Per Bargnani ritorna l’incubo del centro!

Le corte rotazioni dei lunghi e il K.O di Chandler costringono coach Woodson a schierare come centro il nostro portacolori.

Siamo solo ad inizio stagione ma a New York, proprio perché siamo a New York, tura già brutta aria dovuta alle tre sconfitte consecutive dove le ultime 2 avvenute proprio al Madison Square Garden davanti ad un pubblico sempre più spazientito, per i Knicks piove sul bagnato visto l’infortunio di Tyson Chandler (31 anni) e coach Mike Woodson deve ricorrere ai ripari.

L’ex centro dei Mavericks starà fuori dalle 4 alle 6 settimane e nel roster di centri veri non vi è ombra quindi bisognerà arrangiarsi con quello che si ha: il veterano Kenyon Martin (35 anni), l’ormai oggetto del mistero Amar’s Stoudemire (30 anni) e infine il nostro Andrea Bargnani (28 anni), fortemente candidato a ricoprire quel ruolo incubo che lo ha accompagnato negli anni di Toronto; Woodson vuole andare nelle prossime partite con un quintetto piccolo:
Raymond Felton
Pablo Prigioni
Iman Shumpert
Carmelo Anthony
Andrea Bargnani

Alla ESPN ha però espresso i suoi dubbi: “Abbiamo provato questa formazione, Amar’e e Kenyon non possono giocare più di tot. minuti e quindi Andrea è la nostra unica opzione da 5” aggiungendo: “Può funzionare anche perché aspettiamo il ritorno di J.R, però se affrontiamo squadra fisiche e grosse come Indiana o Brooklyn avremo molti problemi”.

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • Stiv#6

    A me vedere il mago nei pressi del pitturato mi mette addosso una tristezza..

  • Magic

    Prevedo una infinità di botte per Melo…e Bargs a guardare…

  • Danilo

    a ‘sto punto mettete al centro Spike Lee, sicuramente è più duro e incazzoso…. la vedo dura per i Knicks…

  • shaq4ever

    io vado un po’ controcorrente: nel basket moderno i ruoli dei lunghi sono sempre meno definiti. alla fine dire che uno gioca da 4 piuttosto che da 5, cosa cambia? dipende dagli accoppiamenti

    bene, bargnani essendo un lungo atipico con difesa scarsa mischia un po’ le carte. generalmente si prende l’attaccante meno forte ed è preso in consegna dal difensore più forte se versatile. per esempio contro chicago spesso lo si vede marcato da noah

    per cui in attacco non cambia molto, anzi forse migliora.. stazionando sul tiro da 3 se riesce a portar fuori il centro difensivo tanto meglio

    in difesa, scarso per scarso, farà un po’ di danni ovunque; rimbalzi non ne prende a prescindere.

  • brazzz

    bargnani non è un lungo atipico,non è niente..o meglio,è atipico nel suo prendere 2 rimba di media..questo è atipico..ma sarebbe atipico x chiunque di altezza superiore a 1,95…

  • shaq4ever

    braz
    it’s basketball, not pallarimbalzo

    comunque va bene essere hater, ma un po’ di obiettività non guasta

    diciamo anche che è uno dei peggiori rimbalzisti della lega.. ok, ma qualcosina la sa pur fare in attacco, come pochi lunghi possono. per cui non sarà una star ma rimane comunque un giocatore che può fare il titolare anche in una squadra da titolo. personalmente se fossi il gm di chicago e mi prospettassero uno scambio con boozer potrei anche accettarlo

  • lilin

    diciamo che un pick n roll/pick n pop tra lui e rose potrebbe essere interessante…

  • Procionide

    Continuate a confondere quello che potrebbe/avrebbe potuto essere con quello che è, e oggi Bargnani non è un giocatore NBA.

  • Lemmy

    Ho difeso per tanto tempo la scarsa (usando un eufemismo, sarebbe meglio inesistente) propensione a rimbalzo del Mago.

    Però cavolo, vedi play di 1.95 scarsi, se non più piccoli (Holiday, Bledsoe, Westbrook), tirare giù almeno 3-4 rebs a partita. Come diavolo faccia una pertica di 2.13 a prenderne 2 scarsi a match è un mistero.

    Un difensore non lo è mai stato, si sapeva. E non si può pretendere che lo diventi proprio adesso, specie con la testa e la volontà che si ritrova.

    Però se perde anche quel feeling col canestro che aveva in passato, e che era il suo unico (ma NOTEVOLE) punto di forza, non ha senso per lui calcare i parquet NBA.

    Aggiungiamoci che ha deciso (vabbè, è stato mandato) di andare ai Knicks, dove Melo comanda offensivamente (25 conclusioni a partita o giù di li) e il resto sono sparacchiatori accaniti (JR, Shumpert, Felton fa il suo, adesso anche Hardaway Jr) e vedi che gli spazi per lui in attacco si restringono, e se non sei efficiente al massimo, non produci risultati.

