Cuore Wade, Killer-James ed è 4-3 Heat!!!!

Le stelle di Miami giocano alla grande e il Re la decide nel finale cardio-aplma, rammarico Duncan, Miami campione di nuovo!

 

 

 

finals

Miami Heat (#1) – San Antonio Spurs (#2) 95-88
(18-16; 56-54; 72-71 )
[MIA 4-3]

Heat: James 37 (7/13, 5/10, 8/8 [12 rimb]), Bosh (0/4, 0/1 da tre), Chalmers 14 (5/8, 1/7, 1/4), Miller (0/1, 0/4 da tre), Wade 23 (11/21, 1/2 [10 rimb]), Haslem, Andersen 3 (1/1), Battier 18 (6/8 da tre), Allen (0/2, 0/2 da tre), Lewis ne, Jones ne, Anthony ne, Cole ne
All.Spoeltra

Spurs: Duncan 24 (8/18, 8/8 tl [12 rimb]), Leonard 19 (7/13, 1/4, 2/4 [16]), Parker 10 (3/12, 4/4 tl), Ginobili 18 (4/7, 2/5, 4/4), Green 5 (0/6, 1/6, 2/2), Diaw 5 (2/2, 1/1 da tre), Splitter 2 (1/2), Neal 5 (1/4, 1/3 da tre), Joseph, Bonner ne, Blair ne, de Colo ne, McGrady ne.
All.Popovich

StatG7Finals

Recap

L’inizio della gara come c’era da aspettarselo è piuttosto nervoso, le due squadre sbagliano molto, soprattutto Miami. Manu Ginobili ha da farsi perdonare qualcosa e pronti via spara da tre un tiro dei suoi, lanciando gli Spurs avanti 4-11. Per gli Heat arriva la pronta risposta, grazie ad un Shane Battier che sembra quello di un anno fa con due bombe filate e Miami passa avanti. A fine quarto il punteggio è piuttosto basso, 18-16.

Battier inaugura il quarto con un’altra tripla, poi ci pensa James il quale inizia a macinare punti, gli Spurs arrancano e fanno fatica sia in difesa che in attacco. I Miami Heat non allungano semplicemente perchè Miller e Chalmers non segnano triple con metri di spazio, e un paio di penetrazioni di Manu Ginobili. James spara da tre, ma gli Spurs grazie ad un Leonard favoloso sia in difesa che in attacco rimangono vivi. La partita è parecchio tesa e un canestro di Wade a suo modo fissa il punteggio all’intervallo lungo sul 46-44.

I San Antonio Spurs continuano a far fatica e sono tutti nelle mani di Leonard, che risponde a James il quale segna dalla lunga distanza la terza tripla della sua partita. Per gli Spurs è decisiva l’entrata in campo di Diaw che con una tripla e un assist pazzesco per Duncan ridà il vantaggio a San Antonio. Ma Lebron ha la faccia giusta e non ha paura di prendersi le sue responsabilità, ma il finale di quarto è tutto per Super Mario Chalmers il quale trova la tripla di tabella sulla sirena del +1 Heat; 72-71.

Gli ultimi 12’ della stagione partono con la quinta tripla di Battier, e con Miami che prova a scappare, grazie a Lebron James. Gli Spurs sono imbrigliati dalla difesa Heat, ma anche per alcune scelte discutibili di Green, che non segna più. Lebron segna dalla media distanza il canestro del 83-76 e Miami sembra aver indirizzato la partita. Leonard tiene ancora in vita gli Spurs con una tripla pesantissima, quella del -2, subito dopo fallisce quella consecutiva, ma l’errore più pesante è il gancio di Duncan da solo, quello che ha messo per una vita. E a 27” dalla sirena finale James segna il canestro del 92-88, il canestro della media che non ha mai praticamente sbagliato in questa gara 7. Dopo il time-out di Pop, Ginobili attacca senza senso e spedisce la palla nelle mani di Lebron, il quale subisce fallo e congela il secondo titolo consecutivo dalla lunetta. I Miami Heat battono i San Antonio Spurs con il punteggio di 95-88, con Popovich che si sognerà parecchie volte il finale di gara 6.

[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=HRUzPVBh64Y]

Nico P

Nico P

Appassionato di ogni tipo di sport, con il basket a svettare nella sua classifica, tifo Lakers e Broncos con la preferenza sempre verso la squadra più debole. Nickname: Nico P