Shaq al veleno: “Howard non è da L.A!”

L’ex leggenda giallo-viola non ha perso la chance di sparare ancora una volta contro Dwight dopo la sua scelta di passare ai Rockets.

LeBron James (28 anni) e la sua famosa “The Decision” del 2010 sono molto vicini dall’essere dimenticati, infatti quella di Dwight Howard (27 anni)h fatto andare su tutte le furie i tifosi dei Los Angeles Lakers tanto da incendiare le sue divise vedi foto sotto), tra i critici non poteva mancare il suo numero #1, Shaquille O’Neal.

Shaq è sempre stato il detrattore numero 1 di Howard sin dai tempi di Orlando per non parlare dell’approdo ai Lakers e, in un’intervista alla ESPN, non ci è andato leggero: “Era scontato (addio ai Lakers di Howard, ndr!” aggiungendo: “Siamo stati tutti a L.A e un sacco di persone non sono state in grado di stare sotto quelle luci. Tutti vogliono venirci a giocare ma una volta che sei li poi c’è una certa pressione da gestire, credo che sia stata una mossa di salvezza la sua quella di andare in una cittadina come Houston, si ho detto cittadina”

howardjersey

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA.
Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12.

Nickname: F.M.B

  • gasp

    D’accordissimo con Shaq,anche io penso che se ne sia andato ai Rockets per avere meno pressioni (però Houston non è affatto una cittadina :-))

  • prescelto

    forse per shaq visto la sua mole qualsiasi città con meno di 8 milioni di abitanti è una cittadina.a parte gli scherzi ma se howard non è nessuno e blal bla perchè tutte queste reazioni isteriche dalle parti di los angeles?

  • letravel james

    Meglio che se ne sia andato! Come si possono dare 20 milioni a uno come lui?! Cioè vale la metà della meta di shaq e solo confrontarlo con gli altri centri dei lakers forti del passato (wilt/kareem) è infangare la storia della pallacanestro. Kobe inizierà la seconda mano prima che dh12 metta due liberi di fila.

  • Procionide

    A parte che ci sono fior di campioni che non erano da LA (Duncan, Bird, Stockton…), ma poi non mi sembra che Howard stavolta abbia fatto niente di male. I Lakers l’hanno preso sapendo il rischio che correvano, non ha mai promesso eterna fedeltà, non l’ha tirata in lungo e non ha messo su nessun teatrino.
    Se pensate che non fosse da LA rallegratevi che se ne sia andato. Se pensate che fosse un ottimo giocatore rattristatevi ma fatevene una ragione, non c’è alcun obbligo morale di giocare per i lakers.

  • gasp

    Procionide
    Io credo che Shaq intendesse dire tra le righe che Howard non riesce a sopportare la pressione,quindi un senzapalle.

  • Lemmy

    Ottimo giocatore, il miglior centro dell’Nba se a posto fisicamente…ma non vinci un titolo con Howard nella vesta di uomo-franchigia, ergo 20 milioni per il suddetto sono troppi, a mio parere.

    A Los Angeles si gioca per vincere, non per partecipare, quindi, pur perdendo senza dubbio competitività nel breve periodo, alla lunga il fatto che non ci sia lui ad appesantire il monte salari ripagherà…Che poi sia un “senza-palle” poche storie, lo è ECCOME!

  • malawf81

    The diesel farebbe bene a registrare il cervello prima di parlare…Houston è una cittadina? Peccato sia una delle città più popolose degli USA!Sto massacro su Howard? Se rimaneva a LA finiva tutto a tarallucci e vino( se non erro gli avevano offerto un contratto enorme….) Polemiche sterili e di comodo!!!!

  • in your wais

    Beh, Shaq sono anni che non nasconde il suo poco apprezzamento per Howard, tanto da ritenergli superiore anche un Brook Lopez…

    Da una parte ho sempre ritenuto curioso il parallelismo tra i due, entrambi diventati stelle ai Magic, entrambi finalisti e sconfitti, entrambi fisicamente ed atleticamente avanti 10 anni rispetto al resto della Lega

    E poi sono due istrioni, due personalità per certi versi eccessive per il solo basket…e credo tutto sommato che al di là dei semplici giudizi, condivisibili o meno, Shaq goda abbastanza nello sminuire Dwight, forse per via di questa pseudo-rivalità creata per i parallelismi di cui sopra

    Io non so se Howard è da Los Angeles o meno, penso solo che basarsi sulla stagione 2013 sia sciocco, per dire se soffra o meno la pressione da Metropoli. Con tutti i casini successi, le aspettative tradite dai Lakers, i rapporti con Kobe o il coach, gli infortuni, l’età media del roster e la scarsa futuribilità, dire che ha lasciato L.A. per mancanza di palle è per me una cazzata

    No, io penso che l’ha lasciata per trovarsi una situazione migliore, che credo sia Houston. Poi che a questo si unisse anche la pressione x i continui confronti coi grande centri Lakers del passato, per il blasone, l’obbligo di vincere, etc, non lo metto in dubbio

    Ma i motivi base sono stati diversi da quelli accennati da Shaq

  • Procionide

    Gasp
    Bird andò a Indiana ma non si trovò bene in quell’ambiente perchè era un campus troppo grande, con troppe pressioni e non faceva per lui. Dopo una pausa andò nella piccola università di Indiana State e da lì partì la sua leggenda. La storia la sappiamo tutti, ma volevo ribadire il concetto: non reggere la pressione di LA non significa essere senza palle. Significa solo non essere gente da LA.

  • hanamichi sakuragi

    concordo col primo post di procionide. mentre sul secondo relativo a bird la storia è leggermente diversa. aveva problemi col coach, problemi economici e si quella di indiana state era una realtà troppo grande per lui. ma non era un discorso di pressione.

  • Procionide

    Io so che lui negò problemi con Knight. Semplicemente era un ambiente troppo grande. Poi sì, il paragone forse è un po’ forzato, ma volevo solo far presente che non trovarsi bene ai Lakers non significa non essere un vincente o non reggere la pressione. A volte si tratta solo di preferenze. Le mie critiche a Howard le ho fatte a suo tempo e per tutta la stagione, non mi sento di aggiungere come suo difetto l’aver voluto lasciare LA.

  • hanamichi sakuragi

    ho recepito il senso del tuo post. ma su bird ho commentato perché ho da poco letto il libro suo e di magic e lui racconta l’esperienza ad indiana e più o meno andò come te l’ho descritta.
    di fatto all’inizio lui non giocò mai e non si allenò neppure con i titolari. scrisse che non vide mail il coach.
    riuscì a giocare con i compagni più forti solo al playground venendo ahimè bastonato.

  • Superman

    Howard ai Rockets…il sistema d’antoni non andava,con kobe non c’era feeling e giocare con una squadra di ormai 37 enni non gli andava,direi che ha fatto bene ad andarsene,invece di perdere un’altra stagione…

  • Procionide

    hanamichi sakuragi
    Ok, la memoria è quella che è, la sua storia a IU l’avevo letta almeno dieci anni fa, quindi mi fido di te.