Colpo Nets con Kirilenko, N.Young ai Lakers!

Blitz dei Nets che dopo un anno riescono a prendere il russo, Lakers preso Young mentre Pekovic vicino al rinnovo con i T-Wolves!

 

12/07/2013

Aggiornamento delle 9:00

• I Milwaukee Buck hanno ricevuto, nella sign-and-yrade tra T-Wolves e Thunder per Kevin martin, il PG Luke Ridnour (32 anni).

• I Minnesota Timberwolves hanno ingaggiato il lungo francese Ronny Turiaf (30 anni) con un contratto da 2 anni per $32 milioni.

• I Detroit Piston non applicheranno l’amnistia in questa estate, il candidato più quotato era Charlie Villanueva (28 anni)

Aggiornamento delle 0:30

• Copo dei Brooklyn Nets che, dopo aver passato l’estate scorsa ad inseguirlo in vano, riescono a mettere sotto contratto Andrei Kirilenko (32 anni), contratto da mini-mid-level da $3 milioni.

• I Los Angeles Lakers si portano a casa Nick Young (28 anni) con un contratto da minimi-veterano da $1.2 milioni.

Nikola Pekovic (27 anni) e molto vicino dal rinnovo con i Minnesota Timberwolves, 4 anni a $50 milioni!

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • ilnonno

    Sinceramente non capisco come mai tutti sottovalutiate i Nets. L’unica incognita è il buon Giasone … per il resto il rooster è veramente da paura

    Deron non sarà magari quello di qualche anno fa ma ha ancora un passo insostenibile per il 90% dei play. Pierce e KG se reggono fisicamente (e hanno i cambi per arrivare a fine anno non spremuti) sono due che abbinano palle e qualità. Smith non sarà un fenomeno ma manco un brocco e Lopez secondo me è uno dei migliori centri in circolazione.

    Aggiungiamoci una panchina tutt’altro che scandalosa.

    L’unica cosa è trovare la chimica, ma Deron a parte, non vedo tante prime donne che devono timbrare il loro cartellino ogni sera se no gli inizia prudere la mozza.

    Per me, incognita coach a parte, Miami se vuol tornare in finale dovrà sudarsela contro questi Nets.

  • aekeros70

    Superiorità degli heat è vero…
    Contro Milwaukee di monta ellis contro chicago(ahimè) privi di qualsiasi giocatore…
    Le squadre con cui ha faticato guarda caso sono le squadre un po’ decenti che erano in questi malandati playoff…
    Quindi Miami avrà una brutta sorpresa l’anno prossimo secondo me

  • Paul

    JoH
    Beh, superiorità fino a un certo punto dato che hanno rischiato di uscire con Indiana.
    Sul discorso conference: il livello è comparabile, Miami potenzialmente è una squadra dominante ma in questi 3 anni lo è stato forse solo al primo(esclusa la finale). Nelle ultime due stagioni l’approdo di Miami alle Finals è stato a dir poco incerto, arrivando spesso a un passo dall’eliminazione.

  • letravel james

    Tutto dipenderà da quanto reggerà fisicamente wade. Se prosegue il suo trend di declino non vedo gli heat nemmeno alle finals. Contro i nets e indiana bosh verrà annullato e james non è detto che possa fare sempre tutto lui.

  • Michael Philips

    Poi sta storia che Lebron ha momenti bui…boh. Cos’altro deve fare per non averli?

    Infatti, credo che duncan & co. ci son rimasti parecchio male riguardo i momenti bui di lbj, sopratutto in gara 7, e anche riguardo al suo tiro dalla media.

    Sarebbe come dire: beh shaq spaccava i culi a destra e a manca durante il 2000-2002, ma tirava male i liberi…
    Grazie a dio, altrimenti la NBA sarebbe stata molto, ma molto noiosa e ripetitiva.

    La cosa che dovrebbe spaventare gli avversari degli heat, è che lebron ha ancora tante cose da migliorare, e non di poco. 2 su tutte: il gioco in post, parlo come numero di movimenti e opzioni dal post, e i liberi, un vero cruccio per uno come lui che ci va spesso(ci andava spesso, ora non più). Pure il tiro da 3 è migliorato in modo netto negli ultimi anni e potrebbe continuare a tirare meglio.

  • JoH

    Ma davvero, vedendo le partite e l’andamento della serie, avete mai pensato che Miami potesse uscire contro i Pacers? Cioè non so magari avete ragione voi eh ma a me quella mi è sembrata la classica allungata più per demeriti del più forte che per altro (vedi i Lakers contro i Rockets senza Yao). Ok i rimbalzi offensivi e Hibbert ma gara 7 quando gli Heat hanno deciso di giocare sul serio, magicamente sono venuti fuori tutti i limiti dei Pacers, zero tiratori e zero gente che creava dal palleggio. Gli Spurs che hanno giocato contro una squadra molto molto simile (Memphis) hanno vinto 4-0.