    In un altro contesto lo potrei vedere anche benino. Ai Knicks finirà di bruciarsi del tutto (sempre che non lo sia già)…

  • shaq4ever

    si va beh, adesso non è un giocatore nba….

  • Michael Philips

    Andrea è(forse)finito dalla padella alla brace.

    Se date uno sguardo ai roster degli altri team NBA difficilmente troverete un ambiente così poco adatto a liui com’è quello di new york.

    Detto che sinceramente con melo, k-mart, metta, jr, stat, chandler e felton nello spogliatoio la vedo dura per chiunque, quindi immaginatevi quanto è fuori luogo la mozzarella atomica.

    Ora però non esageriamo, andrea temo sia molto influenzato dal contesto in cui gioca(non come un danilo che ha sempre dato la sensazione di sapersi adattare bene) e trovasse un coach adatto a lui(lo so è il sogno di tutti i giocatori)allora potrebbe tornare ad essere quella strana pertica dotata di innegabile talento, molto difficile da marcare per qualsiasi lungo.

    A naso direi che woodson non è il “suo coach”.

  • Lemmy

    Non ho detto che non sia un giocatore NBA…leggete bene cavolo.

    Ho detto che in quel contesto, essendo che già ha perso molta reputazione gli ultimi anni a Toronto, rischia di bruciarsi sul serio.

    Infatti ho aggiunto che in un ambiente diverso, con coach e soprattutto compagni diversi, potrebbe ancora rendere, e bene…

  • shaq4ever

    lemmy
    ho letto benissimo, ce l’avevo con procionide che ha scritto espressamente quello

    su quanto hai scritto tu sono d’accordo e già al momento dello scambio, quando qualcuno era entusiasta del suo approdo in una squadra forte e non più una squadraccia, avevo espresso i miei dubbi.
    troppi giocatori nel suo ruolo (e gente come melo, stat e chandler, non asik che puoi anche prendere e sbatter in panchina), nessun play vero a servire lui e gli altri, troppo melo dipendenti e troppi volume shooters egoisti

    quanto meno sta partendo titolare, non me l’aspettavo

    magari con chandler fuori gioca di più e si mette un po in evidenza, anche se la squadra peggiora nettamente

  • che cazzone, mollo e svogliato come pochi, guardate Belinelli che pur non essendo chissa quale talento e sopratutto giocando in un ruolo dalla concorrenza pazzesca, riesce a stare 30 minuti in campo in una squadra come gli Spurs, tutto grazie alla grinta che mette in campo ogni partita, ecco quello è il giocatore italiano che tutti dovremo ammirare non sta mezza calzetta che si faceva fottere i rimbalzi anche da Boykins

  • Dcpretta

    Certo che è finito male pöör boy. Già da solo non si aiuta, in una squadra dove melo si prende 30 tiri e metta felton e jr non sono timidi, la vedo grigia. Tra l altro ci vorrebbe un allenatore che ha idee diverse di dare la palla a Carmelo e ciao

  • Lemmy

    shaq4ever

    Chiedo venia. Ho letto attentamente adesso il commento di Procionide e ho trovato il riferimento. Saluti 😀

  • brazzz

    ma scusate cristo.. Toronto non era il suo posto, new york non è il suo posto, gli allenatori di Toronto lo trattavan male, questo peggio..ma cazzo, non vi viene il dubbio che sia lui il problema, e non i vari contesti in cui si trova? che magari ci dovrebbe metter del suo che invece non ci mette.. non è mica gesu cristo sceso in terra che tutti quelli attorno a lui gli si debbano adattare,piuttosto il contrario
    poi sinceramente,a parte lo scandalo rimbalzi,è tutto il resto..è MOLLE, è un giocatore fragile, come attitudine complessiva, è questo il vero problema..al che sì, mi sta sul cazzo.. non sopporto i giocatori così smidollati..
    e non ha neppure tutto questo cristallino talento che possa anche in minima parte giustificare un carattere(??) simile.. un tale approccio.. alla fine i 2 rimba sono una conseguenza di questo modo di stare in campo…

  • Procionide

    Sì l’ho detto io e lo sottoscrivo.
    Sono stato un suo sostenitore e un suo difensore per lungo tempo, ma mi sono reso conto che non è un giocatore NBA. In tutti questi anni non è migliorato di una virgola, non ha mai sputato un po’ di sangue per risolvere le situazioni contrarie che si sono create.
    Ha avuto sfiga? Ma dove? E’ finito in una squadra che l’ha scelto al primo posto del draft, che ha mandato via il top player per puntare su di lui, gli ha dato tutto lo spazio che serviva (ha dovuto giocare centro? Oh poverino, dopotutto è solo 213 cm x 116 kg), e alla fine si è stufata di aspettarlo.

