Howard si apre: “LeBron è il mio riferimento!”

Il neo-centro dei Rockets è consapevole dell’opinione dei tifosi e vuole emulare il collega di Miami dopo la famosa decisione del 2010.

È un Dwight Howard (26 anni) nuovo e carico come mai quello che si appropinqua a giocare la stagione 2013/14 con gli Houston Rockets, settimana scorsa aveva dichiarato gli obiettivi per l’annata (CLICCA QUI per leggere), oggi invece parla del suo cammino personale facendo riferimento al collega dei Miami Heat, LeBron James (28 anni)!

Negli ultimi 2 anni Howard è passato da simpatico giocherellone a personaggio poco gradito tra i fan NBA, tra le sue paturnie agli Orlando Magic e l’ultima travagliata stagione con i Lakers, il gradimento popolare nei suoi confronti è sceso e lui ne è consapevole: “L’hanno scorso mi sentivo un cattivo dei fumetti, quest’anno mi sento come uno dei più cattivi dei fumetti!” aggiungendo: “Anche LeBron ha passato questo periodo ma poi ha vinto ed io ero felice per lui, certo mi sarebbe piaciuto essere al suo posto am ero contento per lui. So cosa ha provato, quando ti sparano addosso cattiverie di ogni tipo che non si sposano con la tua personalità e poi in campo smentisci tutto e tutti”.

Howard ha continuato a parlare di LeBron elogiandolo: “Ed eccolo qui, è il giocatore più forte del pianeta, ha fatto quello che voleva e lo ha fatto davanti a tutto il mondo. Ho capito allora che i nostri problemi, i nostri difetti sono là fuori e tutto il mondo li vede, non si può fuggire. Dobbiamo imparare dai nostri errori e andare avanti”.

Alla fine conclude paragonando la sua decisione di abbandonare Orlando a quella di James di abbandonare Cleveland: “Ad Orlando volevo testare le acque, ho fatto la mia scelta ma ho amato la città. Non volevo fare del male alle persone proprio come LeBron, quando deciso di andare a Miami non aveva intenzione di ferire nessuno, glielo si leggeva negli occhi”

 

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • Ammiraglio

    “So cosa ha provato, quando ti sparano addosso cattiverie di ogni tipo che non si sposano con la tua personalità e poi in campo smentisci tutto e tutti”

    -LBJ non se le è meritate. Howard si, dalla prima all’ultima.
    -LBJ ha vinto. Howard chi o cosa avrebbe smentito?

    “L’hanno scorso mi sentivo un cattivo dei fumetti”

    -I cattivi dei fumetti sono fighi; tu sei solo un coglione.

  • Effez

    Tanta voglia di fare bene e dominare nel pitturato, grazie DH12 al tuo ritorno fisico!!

  • Lemmy

    Prima i fatti caro Dwight, prima i fatti…

  • in your wais

    Ma Howard ringiovanisce ogni volta che ne parlate? Ora ha 26 anni…

    Comunque caro Dwight, io personalmente non ti rinfaccio molto dell’ultima stagione…vero,il calo statistico è stato notevole, ma per certi versi fisiologico, con tanti attaccanti attorno. Senza contare che nn era di certo al 100% fisico

    Certo che per un tifoso L.A. vedere uno che tira un airball dalla lunetta e poi ci ride sopra…mmm…specie con la squadra si e no al 50% di W…dubito ti abbia fatto volare nei sondaggi…

    Ed anche vedere uno che non sembrava del tutto “immerso” in quello che faceva, anzi, sembrava quasi uno che passava di lì per caso…

    No, per me le cazzate vere le ha fatte nell’ultimo anno ai Magic, quel tira e molla fu davvero da bambino idiota, altro che LeBron

    Però, non tifando Lakers, non posso schifarti come fanno in tanti ora…e la decisione di andare ai Rockets sembra una delle poche intelligenti prese da 2 anni a questa parte

  • Max

    un bimbominkia in tutto e per tutto!!