  • low profile

    Joh

    ci siamo capiti 😉

    lo sport non sempre è giudicabile dalle singole sensazioni, Gli Spurs hanno cappottato in finale di Conf e sono arrivati a 30 secondi dal titolo, gli heat quasi vanno fuori alle ECF e si sono salvati grazie ad un miracolo di Allen, succede, tra mille peripezie ma erano la squadra più forte ai nastri di partenza e lo hanno confermato a giugno, se poi qualche heatiano debole di cuore ha avuto un infarto mi dispiace per lui ma alla fine i più forti hanno vinto, è lo sport. Fino a prova contraria sono le altre 29 franchigie a dover cambiare il corso degli eventi, non dico titolo sicuro per Miami dico che sono i favoriti d’obbligo, 2 cose diverse. Auguri a chi vuole batterli.

    Sui nets lo scetticismo è sulla chimica, JJ e PP in comune non hanno solo le iniziali identiche, coppia non ben assortita, chi si allarga per lo spot up? nessuno dei 2 è un fulmine e hanno già avuto screzi in passato, poi Deron è un play con la “palla in mano”, JJ e PP danno il meglio in iso, e Lopez ha un senso se servito regolarmente, fatemi capire con quanti palloni giochiamo? ah e il jet se ha una utilità è proprio quella di entrare e segnare tirandosi tutto il tirabile, e gli altri?
    l’unico che fila è l’ultimo arrivato…
    KG ha mille anni, andiamo avanti con Blatche?!?!?!?!

    sono potenzialmente la squadra con più talento della storia, ma avranno anche un bel da farsi per la chimica senza contare gli acciacchi dei vecchietti. Auguri anche a loro

  • Michael Philips

    Il problema di alcune persone è che cercano sempre di svalutare i due anelli degli heat, usando la scusa degli avversari come bucks e bulls senza rose.

    Il problema è che poi per due anni in finale hanno trovato la migliore della western e hanno vinto, quindi è proprio qui che la discussione dovrebbe finire.

    C’è chi metterebbe due asterischi sugli anelli 2012, 2013, peccato che servirebbe a ben poco. Il tempo forse riuscirà a far digerire questi ultimi 2 anelli.

  • aekeros70

    No io non critico i due anelli che hanno dimostrato nelle finals di meritarselo pienamente…
    Il mio discorso è che NON POTEVANO PERDERLI proprio perché c’era poca concorrenza…
    Hanno vinto e sinceramente anche meritatamente…
    Probabile che i bulls con rose perdevano in 6 gare contro Miami….
    Diciamo anche che erano i favoriti per ovvi motivi e c’è da dire che sarebbe stato strano perdere con un roster di quel calibro

  • Sergamo

    Pure io sono pro-Nets.
    Come costruzione li vedo molto simili ai Blazers di Pippen, SteveSmith & co. Grossi e molto capaci di giocare: palla in post a turno e molti giochi alto-basso.

    Chissà cosa ne pensa Kidd! 🙂

  • Michael Philips

    “Il mio discorso è che NON POTEVANO PERDERLI proprio perché c’era poca concorrenza…”

    Allora i thunder non sono concorrenza valida? Ora è finita 4-1 ma sia prima che durante le finals le parole erano ben diverse e anche il 4-1 è decisamente bugiardo dato che gli heat hanno vinto agevolmente solo gara 5.

    Gli spurs non sono concorrenza? Ora sento troppi discorsi ovvi, ma più o meno tutti davano gli spurs favoriti(e nel 2012 okl su miami) sia quelli di espn che quelli di nba.com.

    Per vincere un anello bisogna comunque battere la finalista della conference rivale, quindi questo discorso che un team non poteva perdere, serve sempre e solo a sminuire il tutto. uno può anche provarci, per carità, ma risulta sempre fatica sprecata.

    Io ho sempre pensato che ci siano state delle finals già decise in partenza, o comunque senza grosse storie:

    spurs vs knicks(senza ewing)
    spurs vs nets
    lakers vs nets
    lakers vs magic
    lakers vs 76ers
    spurs vs cavs

    ma anche se magari in finale qualcuno ha incontrato avversari decisamente più scarsi, per arrivarci in finale ha comunque dovuto faticare e affrontare avversarie toste.

    Non è mai giusto dire “non potevano perdere”.

  • aekeros70

    Diciamoci la verità non hanno incontrato squadre forti e io sono sempre stato convinto che Miami battesse gli spurs(unica squadra che poteva giocarsela)
    Per l’anno scorso Miami ha dovuto faticare di più secondo me quindi se l’è meritato di più

  • Netsiano

    Fanno davvero paura sti Nets…. 8-9 giocatori di ottimo livello garantiscono rotazioni e continuità senza perdere di qualità…..