Che sarà di questi Lakers chi lo sa?

Il rinnovo di Howard non è arrivato, tanti innesti ma di poca rilevanza e Bryant ancora da solo, Marco analizza l’annata dei Lakers.

Dovrebbe essere facilissimo o difficilissimo parlare dei Lakers dopo la terrificante ultima stagione.

E che sarebbe stata terrificante molti di noi lo avevano capito già dalle scelte di mercato, aghiaccianti, fatte dal duo Buss Jr.-ChupaKupchack. La stagione è andata come tutti sappiamo, Playoffs raggiunti per il rotto della cuffia, Kobe sacrificatosi per la maglia con rottura del tendine d’achille, sweep subito dagli Spurs che hanno ridicolizzato i giallo viola in quattro semplici partite. Da li in poi secondo molti, magari gli stessi che avevano esultato girando le città di residenza alla firma un annetto fa di Dwight Howard, è iniziato il piano di rifondazione giallo viola.

Ed in molti sono (siamo) rimasti alla finestra per vedere cosa sarebbe successo dei Los Angeles Lakers. Una prima decisione importante è stata presa, Mike D’Antoni resterà al comando della ciurma seduto saldamente in panchina, con la fortuna di essere stato scelto proprio dal trota, al secolo Buss jr, per cui pur di non sconfessarsi e sbugiardarsi è difficile che rischi qualcosa. Pur essendo chiarissimo a tutti che il gioco che vuole coach D’Antoni non è molto gradito dal duo che dal prossimo fine ottobre conterà qualcosa in campo e nel, immaginiamo rovente, spogliatoio giallo viola ergo il #24 ed il #16. Poi si è deciso di non rifirmare Howard e tutto sommato questa decisione non è che abbia scontentato le masse o sorpreso gli addetti ai lavori. Immaginiamo che dopo la stagione scorsa, pessima soprattutto come attitudine al gioco, il G.M. dei Lakers non abbia voluto investire una cifra elevata per tenerlo in maglia giallo viola, inoltre il centrone della Georgia non era così contento di rimanere sotto lo stesso tetto con chi proprio dell’attitudine ne fa una ragione di vita sportiva, Kobe Bryant.

Inoltre si è deciso di amnistiare Ron Artest, per la cronaca Metta World Peace lo chiamate voi eventualmente, un ex giocatore già da un anetto a questa parte.

Dunque perso Howard quale brillante idea ha avuto il duo di incredibili cervelloni che guida adesso il management dei Lakers??? qualche mossa di mercato, intesa come trade, per dare nuova linfa al roster???? Si, fattibile???? anche no, chi si prenderebbe il catalano con quel contrattone??? Nessuno ovviamente e calcolando che sarebbe stato l’unico da scambiare anche la possibilità trade è finita presto nel cestino del dimenticatoio. Quindi io immagino la scena. Nell’acquar…..ops nell’ufficio del TrotaBuss jr si sarà tenuto un autentico (mini) brainstorm tra lui e chupaKupchack. Che fare? Come risollevare le quotazioni dei Lakers per la stagione 2013/14???

Anche perchè, poveracci loro, si può ben credere che ad ogni mossa di mercato parta una telefonata dal 24, che chiunque di noi vorrebbe sentire, in special modo se l’acquisizione o la cessione non sia gradita dal nativo di Philadelphia.

