Amici del Piazz, la corsa si ferma alle semi!

Le assenza pesanti, le poche rotazioni e degli avversari a 5 stelle hanno impedito alla banda de Dezza di tornare in finale.

Più che un finale, quella andata in scena ieri a Binzago tra gli “Amici del Piazz” e i 3 volte campioni (nonché campioni delle ultime 2 edizioni, ndr) dei “Ragazzi del Boh Basta” è stata probabilmente la vera finale del torneo, peccato che i nostri ragazzi l’abbiano dovuta affrontare a ranghi ridotti.

Le assenza di Garavaglia sotto i ferri e di Marcella Filippi nelle donne hanno pesato non poco per coach Jngo; neanche 60″ di incontro e subito il match viene sospeso per pioggia, si va dentro la sauna del palazzetto al coperto dove, con le dimensioni del campo regolari, bisogna anche gestire meglio gli sforzi (4 tempi da 10′ e non da 8′, ndr).

Solita partenza diesel per gli “Amici del Piazz” e solita rimonta di cuore ed energia con i fratelli Tieghi a comandare la truppa, bene l’ingresso dalla panchina per Riccardo “Beer Berry” Berenato e le giocate del solito Oscar Gugliotta, ma dall’altra parte ci sono in campioni in carica guidati da un quasi perfetto Thomas Munafò (25 punti) dall’arco dei 3 punti, saranno infatti le sue triple a decidere il match nel finale; diverse volte i nostri arriveranno sotto il singolo possesso di distacco, riuscirà un solo sorpasso ma la mani roventi di Casati e Munafò spegneranno le speranze degli Amici.

Il risultato finale reciterà 91-79 per i “Ragazzi del Boh Basta” una sconfitta che fa male e grida vendetta se solo ci fossero stati tutti gli effettivi per coach Filkenberg ma stasera si è gà in campo per il 3°/4° posto (ore 19.00)!

Un plauso alle sole 3 ragazze a disposizione: Erika Francione torna a rivestirsi da Dennis Rodman ma gioca tutto il secondo tempo condizionata dai falli, stessa sorte per Giulia “Shorty” Dal Verme mentre stoica Camilla Tandoi, in campo con l’influenza.

Invece Francesco Tieghi ha conquistato la medaglia di bronzo nella gara del tiro da 3 punti chiudendo con un punteggio di 9, vinctore dell’esibizione  Simone Casati (Ragazzi del Boh Basta)

La partita

I Ragazzi del Boh Basta – Gli Amici del Piazz 91-79
(22-18, 42-40, 69-66)

BOH BASTA: Luca Casati 7, Cristina Bonalumi 4, Carolina Bossi 18, Lydia Casagrande 1, Ilaria Brino 3, Marzia Maragucci, Thomas Munafò 25, Mauro Corrada, Simone Casati 22, Nicola Crisci 5, Mattia Casati, Federico Saini 6.

PIAZZ: Camilla Tandoi 1, Erika Francione 7, Giulia Dal Verme 4, Federico Tieghi 22, Francesco Tieghi 12, Luca Furlanetto 8, Riccardo Berenato 6, Oscar Gugliotta 10, Bojan Radovanovic 9.

E questi sì, sono i veri Ragazzi del Boh Basta. Quelli che non perdono una partita a eliminazione diretta dalla semifinale del 2010. Sopravvissuti a prima fase e quarti senza convincere appieno, i bi-campioni in carica sfoderano il loro meglio per macinare alla distanza gli Amici del Piazz, finora imbattuti in questa edizione. E così domani inseguiranno un clamoroso tris di titoli, traguardo inedito nell’ultimo decennio.
Così come inedite sono le semifinali al coperto per pioggia. Sapendo di farla grossa, il meteo ci pensa parecchio prima di decidersi: all’ora dell’inizio il cielo è spaccato in due, a ovest sereno e a est nuvoloni con tuoni in avvicinamento. Il tempo di disputare 30 secondi di partita ed ecco che cadono le gocce e si va tutti in palestra.
Piazz con le assenze pesanti di Garavaglia e Marcella Filippi, per i Boh Basta manca solo Radaelli, a parte Arrigoni che però s’era visto solo una volta. E’ subito chiaro che i pluri-titolati hanno un’altra marcia rispetto alle precedenti uscite: soprattutto c’è un Simone Casati scatenato, che segna 10 dei primi 13 punti della squadra, poi lancia Munafò in contropiede per il 15-7. Quindi un tap-in di Crisci ed è già +9. Ma i Piazz sono abituati alle partenze lente, e con l’ingresso di Gugliotta a dar consistenza alla difesa si riportano a contatto. I fratelli Tieghi sono due schegge imprendibili in penetrazione e in contropiede: in avvio di 2° quarto arriva il primo sorpasso per i Piazz (25-26) con Erika Francione che serve 2 assist a Francesco Tieghi.
D’autorità però la reazione immediata dei Boh Basta: monumentale schiacciata di Saini su assist in contropiede di Simone Casati [nella foto, la sequenza dell’azione], e una tripla di Radovanovic è subito cancellata da un’entrata di Carolina Bossi più aggiuntivo. Poi S. Casati e Saini confezionano il 42-32 a 2′ dall’intervallo. Arriva però una tegola per i Boh Basta: su contropiede di Gugliotta, che realizza, Saini commette fallo e si procura una distorsione alla caviglia. Partita finita per lui e presenza in finale a forte rischio. I Piazz colgono l’attimo e si distendono ancora in velocità prima con Gugliotta, poi sulla sirena con Federico Tieghi da palla rubata: solo +2 Boh Basta al riposo.
Il momento favorevole ai Piazz continua in avvio di ripresa con le triple di Furlanetto e Berenato per il nuovo sorpasso (47-48). Ma i Boh Basta rispondono alla grande con un 8-0 aperto da Bossi e chiuso da Munafò (55-48), e da lì in poi non si voltano più indietro. Ancora la frizzante Bossi fende la difesa in entrata, Simone Casati in sospensione fa il +12 (62-50 a metà 3° quarto), poi s’abbassano le percentuali ma sembra ancora tutto in mano ai Boh Basta quando Munafò infila l’ennesima tripla con l’avversario incollato (67-56). Però gli ultimi 2′ del 3° quarto sono uno “showtime” dei fratelli Tieghi: rubano palloni (Francesco bravo anche a subire da Crisci uno sfondamento che lo toglie dalla partita con 4 falli) e si fiondano in contropiede come lippe, cancellando il divario nel giro di poche azioni. Federico Tieghi concede il bis e segna anche allo scadere di questa frazione.
Solo +3 Boh Basta: sembra destinata a decidersi sul filo. Invece ecco il momento decisivo: a 5 punti di fila di Luca Casati i Piazz rispondono (74-70), ma è l’ultima scossa per loro. Il trio Gugliotta-Furlanetto-Radovanovic produce meno di quanto auspicato, il blackout offensivo dei Piazz dura lunghi minuti, e quando tornano a segnare la partita è già stata azzannata definitivamente dai Boh Basta. Il solito “Big Time” Munafò infila 8 punti, Carolina Bossi dà man forte e sull’83-71 al 36′ i conti sono chiusi in anticipo. Nel finale, paura per un malore di Camilla Tandoi, che per fortuna si riprenderà dopo una boccata d’ossigeno all’aperto.

Fade-Away di Bojan
Fade-Away di Bojan

 

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B