe le squadre…..
    Cmq avevo pubblicato l’altra volta, chi vince gara 5 ha piu probabilità di vincere l’anello.
    Solo Lakers houston e Syracuse hanno rimontato con le ultime due partite in casa…se non sbaglio…

  • Lakersiano

    domani sera gara 6

  • Ammiraglio

    Fino a che non li vedo fuori, Miami per me è viva e vegeta, considerando soprattutto le percentuali folli di alcuni “gregari” degli Spurs, che obbiettivamente giocano bene, ma non sono granché per quanto tifi spudoratamente per loro.

  • gasp

    Concordo mad mel,sono Finals molto strane :non mi ricordo tre garbage time di fila in delle finali e al contempo così combattute,però è una serie molto interessante e divertente

  • alert70

    Finali bellissime. Tecnicamente eccelse con giocate difensive ed offensive di pregio.

    brazzz
    Gli Spurs staranno anche sul pene ma diamine giocano a basket. Meriterebbero il titolo anche se gli Heat non scherzano.

    Ginobili
    Mostruoso.

    Green
    Vede una vasca da bagno. Assurdo che un cestista di medio livello, perchè è di medio livello abbia avuto 5 gare tirando quando gli andava male col 60% da tre!!! Solo in gara 1 ha tirato 4/9 da tre, dalla seconda a flirtato col 70%. Però a suo credito va detto che difende benissimo specie in transizione.

  • brazzz

    alert
    è quel che ho detto.meitano il titolo..facevo solo notare che è una squadra di ottuagenari,il che non è un bel segnale in assoluto x la lega..ma anche che alla fine,giocare a basket e non a qualcosa che manco gli somiglia molto,paga..per fortuna…

  • low profile

    Brazz

    guarda che mai come quest’anno se San Antonio è li a giocarsi il titolo lo deve principalmente ai giovani. Duncan è ancora la pietra angolare, la base su cui tutto poggia, non lo si giuducava dai numeri una volta figuriamoci oggi ma se da una parte nessuno come lui per insegnare ai giovani come giocarle certe sfide quest’anno anche il mito TD deve qualcosa ai ragazzini che lo hanno (ri)portato su certi palcoscenici. Ginobili alla fine in tutto in questi playoff ha messo il buzzer contro GS e l’ultima gara di finale per il resto non ha inciso affatto. Parker c’ha trent’anni ed ancora nel suo prime.

    i componenti più importanti sono Leo 21 anni Green 25 Neal 28 Splitter 28
    Le speranze di titolo passano per South beach in un ambiente ostile e sarà lì in cui i vecchietti saranno chiamati a fare la differenza, non mi illudo di vedere Neal man of the march, giudicando però tutto il percorso vedo un leader si ottuagenario ma di classe superiore alcuni pezzi fondamentali nell’età della maturazione a un paio di elementi di proiezione fututa ma già utilissimi alla causa

  • sgm

    So che può essere pesante ma secondo me la vera pivotal è gara 6:se miami la vince,vince il titolo perchè solo una squadra nella storia nba ha vinto una gara 7 di finale in trasferta (per la cronaca i bullets nel 1978)

  • Spursiano

    stasera gara 6

  • Sgm
    Non l’avevano vinta anche i Celtics di Russel al forum ad LA?

  • sgm

    drdre
    Vero,piccola svista 🙂
    Ma non cambia il discorso,vincere gara 7 in trasferta è quasi impossibile