Per cui al duo al timone della nave gialloviola non è rimasta altra mossa che tentare la sorte nel mercato dei free agents che qualche volta ha riservato delle piacevoli sorprese, certo bisogna avere salary cap disponibile, ahia qui siamo messi male, ed idee brillanti e spregiudicate, sulla prima parte siamo messi peggio. Pronti via si firma un centrone per sostituire Howard, per cui benvenuto in gialloviola a Chris Kaman, tutto sommato neanche niente male, anche se i giorni migliori della sua vita cestistica sono già passati. Poi sotto con il vero botto dei Lakers versione 2013/14: vorrei un rullo di tamburi, ecco a voi Swagy Nick Young (idolo del nostro direttore F.M.B), appunto……se questo è il miglior acquisto dei Lakers siamo messi bene, anzi benissimo. Poi il più classico dei cavalli di ritorno: Jordan Farmar!! personalmente meglio dei primi due oltretutto, forse realmente l’unica decente addizione al roster di coach Bryant, no non ho sbagliato…Si è passati anche alla firma della prima scelta Ryan Kelly, mani e intelligenza cestistica sopraffini, ma uomo di Duke ed immaginiamo cosa potrà subire da uno Young a caso.
Da qui in poi le acquisizioni dei free agents di chupaKupchack sono sembrate gli acquisti del circo Medrano in partenza per la tournè nelle piazze italiane. Elenchiamoli così per non sbagliarci: Wesley Johnson, Xavier Henry, Shawnee Williams, Elias Harris, un rookie anche buon prospetto che mischiare insieme agli altri è anche fastidioso, Marcus Landry, per finire con il botto, un trio chiamato per il training camp, Dan Gadzuric, Eric Boateng e Darius Johnson-Odom.

Si li ho scritti tutti. E chiedo scusa ai tifosi Lakers per averglieli ricordati tutti. Un’accozzaglia di mezze figure, mezzi giocatori famosi per una partita, un quarto magari alcuni nemmeno per quello, degni appunto per il venghino venghino di un circo, non di certo per cercare di rifondare una franchigia come i Los Angeles Lakers.
Qualcuno, i fans più miopi, quelli che stravedevano per l’arrivo di Howard parlando già di titolo e di centro più forte della galassia, sono anche riusciti ad elencare degli pseudo pregi di queste strane figure simili ai nani, ballerini e fenomeni circensi. Solo che parliamoci chiaro, se va bene la dirigenza Lakers ha capito che anche per la prossima stagione sarebbe stata durissima lottare per un posto al sole, per cui meglio riempirsi il roster di circensi e prepararsi alla prossima estate dei free agents magari anche con una discreta prima scelta, piuttosto che vivere l’ennesima stagione nella mediocrità. Ma se va male si parlerà, per l’appunto, di stagione mediocre, con un coach inadatto ed un roster pieno di giocatori considerati buoni prospetti, alcuni da un po troppe stagioni a dir la verità, o mezze figure.

Per la cronaca se qualcuno disponesse del numero di cellulare di Kupchack me lo dia pure che un paio di giocatorini degni di nota e decisamente superiori ai vari LandryHenryBoateng e via discorrendo ce li avrei da segnalarli, vero Adrien e Goffredo.

Doc. Abbati

Doc. Abbati

Il diversamente giovane del gruppo, appassionato di motociclismo e, soprattutto, dello sport made in USA , fan dei Lakers, dei Raiders e dei Mets rigorosamente in quest’ordine, seguo il basket NBA fin dagli anni 70 Nickname: Doc.Abbati

  • Tommaso

    Non criticate Kupchak che con lo spazio salariale a disposizione dei Lakers ha fatto miracoli. Li aveva già fatti prendendo Gasol per poi vincere 2 Titoli. Criticare Buss Jr, ma non Kupchak.

  • low profile

    “Poi si è deciso di non rifirmare Howard e tutto sommato questa decisione non è che abbia scontentato le masse o sorpreso gli addetti ai lavori. Immaginiamo che dopo la stagione scorsa, pessima soprattutto come attitudine al gioco, il G.M. dei Lakers non abbia voluto investire una cifra elevata per tenerlo in maglia giallo viola”

    WTF?!?!?!

    si certo e l’hashtag #staydh12 appiccicato su mille cartelloni sparsi per tutta la California ne erano la prova

