George ammette: “Dura dire di no a Kobe!”

La stella dei Pacers in questi giorni sta discutendo del suo futuro con la franchigia e ammette la sua debolezza verso i giallo-viola.

Nella Eastern Conference gli Indiana Pacers si sono confermati i rivali numero uno dei Miami Heat grazie anche all’esplosione di Paul George (23 anni),l’ex Fresno State sta entrando nel suo ultimo anno di contratto e ha ammesso che se dovesse essere free-agent l’estate prossima non potrebbe rifiutare una certa offerta!

All’Indianapolis Star il giocatore ha dichiarato il suo amore verso i Pacers: “Il mio cuore appartiene ad Indiana, sono un giocatore dei Pacers e spero di rimanerlo a lungo tempo” anche se manca un anno, per tutti gli addetti ai lavori la free-agency 2014 sarà l’estate dei Lakers e se loro chiamassero: “Bè sai, è difficile dire di no a Kobe se dovesse chiamarti, vorrebbe dire tornare a giocare a casa” infatti George è nativo della California (Palmdale, ndr) ed è cresciuto tifando Kobe Bryant (34 anni).

Ad oggi non sono ancora iniziate le trattative per il suo rinnovo con i Pacers, molto probabilmente farà come Chris Paul (27 anni) con i Clippers, aspettare la free-agency per poi firmare il massimo contrattuale.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • hanamichi sakuragi

    bhè prescelto cmq se c’è qualcuno che sfotte i tifosi dei Lakers ad ogni occasione quello sei tu…

    cmq è più corretto dire che quest’anno se i compagni l’avessero buttata dentro quasi quasi kobe finiva in doppia cifra di assist.
    qnd Howard, che dal suo punto di vista ha fatto bene ad andare a Houston, si può lamentare di molte cose ma non di kobe che non gli passava la palla.