Boston e Irving sulla sirena! Indiana è 7-0!

Green realizza il buzzer-beater dell’anno a Miami, Irving al 3° tentativo stende Phila, Clippers bestia-nera di Houston Indiana vola anche a Brooklyn (7-0)!

 

 

Toronto Raptors – Utah Jazz 115-91
TOR: Gay 11, Johnson 7 (11 rimb), DeRozan 18, Valanciunas 14, Hansbrough 23
UTA: Favors 17, Kanter 14, Hayward 24, Burks 17

L’uniforme camo porta bene ai Raptors che battono senza problemi i Jazz con un ottimo Tyler Hansbrough; partita già in cassaforte dopo i primi 24’ sul +26 per i canadesi (62-36).

Atlanta Hawks – Orlando Magic 104-94
ATL: Carroll 12, Millsap 18 (11 rimb), Horford 15, Korver 14, Teague 19 (13 ass), Scott 17
ORL: Maxiell 12, Afflalo 21, Nelson 13, Nicholson 13

Il duo Horford-Millsap riesce ad annullare dal campo Nikola Vucevic (7+6) e gli Hawks battono i Magic; match tirato che trova la sua svolta a 3’38” dalla sirena finale quando Horford da il via ad un break di 10-0 che porta Atlanta da -1 a +9 (97-89) a 1’46” dalla fine.

Brooklyn Nets – Indiana Pacers 91-96
BKN: Pierce 15, Lopez 16, Johnson 17, Williams 17 (10 ass)
IND: George 24, West 18, Hibbert 15, Stephenson 15

Come un rullo compressore i Pacers non si fermano neanche a Brooklyn conquistando la 7^ vittoria in altrettante partite; Pacers anche fortunati perché nell’ultimo minuto hanno rischiato diverse volte l’overtime, prima George scippa Deron Williams con i Nets che attaccavano sul -3 (91-94), poi lo stesso George restituiva il favore perdendo palla e consentendo a Joe Johnson di tirare da 3 per il pareggio, la guardia dei Nets sbaglia e a 9” dalla fine West chiuderà i giochi.

Cleveland Cavaliers – Philadelphia 76ers 127-125 2OT
CLE: Thompson 19 (10 rimb), Varejao 13 (10 rimb), Waiters 24, Irvig 39 (12 ass), Jack 20
PHI: Young 29, Turner 31 (10 rimb), Hawes 13 (11 rimb), Carter-Williams 21 (13 ass), Morris 12

I Cleveland Cavaliers riescono a prendersi la loro rivincita sui Sixers ma dolo ben 2 tempi supplementari e con un canestro a fil di sirena di Kyrie Irving; il 1° overtime lo conquista Philadelphia, Thompson fa 1/2 dalla lunetta a 10” e Thaddeus Young pareggia 5” più tardi impattando a quota 107, niente buzzer-betaer per Irving. Ancora Philly anche nel 2° OT, ava in controllo ma alzano le mani dal manubrio troppo presto, parziale di 7-0 e nuovo pareggio sul 116-116 e di nuovo niente buzzer-betaer per Irving. Ultimo extra-time, sempre gli ospiti agguantano il pareggio a 11” con una bomba di Carter-Williams (125-125) ma stavolta il #2 dei Cavs a 6 decimi trova il layup della vittoria!

Miami Heat – Boston Celtics 110-111
MIA: James 25 (10 rimb), Bosh 20, Wade 18, Chalmers 10, Andersen 10, Beasley 10
BOS: Green 24, Bradley 17, Crawford 15, Sullinger 12

A Miami prima sconfitta interna dell’anno per gli Heat arrivata proprio sulla sirena dalle mani di Jeff Green; sconfitta sanguinosa e sulla coscienza di Dwyane Wade, proprio il #3 a 6 decimi dalla fine sul +2 Heat (110-108) va in lunetta ma fa 0/2 (2° sbagliato apposta senza prendere il ferro!!!), rimbalzo Celtics, rimessa lato, cross nell’angolo per Green che segna uno dei canestri più improbabili della sua carriera ma che va a segno!

Houston Rockets – Los Angeles Clippers 94-107
HOU: Parsons 23, Howard 21, Harden 12, Beverley 19
LAC: Griffin 22, Jordan 12 (18 rimb), Redick 22, Paul 14 (14 ass), Crawford 16, Collison 10

I Clippers tornano a vincere si confermano bestia-nera dei Rockets, sconfitti ancora e per giunta in casa con Harden da 4/15 dal campo; Dopo un inizio complicato L.A trova le misure all’attacco dei Rockets e a metà del 3° quarto uccide la partita, Hiouston perderà 4 palle su 5 possessi offensivi scatenando l’attacco dei Clips che dal -11 (60-71) si porterà fino al +7 (71-78) dopo 2’ dell’ultima frazione! A mettere la parola fine ci penserà Jamal Crawford, sua la boma del +10 (85-95) a 3’30” dalla fine.

Memphis Grizzlies – Golden State Warriors 108-90
MEM: Prince 10, Randolph 23 (11 rimb), Gasol 18, Allen 12, Conley 20, Miller 15
GSW: Iguodala 19, Lee 13, Thompson 12, Curry 22

Torna Steph Curry nelle file dei Warriors ma Zach Randolph gioca alla Zach Randolph aiutando i Grizzlies a battere Golden State; dopo esswersi fatti rimontare 14 nel 2° quarto, i Grizlies mettono in scena un 3° quarto con i fiocchi da 36 punti con 13/19 dal campo (68%) che li ha spinti sul +13 (90-77) a fine frazione.

Milwaukee Bucks – Dallas Mavericks 83-91
MIL: Butler 19 (13 rimb), Mayo 28
DAL: Marion 14, Nowitzki 16, Ellis 18, Carter 13, Blair 7 (11 rimb)

Monta Ellis sempre più uomo squadra a Dallas, nella notte era l’ex di turno a Milwaukee e non ha deluso; i texani dominano il match toccando anche il +19, Milwaukee non si perde d0animo e ad inizio 4° periodo ha la palla per il possibile pareggio sul 67-70, Crowder intercetta un passaggio di Knight e da via ad un mini-break di 6-0 che aggiusta le cose per Dallas, i Bucks non torneranno più in partita.

Sacramento Kings – Portland Trail Blazers 85-96
SAC: Cousins 33 (12 rimb), Thomas 12, McLemore 13
POR: Batum 12, Aldridge 22 (14 rimb), Lopez 12, Matthews 21

Nel back-to-back tra Portland e Sacramento sono ancora i Blazers a sorridere grazie alla doppia-doppia di LaMarcus Aldridge (22+14); decie il 3° periodo da 16-24 per gli ospiti che entrano nell’ultima frazione sul +15 (54-69), Sacramento non riuscirà mai ad andare sotto i 7 punti di svantaggio.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • docpretta

    LOL la non notizia è che ny è il regno dell’ anarchia tattica. Squadra di campioni da figurine panini

  • ILoveThisGame

    imbarazzo NY, squadra apparentemente senza senso dove anche i giocatori più talentuosi faticano ad emergerere, Iman è una possibile top guardia in prospettiva ma senbra già mezzo involuto perchè impiegato male nel sistema, per non parlare di tutti gli altri giocatori, non c’e nessuno che riesce ad esprimersi al massimo.Comunque il problema principale per me rimane il PM, con Felton che non da ordine all’attacco e non dfende non vai da nessuna parte.

  • Gasp
    Ronaldo all’Inter non ha mai avuto problemi di peso non scherziamo, ha iniziato ad averli al real madrid.