  • Lemmy

    Diciamo che, come sottolineato da low profile, è Howard che ha deciso di andarsene…l’estensione gli era stata offerta ed LUI che NON HA FIRMATO. Diciamo la verità almeno. Non so se siete peggio informati o altro…bho…

  • Lemmy

    Meglio di così non si poteva fare. Mi spiego meglio.
    Cap intsato, Bryant ai box ed un enorme punto interrogativo riguardo allo stato di forma che l’ex Lower Marion raggiungerà in questa stagione. Prossimo mercato dei free-agents che offrirà tanta bella roba (LeBron, Granger, Melo, Monroe, Favors, ecc…), nonchè draft che si annuncia ricco di talento e molto profondo (Wiggins, Parker, Randle, ecc…). Quindi meglio fare una stagione mediocre, se vuoi anche perdente (tanto i presupposti per competere per qualcosa, anche solo uno spot ai PO, non ci sono) e puntare a ricostruire,in modo tale da essere una contender già dalla stagione immediatamente successiva.

    Non una mossa da geni, nel senso che era ciò che un GM equilibrato (quale Kupchack è) avrebbe fatto.

  • hanamichi sakuragi

    Onestamente il tono dell’articolo non mi piace pensavo fosse una disamina seria della penosa situazione dei lakers.
    errore mio.
    errore di chi scrive è dire che i lakers non hanno voluto tenere howard; è lui che se ne è voluto andare scegliendo di guadagnare meno.

    infine su nick young. se l’autore del titolo avrà ragione nulla da dire.. se la sua stagione sarà buona rispetto alle sue possibilità mi aspetto un mea culpa

  • Michael Philips

    Non è la prima volta che howard viene duramente attaccato da chi scrive gli articoli su nba evolution. Io sono uno dei primi ad attaccare il nuovo pivot di houston, ma non lo faccio da tifoso giallo-viola rancoroso.

    Già in un paio di occasioni si era fatto notare a FMB che i suoi articoli erano chiaramente troppo anti-howard in chiave “maledetto scarsone, hai creato solo problemi ai miei lakers”.

  • N.Strocchi (NBA-Evolution)

    Assicuro che FMB è tutt’altro che un Lakers.

    Comunque è bello che vengano stimolati dibattiti no? Daltronde non siamo su un blog dei Lakers…poi cmq credo anche io che sia stato al 99% Howard a mollare LA con la coda tra le gambe per rifugiarsi dal barba…

  • hanamichi sakuragi

    infatti mp non definirei FMB un laker

  • 8gld

    ” Poi si è deciso di non rifirmare Howard e tutto sommato questa decisione non è che abbia scontentato le masse o sorpreso gli addetti ai lavori. Immaginiamo che dopo la stagione scorsa, pessima soprattutto come attitudine al gioco, il G.M. dei Lakers non abbia voluto investire una cifra elevata per tenerlo in maglia giallo viola”…

    Concordo con low profile…discordante dalla realtà.
    Oltretutto cozza con: “Dunque perso Howard”…

    @N. Strocchi
    “Comunque è bello che vengano stimolati dibattiti no? Daltronde non siamo su un blog dei Lakers…poi cmq credo anche io che sia stato al 99% Howard a mollare LA con la coda tra le gambe per rifugiarsi dal barba”…

    I dibattiti si possono anche stimolare ed è giusto farlo per scambiare opinioni…meglio farlo su basi reali.
    il 99% già lascia un'”incertezza” su quello che invece è accaduto al 100% così come non è sicuro che sia andato via con “la coda tra le gambe” per rifugiarsi dal barba.

    “il G.M. dei Lakers non abbia voluto investire una cifra elevata per tenerlo in maglia giallo viola”
    Terribile.

    “Anche perchè, poveracci loro, si può ben credere che ad ogni mossa di mercato parta una telefonata dal 24, che chiunque di noi vorrebbe sentire, in special modo se l’acquisizione o la cessione non sia gradita dal nativo di Philadelphia”.

