Miami, soprannomi sulle maglie?

I campioni in carica stanno pensando ad cambiare le normali uniformi da gara mettendo i loro sprannomi al posto dei classici cognomi.

I Miami Heat sotto l’aspetto del marketing non hanno nulla da invidiare a nessuna franchigia NBA, negli ultimi due anni ha rilasciato le divise all-Black (2011/12) e all-white (2012/13), più quelle per gli eventi come la “Noche Latina” o la monocromatica per il Natale 2012, e una serie di t-shirt e gadget per celebrare i titoli vinti negli ultimi due anni, adesso però vogliono spingersi oltre!

Infatti giunge vice che l’NBA , più nello specifico i Miami Heat, in questa stagione vogliano mettere sulle loro schiene non più i classici cognomi…ma i soprannomi!!!

Niente di ufficiale anche perché tutte queste idee devono essere approvate dall’NBA che di solito ci impiega il suo tempo, gli Heat hanno smentito questa voce anche se ci stanno lavorando insieme ai Brooklyn Net proprio per vestirle negli scontri diretti, se andasse in porto ecco alcuni soprannomini certi dei campioni in carica:

Lebron James – “King James

Chris Andersen – “Birdman

Mario Chalmers – “Rio

Chris Bosh – “CB

Shane Battier – “Batman

Udonis Haslem – “UD

Norris Cole – “Cole Train

Più complicata la faccenda per tre giocatori

Ray Allen – “He Got Game” o “Jesus” o “Shuttlesworth“?

Joel Anthony – “The Warden” o “Doc

Dwyane Wade – “Flash” o “W.O.W” o “Three” o “D-Wade

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B