NCAA 2013/14, le Top 5 da tener d’occhio!

Lente d’ingrandimento sulle 5 squadre collegiali più intriganti dell’annata e con i prospetti più forti, Kansas e Duke su tutte!

 

 

 

CLICCA QUI 
per scaricare NCAA Time!

 Arizona Wildcats

La scelta del freshman Grant Jerrett di candidarsi al draft NBA dopo una stagione da solo 4 punti di media verrà ricordata come una delle decisioni più stupide degli ultimi tempi in casa Wildcats, Kaleb Tarczewski e Brandon Ashley sono restate in squadra e dal reclutamento sono arrivati Aaron Gordon e Rondae Jefferson. Tj McConnel è arrivato da Duqesne per coprire proprio lo spazio lasciato vuoto da Jerrett ed è già stato paragonato ad Aaron Craft per le sue doti di ottimo difensore e sarà uno dei giocatori cardine per la squadra di Sean Miller

Kentucky Wildcats

Archie Goodwin è passato professionista ma I ritorni di Alex Poythress e Willie Cauley-Stein sono una buona dose di esperienza in casa Wildcats. Kentucky si è resa protagonista di una delle campagne di reclutamento migliori della storia portando in squadra ben 5 giocatori della top 10 di Espn, il talento nel roster è a livelli NBA con Julius Randle come punta principale seguito dai gemelli Andrew e Aaron Harrison. Forse non faranno numeri altissimi perchè il draft in vista imporrà in qualche modo a coach Calipari di far giocare tutti in maniera quasi matematica. L’unico titolare sicuro sembra essere proprio Randle che però difficilmente avrà carta bianca in attacco.

Michigan State Spartans

Non hanno nessun freshman in grado di spostare la situazione in loro favore ma I 3 leader della squadra dello scorso anno sono rimasti tutti in roster, Keith Appling, Gary Harris e Andreian Payne. Per essere una squadra da titolo manca un playmaker vero con il solo Appling che supera i 3 assist di media ma che è stato anche il miglior realizzatore della squadra con 13 punti di media. Il rapporto fra gli assist e le palle perso è un altro punto del programma che dovrà essere migliorato da Tom Izzo e dal suo Staff.

Kansas Jayhawks

Hanno convinto a giocare per loro il sogno proibito delle altre 300 e passa squadre NCAA, Andrew Wiggins è destinato a fare grandi cose mettere insieme grandi numeri con la maglia dei JayHawks. Dopo il passaggio di Ben McLemore in NBA c’è bisogno di un altro Scorer e Wiggins è l’uomo giusto. La sua presenza fa aumentare il livello della squadra ma quando si parte già abbastanza alti come è il caso di Kansas non ne può che venire fuori una squadra da Titolo, un solo tentativo come uno solo sarà l’anno che Wiggins passera a Lawrence prime di salire in NBA

Duke Blue Devils

Con Jabari Parker, Rodney Hood e Rasheed Sulaimon c’è già materiale a sufficienza per una stagione da vertice per I Blue Devils, hanno però perso due dei loro migliori uomini d’area Mason Plumlee e Ryan Kelly finite entrambi in NBA. Quin Cook sarà il vero ago della bilancia nello spot di Playmaker che nella scorsa stagione in più di una occasione ha superato quota 10 assist in partita. L’unico dubbio e problema per coach K sarà trovare un giocatore da far giocare stabilmente sotto canestro e il candidato principale sembra essere Marshall Plumlee l’ultimo dei 3 fratelloni Plumlee. Lo scorso anno ha giocato solo 3 minuti di media, se riuscirà a reggere il campo per una ventina di minuti allora Duke sarà li per vincere il titolo.

S.Bei

Sono di Rieti e ho una passione viscerale per il college basketball. Il mio giocatore preferito è Doug McDermott, non seguo particolarmente le vicende dei top team ma mi piace scovare giocatori promettenti nelle cosidette Mid-Major perchè a trovare il fenomeno a Kentucky, Duke o Louisville sono capaci tutti…il bello è trovarli dove non guarda nessuno! Nickname: Ste