Anthony convoca i suoi: “Svegliamoci!”

Il leader dei Knicks ha voluto parlare a quattrocchi con i suoi compagni di squadra e nella notte c’é stata la reazione a Charlotte.

Stanotte i New York Knicks hanno messo in scena un’ottima prova contro i Charlotte Bobcats, si è visto un grade Andrea Bargnani (27 anni), il tiro da 3 punti ha funzionato ed è stato decisivo in più il solito Carmelo Anthony (28 anni) che, dopo il K.O interno proprio con i Bobcats aveva preso da parte i suoi compagni di squadra.

Infatti Melo ha voluto parlare/confrontarsi con i suoi compagni dopo il difficile avvio condizionato anche dal K.O di Tyson Chandler (31 anni): “Abbiamo chiuso la porta e abbiamo parlato, abbiamo cercato di capire cosa nonna e come poterne uscire” ha dichiarato l’ex Syracuse al New York Post, aggiungendo: “Non stiamo giocando come sappiamo, speriamo che la conversazione che abbiamo sostenuto sia stata importante e abbia fatto capire a tutti cosa si deve fare.” concludendo: “Anche se è presto, ci sono cose che dobbiamo sistemare e fissare ora!”

Dopo appena 5 partite i Knicks sono 23esimi per efficienza offensiva (punti per possesso, ndr) e quinti per punti concessi (93.4)  inoltre i punti di forza della passata stagione, il tiro da 3 e le poche palle perse, in questo inizio di stagione stanno venendo meno: 33% dietro l’arco e 15.8 perse ad uscita.

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • alert70

    Vedremo se l’effetto Cats durerà o sarà stato un fuoco di paglia.

  • Magic

    Perlomeno l’atteggiamento di Melo è da leader vero: prima convoca i compagni (immagino i discorsi da Nobel, visto lo spogliatoio) e poi li guida con una prestazione in cui dimostra di saperla passare eccome la palla…quando vuole.
    Bargnani può essere l’ago della bilancia di questa stagione: domani esame Spurs a scuola di Duncan. Se lo passasse sarebbe interessante…

  • low profile

    In siutazioni normali Duncan non dovrebbe prendere Barg , di fatto non ho la più pallida idea del piano di Pop. La norma è che Splitter si fa il culo in single coverage sul lungo più offensivo e ancor di più se è anche quello più mobile, Duncan ultimamente fa da libero facendo valere il suo inimitabile senso dell’aiuto a centro area. Ora dubito che TD segua Melo a spasso per il campo e credo che l’ultima versione di Diaw 2.0 sia perfetta per farlo faticare sia in attacco che in difesa( roba da non crederci Diaw sta tirando!!!) in sostanza sono molto curioso di vedere il game plan di domani perche a livello tattico se ne dovrebbero vedere delle belle.