  • Stavolta non ho fatto niente, ho lasciato che fosse un giallo-viola come Marco a scrivere!

  • in your wais

    Dwight Howard ha fatto una stagione pessima dal punto di vista del gioco e dell’immagine, shame on him, ma la decisione di andarsene non è stata una “fuga con la coda tra le gambe”, anzi, è stata forse l’unica cosa sensata che abbia fatto negli ultimi 2 anni

    Doveva restare esattamente a fare cosa, ad L.A.? Nella squadra col monta salari più alto della Lega, col top player ai box non si sa ancora per quanto, nè come torna, un play di 40 anni, un’ala forte di 33 con cui manco si trova, ed il resto del roster che se la batte con i Bobcats

    Ha deciso di andare invece, pensa che stronzo, in una squadra con una stella di 24 anni, spazio salariale, dei role players quanto meno decenti, e tutto il tempo per lottare un 6-7 ai massimi livelli

    Dov’è la fuga? Ma se Kobe nel 2007, dopo aver urlato ai 4 venti che non avrebbe mai più giocato per i Lakers, fosse stato davvero ceduto, qualcuno parlerebbe di fuga? A questo punto penso di si

  • marco-nba evolution

    che bello vedere tanti serissimi ed informatissimi pseudo tifosi che scrivono. Intanto inizio a divertirmi scrivendo che chi ha scritto che FMB è un tifoso lakers è uno che è perpiscace come brunetta sul voto alla fiducia e questo mi fa già capire tantissimo. Poi interessante anche chi scrive della fantomatica offerta lakers ad howard, veramente interessante perchè se ne è parlato tra i rumors, chupa ha detto che era pronta ma non è mai stata realmente formulata. Così come le pubblicità sul 12 in una zona di los angeles messe e rimosse in 72 ore circa e di questo ne ho la certezza assoluta. Dopodichè questo è un blog che parla in ogni modo, anche ironico e goliardico, di basket nba, nessuno mi paga, ho un altro lavoro e seguo questo giochino da metà degli anni 70 con conoscenze losangeline “sul campo” senza illazioni e senza inventarmi niente, mi informo e scrivo, non come fanno tanti che probabilmente in uscita dalla scuola leggono e si infervorano come ultras ad minchiam e devo dire che il fervore da sfigati della curva sud che leggo ultimamente mi fa ridere e divertire e che, come avevo ampiamente pronosticato con FMB, è comparso in maniera ancora più ridicola, insomma qualcuno si è realmente superato.

  • in your wais

    Certo che quanto ad educazione tra te ed FMB ci passano un paio di oceani

    Nessuno ti ha attaccato sul piano personale, al massimo sono state mosse critiche su alcuni punti, mentre tu prende e parti “perspicace come Brunetta”…”ultras ad minchiam”, solo perchè qualcuno la pensa diversamente

    Senza contare tutta quella tiritera solo per farci sapere a noi poveri paria che tu segui il basket da 30 e passa anni, che fai colazione ad L.A. quando ti pare, e che sei un insider che Jeffrey Wigand ti fa una ricca pippa

    Puoi girartela come ti pare, ma se fosse dipeso dai Lakers, Howard sarebbe ancora a Los Angeles. Gli hanno offerto un botto di soldi, e quello comunque ha deciso di andarsene

    Punto, le chiacchiere stanno a zero, a meno che non mi fai sentire la registrazione di te che parli al telefono con Buss Jr e dice il contrario

