Due parole con…Giovanni Ganci!

Dopo aver intervistato Matteo Gandini sul tema NBA Vs NFL, oggi NBA-Evolution va dalla spalla di telecronaca di Matteo, Gio Ganci!

 

 

 

CLICCA QUI per leggere l’intervista a Matteo Gandini!

1) Il SuperBowl ogni anno ferma quasi tutto il mondo a differenza delle NBA Finals che non sempre suscitano grande interesse (a meno di una G7), qual’é il segreto che sta dietro alla finalissima NFL?
Tutto nasce dal format dei playoff. Poche squadre si contendono il posto al grande ballo quindi arrivarci ha un valore immenso e la finale secca viene di conseguenza percepita da tutti gli appassionati, tifosi e non, come LA PARTITA.
Aggiungiamo che per aggiudicarti un posto ai playoff hai “solo” sedici partite a disposizione, questo aumenta esponenzialmente il valore del singolo incontro a differenza di NBA e MLB.
Il baseball è pastime ufficiale della nazione, non si discute, ma la domenica pomeriggio sul divano, con famiglia e/o amici per vedere la NFL è qualcosa di veramente speciale e unico nel suo genere.

2) Da un po’ di anni le Final Four NCAA si svolgono nelle arene NFL, l’anno scorso si è andati a casa di Matt Ryan al Georgia Dome di Atlanta, se mai in un futuro ci sará una finalissima NBA a gara secca, in quale arena ti piacerebbe vederla e perché?
Chi c’è stato mi ha raccontato di una grande atmosfera, dovuta principalmente al numeroso pubblico presente, ma di aver visto veramente poco della partita causa distanza.
Non credo che il futuro di una finale NBA a gara secca sia all’Arrowhead Stadium o in un (semi)dome modello Dallas Cowboys. Il basket si gioca in un’arena o palazzetto per dirla all’italiana.

3) Spesso si sente dire che alcuni giocatori NBA sono stati strappati all’NFL, io ti chiedo chi secondo te nel football é stato strappato al basket? O chi ti piacerebbe vedere sul parquet?
Gronkowski, Graham, Hernandez (fino a quando non ha dato di matto). I tight end NFL hanno di solito fisico muscoli e attitude per essere delle ottime ali piccole NBA: capacità di saper fare più cose (blocco/ricevere vs gioco dentro gioco fuori), lettura e “cambio in corsa”, su un broken play.
A livello di testa, invece, non potrò mai non pensare a come Manning e Magic Johnson siano due “Playmaker” nel più puro senso della parola, giocatori che migliorano i compagni (e, incubo di ogni allenatore, se gli chiami uno schema che non gli garba, te lo cambiano on the spot. e spesso hanno pure ragione)
Vorrei vedere sul parquet Warren Sapp, uno che il pivot lo poteva fare sul serio.
Vorrei vedere invece sul campo da football, magari come tight end, LeBron James: con quel fisico e quella testa ce la può fare.

4) Cosa l’NBA dovrebbe prendere dall’NFL?
Difficile rispondere perchè sono due leghe e due sport completamente diversi. Il problema reale della NBA è un calendario lungo e che porta molte squadre ad essere escluse dalla post season troppo presto. Risultato? Tank selvaggio per avere una scelta migliore al draft.
La soluzione è apparentemente semplice: ridurre il numero di partite, ma credo che gli interessi economici siano troppo alti anche solo per pensarci.
La NFL invece dovrebbe ispirarsi alla NBA per quella che è l’apertura al mondo anche se gli ostacoli sono veramente alti perchè la partita di pre-season ha scarso appeal tecnico e le otto partite in casa di regular season hanno un valore troppo alto per poter pensare ad uno spostamento sistematico all’estero
.

5) Facciamo qualche paragone tra le due leghe, io ti faccio un nome NFL e tu mi dici chi sarebbe il suo alter ego (per stile, carattere, personalitá, talento) in NBA e perché:
Peyton Manning: Vedi sopra. Magic
Drew Brees: Steve Nash, un altro che rende i giocatori intorno a lui migliori e che avesse avuto compagni migliori potrebbe scegliere tra molti più anelli quale indossare.
Calvin Johnson: Kevin Durant, segno quando voglio.
Tom Brady: Tim Duncan. Vincenti eppure mai sopra le righe, sempre misurato. Vedi che vince perchè si sveglia 2 ore prima degli altri per allenarsi di più.
Robert Griffin III: Derrick Rose. Grandi promesse, qualche buon risultato ma un infortunio rischia di essere per tutti e due il più grande “what if” della loro carriera.

6) Invece adesso ti lascio carta bianca, quali franchigie si assomigliano di più tra le due leghe?
Baltimore Ravens di Ray Lewis vs Detroit Pistons anni ‘80: due squadre “sporche”, amanti del trash talking e con dei giocatori fisici e senza particolari timori reverenziali.
Dallas Cowboys vs Los Angeles Lakers: l’America’s team con la squadra più famosa al mondo.
Washington Redskins vs Dallas Mavericks: soprattutto per i due proprietari Snyder e Cuban
Seattle Seahawks vs Cleveland Cavs: due squadre che vogliono dimostrare di essere qualcosa di diverso rispetto a come le si è sempre descritte.

7) Spesso e volentieri mi rendo promotore del movimento “Portiamo LeBron James” in NFL, all’high-school era un WR, secondo te: quanti ruoli potrebbe ricoprire e in quale spiccherebbe? Qualora non fosse un QB con quale, di quelli in attività, instaurerebbe un gran feeling?
Detto sopra, è un tight end fatto e finito: fisico, mani, letture.
Può dire la sua anche in difesa, magari come safety, non certo come linebacker.
Lebron è uno che va bene con i QB metodici: diciamo che lui e Brady nella stessa squadra sarebbero una bell’ossatura per vendere tanti biglietti (per vincere le partite, invece, come da famoso adagio, serve la difesa).

8) Credi che in un futuro si arriverà ad avere il football americano alle Olimpiadi?
– No, secondo me mai anche se IFAF (la federazione internazionale) si sta muovendo molto bene per aumentare la base dei praticanti e di conseguenza il numero di nazioni coinvolte nel movimento. Al momento il football è ancora uno sport troppo settoriale e non ancora sufficientemente globale per prendere in considerazione i cinque cerchi. Ultimo ma non ultimo: troppe persone da sistemare, fidatevi questo è probabilmente il problema maggiore.

9) L’NFL si sa espandendo sempre più in Europa, addirittura si pensa a 3 partite in quel di Wembley, credi che l’Italia potrà entrare in questa espansione?
No, non abbiamo lo stadio giusto per la NFL. Ai tempi della NFLEurope ci sono stati tentativi di esportare una franchigia in Italia, ma non si è mai trovata la quadra tra stadio decente, sufficiente grandezza del campo (contando anche la sideline), capienza e raggiungibilità dall’estero.

10) Classica domanda finale di NBA-Evolution; se fossi un GM di una nuova franchigia NBA con ottimo spazio salariale, dimmi 3 giocatori e 1 allenatore con i quali cominceresti l’avventura?
Russel Westbrook, Kevin Durant e Serge Ibaka dei Thunder. Come allenatore, potendo scegliere, prenderei Phil Jackson al posto di Scott Brooks.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B