    E’ ovvio che ci può stare in NBA, visto che ci stanno degli ossi da brodo che non ti dico, ma questo non fa di lui un giocatore NBA. Quando dico che non lo è intendo che a lui prima di tutto non interessa esserlo, non gli interessa fare quegli sforzi e quei miglioramenti necessari per essere un vero giocatore NBA.

    Ha talento offensivo ma non abbastanza da farsi bastare quello, e non ha la durezza mentale per lavorare e rendersi utile in altri aspetti.

  • Procionide

    Mamma mia, quanto astio nel mio post. Si vede che mi ha proprio spezzato il cuore!

  • low profile

    Procionide
    dai che anche tu troverai l’anima gemella, non ti meritava.
    Scherzi a parte anche se con troppo astio le tue considerazioni sono razionali a parte la storia che hanno mandato via il top player per fargli spazio, in verità Cristina ha fatto le valige alla chetichella, anche se Bosh si collega bene alla mancanza di rimbalzi in quanto ricordo che all’epoca c’era chi diceva che Bargnani non ne prendeva perché faceva i taglia fuori per lasciare la palla a CB e alle sue statistiche, in buona sostanza è vero che da italiani ci siamo sempre impegnati a trovargli la scusa del caso

  • maurizio74

    Allora , è sempre difficile essere distaccati , ma credo fermamente che Bargnani possa essere , ALLA SCADENZA del suo contratto un ottimo affare x la squadra che lo prenderà , a cifra diverse , + basse , dell ingaggio attuale , ed avendo capito quale può essere il suo apporto , ora come ora non puo scelgliere/decidere dove andare .
    Concordo che Ny oggi non sia il miglior spogliatoio dove essere un bianco europeo poco fisico e con poco carisma .

  • Procionide

    Maurizio74
    Corretto, bisogna solo capire se sarà la Mens Sana Siena o l’Olimpia Milano…

    low profile
    Hai ragione, è Bosh che se n’è andato, xmq il senso era che dopo Bosh lui ha avuto il ruolo di stella.

  • hanamichi sakuragi

    concordo con brazz e procionide.. aggiungo un’ altra cosa di italano deluso.
    da 1° violino non si trovava perchè non reggeva la pressione
    da 2°non andava bene perchè bosh volevo tutto il gioco per lui..
    mo da 3° /4° non va bene deve tornare a fare il 2° violino?

    più che una mozzarella è una burrata.

  • mad-mel

    Dai ragazzi….qui non siamo onesti nel giudizio perche Bargnani e italiano. Il ragazzo non e da nba e stop. Con i se e i ma non si va da nessuna parte. No difende non prende rimbalzi ma soprattutto mentalmente e una mezza pippa. Il campionato italiano e la sua giusta dimensione. Ci sara un motivo se nessuno era contento del suo arrivo al msg.
    una delle prime scelte peggiori della storia.

  • Lemmy

    Concordo. Prima scelta “avventata” (se non proprio buttata nel cesso); però tenete conto che ci fu un magico allineamento astrale che lo portò ad essere chiamato con la 1 da Stern, poichè:

    1) Era il tempo in cui Nowitzki faceva sfracelli, e lui era, dopotutto, quello che più ci assomigliava;

    2)Gherardini ci mise del suo, e non poco, affinchè Toronto lo scegliesse alla uno;

    3)C’era quel simpaticone di Colangelo al comando (che non ne azzeccò una, leggasi UNA, con i Raps).

    Può essere un buon role-player/stella-in-Europa. Punto. Ci siamo fatti troppe seghe, da connazionali, su di lui. Adesso è il momento di guardare in faccia la realtà.

  • tom

    serio candidato al most improvvisato player of the year

  • ILoveThisGame

    Barganani non è un giocatore NBA fa sorridere, sono 2 anni che non riesce a trovare la sua dimensione ma al suo tempo i 20 di media li ha messi. Se uno che ne mette 20 di media in NBA non è da NBA allora non so quanti giocatori lo sono, è solo questione di trovarsi nel giusto contesto è uscire dal blocco mentale in cui è. Ora le sue prestazioni sono ridicole sotto alcuni aspetti ma il talento c’è, in un sistema con una squadra nella quale l’ala piccola e il centro prendono rimbalzi al suo posto tenerlo 25 min in campo ci può stare eccome, non sarà mai un difensore decente ma di tele-pass con un buon attacco è che quindi trovano spazio c’è ne. Aspettiamo almeno che NY entri un minimo in forma è vediamo se riusicrà a essere un minimo protagonista o no.