    E se ti senti in dovere di bannarmi per lesa maestà, fai pure

  • 8gld

    Quindi alla fine, tolto altro che poco mi interessa, stai dicendo che i Lakers non hanno fatto l’offerta a Howard?
    “Poi interessante anche chi scrive della fantomatica offerta lakers ad howard, veramente interessante perchè se ne è parlato tra i rumors, chupa ha detto che era pronta ma non è mai stata realmente formulata”.
    Per esser pronta l’hanno dovuta formulare, pensare, buttarla giù, sentire Kobe…qualcosa avranno fatto. Fuori da questo contesto si dice che sia stata messa proprio sul tavolo come massimo salariale mentre Kobe gli spiegava come si vince.
    Non è importante ora che sia stata il massimo salariale o 1 dollaro è come dire “vorrei che tu rimani a giocare qui con noi ma non ti dico quanto ti offro o aspetta un attimo che è pronta ma ancora la dobbiamo formulare”…o giù di lì…per poi alzare il livello con “Poi si è deciso di non rifirmare Howard”
    Quindi era pronta ma ancora da formulare mentre Kobe gli spiegava come si vince e all’ultimo (a questo punto si può pensare fin dall’inizio) hanno deciso di non rifirmarlo.
    Continuo a veder ancora tutto un pò complicato e discordante.
    Adesso tolto il fatto che la stampa andrebbe presa con le pinzette così come molta informazione, ma in questo caso continuo a vederla più semplice.
    I Lakers hanno fatto l’offerta e Howard ha scelto il Texas…poi le motivazioni, ora, vengono dopo.
    Ad oggi mi rimane ancora semplice pensare che i Lakers l’hanno formulata, scritta, presentata e abbiano ricevuto un no, una decisione contraria alle loro aspettative. Anche presentando 1 dollaro.
    Pronto a ricredermi.

  • hayes

    Ohibò, che uscita incresciosa…

  • low profile

    Marco
    porca pupazza che coda di paglia.
    Hai scritto un articolo con delle affermazioni audaci, magari tra 10 anni scopriremo pure che hai ragione tu ma ad oggi sembrano frasi farlocche, è normale attirare delle critiche.
    Dicendo che lo fai gratis (cosa che ti fa comunque onore) la butti anche sul personale quando nessuno ti ha criticato come essere umano ma solo per aver scritto delle cose poco plausibili.
    Se ti esponi al pubblico devi essere pronto ad incassare i complimenti ma anche le strocature,è un legge che vale per tutti e non vedo perché si dovrebbe fare un’eccezione solo per te.

  • Lemmy

    low profile: concordo con te.

    Anche io, avedo esperienze (seppur “amatoriali”) in ambito giornalistico, la prima cosa che mi sentii dire fu che le critiche fanno parte del gioco e, prima o poi, arrivano.

    Sta a chi scrive e si espone incassarle con stile. Ovviamente parliamo sempre di critiche mosse su un determinato pezzo o argomento in questione, non sul personale, e questo ne è un esempio.

    Tornado sul pezzo, è quasi scontato che Kupchak abbia detto “Abbiamo pensato all’offerta, ma non l’abbiamo mai formulata”, per non far la figuara di quelli scaricati. Ma i fatti sono ben diversi: l’offerta era di 120 milioni per 5 anni, o giù di li, ovvero il massimo salariale, e Dwight ha deciso di andarsene in Texas comunque. Il resto è fuffa.

  • tom

    marco di cognome fai bagatta?

  • marco-nba evolution

    no non faccio bagatta e non mi interessa nemmeno come fai tu, interessante la vicenda coda di paglia, visto che io non cito nessuno, aparte chi ha scritto di FMB tifoso lakers che è davvero ridicolo lasciate dire, ma rispondo eventualmente solo a chi scrive della fenomenale offerta lakers ad howard MAI VERIFICATA, siccome io mi sono, secondo qualcuno, permesso di scrivere che i lakers non erano interessati a rifirmare howard. Le critiche ci stanno ed ognuno in materia può pensarla come vuole, è indicutibile che ci sia chi, ed è tipicamente itagliano ( la g è stata messa volontariamente), chi esporta metodologie da ultras di curva sudnordestovest anche al basket nba ed in particolare alla propria squadra del cuore. Ripeto il mio era anche un articolo ironico per prendere in giro l’accozzaglia di nani ballerini e quant’altro arrivati alla squadra che seguo da una vita, speravo in risposte legate soprattutto a questa vicenda non come al solito sul giocatore che in tanti, anche uno con il 33 che ai lakers ha contato, considerano molto forse troppo valutato. Non ho niente da ridire sui commenti tecnici in materia ma alcune cose sono scritte chiaramente da chi si sente offeso perchè ritiene intoccabili l’onore dei lakers o di howard ed arrivare, ripeto, a definire FMB tifoso gialloviola significa dire stupidate grosse. Poi su howard sono anni che scrivo in un modo ma anni, da quando abbiamo iniziato per cui non è un partito preso perchè ha fatto cagare in maglia lakers, l’affare howard è stato da me criticato già quando si stava concretizzando due stagioni fa, per cui anche chi ha scritto che ce la prendiamo con lui perchè ha giocato male in maglia lakers si sbaglia di nuovo. Le critiche le accetto senza problemi, le cose scritte da ultras meno

  • Lemmy

    Ecco Forbes (anche se il focus dell’articolo non è tanto sull’affaire cestistico, quanto più dell’incidenza della tassazione sugli stipendi dei vari pro’s americani):

    http://www.forbes.com/sites/robertwood/2013/07/07/for-dwight-howard-rockets-smaller-dollars-beat-lakers/

    Daily News:

    http://www.nydailynews.com/sports/basketball/lawrence-lakers-bank-dwight-tv-article-1.1388810

    Bleacher Report:

    http://bleacherreport.com/articles/1694355-la-lakers-reportedly-losing-hope-for-dwight-howard-decision

    Bloomberg:

    http://www.businessweek.com/news/2013-07-08/lakers-to-keep-scoring-off-court-after-dwight-howard-s-departure

    da cui riporto un estratto per chi non abbia voglia di leggere: “Howard, 27, a seven-time All-Star center and three-time NBA defensive player of the year, spurned the Lakers’ league-maximum offer of $118 million over five years to accept a four-year, $88 million contract from the Rockets.” e “The Lakers erected billboards in Los Angeles and started a Twitter campaign urging Howard to stay, while Kupchak met with him minutes after the start of the NBA’s free-agency period, according to the Los Angeles Times and ESPN.”

    Mettiamola così (e non sono “critiche da ultras” come il caro Marco tende ad apostrofarle): l’offerta dei Lakers c’era…forse, e dico FORSE, non l’hanno mai presentata perchè lui aveva già deciso di non restare, quindi era inutile? E’ ben diverso dal dire che i Lakers non abbiano voluto investire su di lui.

  • 8gld

    “Dopodichè questo è un blog che parla in ogni modo, anche ironico e goliardico, di basket nba, nessuno mi paga, ho un altro lavoro e seguo questo giochino da metà degli anni 70″…

    Questo è un blog o sito che parla anche in modo ironico e goliardico e ci può stare così come scrivere un articolo.
    Se questa è la linea sarebbe giusto anche tenerla, dopo l’articolo, anche nelle risposte…ma haimè non sembrerebbe.
    Nell’articolo goliardico (in alcuni tratti si evince e l’idea ci può stare) ci sono delle affermazioni poco goliardi ma certe. Il fatto è che vengono esposte in modo poco trasparente e, in più casi, con concetti che cozzano tra di loro (non solo nell’articolo ma anche nelle risposte).
    Es: il contratto era pronto ma ancora da formulare…se il contratto E’ PRONTO vuol dire che è stato formulato, diversamente non può esser PRONTO. Ci può esser un’idea, una bozza, un attesa…ma dire PRONTO indica solo ed esclusivamente una cosa etc. etc. come sopra riportato e altro.

    Che nessuno ti paga questa è una scelta. Non credo che qualcuno ti abbia preso per un orecchio costringendoti a farlo. In questo caso, nell’andarlo ad indicare, c’è chi ti risponde che sei un grande come, invece, chi ti può dire che quest’appunto poco importa in questo momento.
    Se lo fai ci sarà una ragione e se lo fai ti devi aspettare anche delle determinate risposte sopratutto quando continui a rimaner poco trasparente e poco coerente.

    “conoscenze losangeline “sul campo” senza illazioni e senza inventarmi niente, mi informo e scrivo, non come fanno tanti che probabilmente in uscita dalla scuola leggono e si infervorano come ultras ad minchiam e devo dire che il fervore da sfigati della curva sud che leggo ultimamente mi fa ridere e divertire e che, come avevo ampiamente pronosticato con FMB, è comparso in maniera ancora più ridicola, insomma qualcuno si è realmente superato”.

    C’è da dire che rileggendo le varie risposte questa volta non è come indichi. Quindi avete pronosticato male. Tanti o alcuni tifosi Lakers, e non solo, non sono assolutamente intervenuti. Diciamo che parlando di Lakers questo è uno dei pochissimi articoli ad aver suscitato poche risposte. O sono in vacanza o, forse, sono rimasti “agghiacciati”.
    Se poi devi scrivere un articolo per il puro divertimento di attendere delle determinate risposte e, oltretutto, senza esser pagato, questo ti può indicare il fatto che non hai avuto molta riuscita.

    Continui a ripetere di f.m.b. e del suo non esser tifoso.
    Personalmente questo a me poco importa ma credo che f.m.b. eventualmente, se questa cosa gli pesa e la voglia chiarire, sia grande grosso e vaccinato per vedersela da sola. Il ripeterlo costantemente diviene noioso.

    “Ripeto il mio era anche un articolo ironico per prendere in giro l’accozzaglia di nani ballerini e quant’altro arrivati alla squadra che seguo da una vita”,…

    L’articolo ironico ci può stare ma la visione, o la mano del tifoso si nota. Non è detto che l’esser tifoso alcune volte sia d’aiuto.

    Il fatto che tu abbia criticato l’affare Howard sin dall’inizio ci può stare. Rimane, come i soldi, un appunto che può interessare o meno.

    Diciamo che dopo l’articolo e due commenti ancora non hai dato delucidazioni sulla dichiarazione:
    ” I Lakers hanno PRONTO IL CONTRATTO (MA ANCORA DA FORMULARE) MA HANNO DECISO DI NON RIFIRMARLO”.

    TUTTO PUO’ ESSERE MA COSI’ COME RIPORTATO NON E’ COERENTE O RIPORTATO NEL GIUSTO MODO.

    A mio avviso ci sono state delle franchigie insieme ai Lakers che hanno fatto le loro proposte e Howard ha scelto.
    Se non fosse così, com’è andata?

    Se la dirigenza prima di qualsiasi cosa interpella Kobe per quale motivo si son presentati insieme con l’atleta che spiegava a Howard come farlo vincere? Questo e tanti inutili passaggi se li potevano risparmiare.
    Dai, per venirti incontro forse avevano capito che non ci sarebbe stato nulla da fare? ma anche in questo caso hanno provato a trattenerlo, anche con 1 dollaro.

    ““Anche perchè, poveracci loro, si può ben credere che ad ogni mossa di mercato parta una telefonata dal 24, che chiunque di noi vorrebbe sentire, in special modo se l’acquisizione o la cessione non sia gradita dal nativo di Philadelphia”…

    non rientro in quel “chiunque” ma le sue dichiarazioni insieme a quelle della società sono stare sempre e comunque rivolte verso il contratto, il tenere, Howard.
    Qual’è questo aspetto della vicenda che mi sfugge?

    Che poi la non rifirma a Howard potrà portare i Lakers il prossimo anno ad avere un salary basso, un Kobe in piena forma, un’arrivo o più altisonanti e i Lakers pronti per battagliare per il titolo ci può stare. Ma credo che questo pensiero alla dirigenza si sia instaurato dopo aver ricevuto il no e non prima.

    “ma rispondo eventualmente solo a chi scrive della fenomenale offerta lakers ad howard MAI VERIFICATA”,…

    In attesa di risposta.

  • hanamichi sakuragi

    concordo con quanto detto da low profile e da 8gld.. in particolare sul fatto che se si fa un articolo ironico, che ribadisco a me non è piaciuto ma qui andiamo assolutamente nel personale, poi non si risponde come ha fatto il curatore dello stesso.
    tra l’altro la telenove howard è stata molto seguita su questo sito e le informazioni, coerenti con tutti gli altri media, andavano in direzione opposta.

    ps: poi mi chiedo dov’è che sarebbero emersi i tifosi dei lakers bimbi minkia

  • Ammiraglio

    Sinceramente anche io, quando ho letto che i Lakers avevano deciso di non rifirmare Howard, l’ho trovato alquanto strano.
    Adesso non so se l’offerta non sia stata formale o meno, ma da quello che avevamo capito tutti, sembrava proprio che fossero più che interessati a trattenerlo (come era naturale che fosse).
    Tanto è che Buss jr parlò proprio di almeno due riunioni, una con Bryant presente, e l’altra in cui ( poco credibile aggiungerei) Howard avesse chiesto di tagliare Kobe come condicio sine qua non del suo rinnovo.

    Se poi l’offerta non sia mai stata presentata, questo il mondo lo ignorava. Tutti pensavamo, e pensiamo, sia successo il contrario.

  • low profile

    Lemmy

    il vero scandalo è l’aver rifiutato una fornitura di pollo fritto a vita fatta arrivare all’agente di DH da parte di un fast food di Dallas. Da uno come Howard mi sarei aspettato una firma a caratteri cubitali coi Mavs

  • @Low profile
    Finalmente uno che lo ha detto!!! Cazzarola un anno di pollo fritto con la crisi che c’è è oro!

  • Lemmy

    low profile

    questa del pollo fritto non la sapevo! o_O soltanto negli States!

  • Lemmy

    Meglio una fornitura a vita di hookers…a sto punto!

  • low profile

    x gli amanti del pollo fritto

    http://www.nydailynews.com/sports/basketball/dallas-grub-hub-ready-give-dwight-fingers-article-1.1386494

    se passate per Dallas fate un giro in un raising cane’s e ditemi com’è

  • 8gld

    Ero curioso di capire quale fosse l’aspetto della vicenda che mi sfugge ma ahimè, vedo che non vi sono risposte.
    Forse ci sarà modo o articoli per svelare questo mistero.

    Se cerchi di scrivere in un modo guascone accetta anche i commenti ironici.
    @tom:
    “marco di cognome fai bagatta”?

    e per rimanere in linea non credo che sia questa una risposta adatta:

    “no non faccio bagatta e non mi interessa nemmeno come fai tu,”…
    il “come” dovrebbe essere “cosa”.

    “A) Poi si è deciso di non rifirmare Howard e tutto sommato questa decisione non è che abbia scontentato le masse o sorpreso gli addetti ai lavori. B) Immaginiamo che dopo la stagione scorsa, pessima soprattutto come attitudine al gioco, il G.M. dei Lakers non abbia voluto investire una cifra elevata per tenerlo in maglia giallo viola, C) inoltre il centrone della Georgia non era così contento di rimanere sotto lo stesso tetto con chi proprio dell’attitudine ne fa una ragione di vita sportiva, Kobe Bryant”.

    Qui si raggruppano 3 passaggi.
    Per me solo uno si avvicina molto alla realtà (meno nelle motivazioni).

  • 8gld

    ps:
    “no non faccio bagatta e non mi interessa nemmeno come fai tu,”…
    o forse “come fai tu di” di cognome.
    cmq la cosa non cambia.