Indiana si ferma a Chicago, Irving 41, ok Clips!

Indiana perde la prima partita stagionale e lo fa a Chicago, Irving 41 nella capitale, Atlanta vince a NY, vittorie facili per Pelicans, T-Wolves e Rockets.

 

 

 

Charlotte Bobcats – Miami Heat 81-97
CHA: Henderson 13, Walker 22, Taylor 14, Sessions 11
MIA: James 30, Andersen 10, Beasley 15

Altro trentello per LeBron James con 13/18 dal campo nel comodo successo Heat a casa dei Bobcats; Charlotte sta bene in partita per 26’ (47-47 dopo 2’ del 3°) poi Miami e James cambiano marcia e scappano via, il break di 8-0 a metà del 4° ha chiuso definitamente il match sul +17 Heat (72-89).

Orlando Magic – Dallas Mavericks 100-108
ORL: Harkless 12, Vucevic 16, Afflalo 25, Nelson 15, Oladipo 10
DAL: Marion 11, Nowitzki 18, Ellis 19, Calderon 11, Carter 12, Blair 18

I Mavericks mandano 6 giocatori in doppia-cifra a referto nel successo eterno sul campo dei Magic; match girato verso la fine del 1° quarto quando, dopo 4 perse consecutive, Orlando ha subito un parziale di 11-0 finendo dal +2 al -9 (22-31), Dallas ha controllato il match fino alla fine.

Washington Wizards – Cleveland Cavaliers 96-103 OT
WAS: Webster 14, Nene 24, Gortat 12 (11 rimb), Beal 28, Wall 9 (12 ass)
CLE: Clark 11, Thompson 15 (12 rimb), Irving 41, Jack 13

Dopo le dure critiche dei giorni scorsi e il duro scontro nello spogliatoio i Cleveland Cavaliers e Kyrie Irving danno un forte segnale a espugnano Washington dopo un tempo supplementare, 41 punti per il #2 con 14/28 dal campo; Wizards che potevano chiuderla nei regolamentari se solo Nene avesse fatto 2/2 dalla lunetta a 24”, il suo 1/2 è valso il 90-90 , fortuna che Beal ha rubato palla a Irving nell’ultimo possesso. Nell’overtime Kyrie si riscatta realizzando 9 dei 13 punì di squadra!

New York Knicks – Atlanta Hawks 90-110
NYK: Anthony 23 (12 rimb), Bargnani 16, Shumpert 11
ATL: Carroll 10, Millsap 14 (13 rimb),Horford 12, Korber 15, Teague 16, Ayon 10, Scott 11, Mack 12 (12 ass)

Italian Job: Bargnani 16 pt (4/7, 1/4, 5/6), 9 rimb (4 off), 2 ass, 2 perse, 2 stop

In un match cromaticamente parlando inguardabile (arancioni Vs rossi!) gli Atlanta Hawks sbanca il il Madison Square Garden con ben 8 giocatori in doppia-cifra, vana la quassi doppia-doppia del Mago; Hawks che controllano il match sin dall’inizio, Ny sta a contatto ma e nel momento più importante (69-74 a 2’20”) brucia ben 5 tiri mentre gli Hawk spareranno 2 triple con Martin e Scott (sulla sirena) per il +11 (69-80), i Knicks non riusciranno più a rientrare.

Chicago Bulls – Indiana Pacers 110-94
CHI: Deng 23, Boozer 13, Butler 10, Rose 20, Hinrich 13, Gibson 15, Dunleavy 10
IND: George 12, West 13, Hibbert 14 (10 rimb), Stephenson 12, Hill 11, Copeland 13

La striscia degli Indiana Pacers è finita e non poteva non concludersi in quel di Chicago (chiedere a Miami l’anno scorso) dove Luol Deng e il rientrate Derrick Rose hanno combinato per 43 punti; incontro segnato dal break di 10-0 avvenuto subito ad inizio partita che ha spinto i padroni di casa sul +10 (15-5), Indiana ha inseguiti per urto i match senza mai dare fastidio ai Bulls visto anche la serata poche diffidante di Paul George (3/14 dal campo).

Houston Rockets – Denver Nuggets 122-111
HOU: Parsons 20, Jones 14 (12 rimb), Howard 25, Harden 17, Beverley 11, Lin 16, Motiejunas 12
DEN: Hickson 13, Lawson 28 (17 ass), Chandler 14, Mozgov 9 (10 rimb)

Italian Job: Gallinari DNP

Dwight Howard chiude con 25 punti (17/24 ai liberi!) e i Rockets battono senza difficoltà i Nuggets malgrado la super doppia-doppia di Ty Lawson; all’intervallo il tabellone luminoso recita 63-46 Rockets dopo aver toccato anche il +21, Denver abbozza una reazione fino ad arrivare al -7 (66-59), ma un 7-0 firmato Parsons, Beverley e Jones rimetterà le cose a posto per i texani sul 73-59.

Minnesota Timberwolves – Boston Celtics 106-88
MIN: Love 23 (12 rimb), Pekovic 20 (12 rimb), Martin 20, Cunningham 12, Barea 13
BOS: Bass 15, Faverani 9 (14 rimb), Bradley 27, Crawford 10

Tre giocatori sui 20 punti, due doppie-doppie compresa la classica di Kevin Love e Minnesota passeggia sui Celtics; dopo un inizio a rilento e un intervallo chiuso sopra 55-50, i T-Wolves trovano la soluzione col doppio-PG (Barea-Rubio) e il 3° quarto reciterà 34-20 Minny per il 1+ 19 (89-70).

New Orleans Pelicans – Philadelphia 76ers 135-98
NOP: Aminu 10, Davis 13, Gordon 19, Holiday 14 (12 ass), Evans 15, Anderson 26, Roberts 14, Rivers 12
PHI: Young 11, Hawes 14, Anderson 11, Wroten 19, Morris 20

Tutto fin troppo facile per i Pelicans sui Sixers con Ryan Anderson autore di 26 punti con 6/10 da 3; match mai iniziato, dopo 12’ il vantaggio di New Orleans è già 34-22 e all’intervallo sarà di 21 punti sul 67-46.

Milwaukee Bucks – Oklahoma City Thunder 79-92
MIL: Middleton 14, Udoh 11 (11 rimb), Mayo 22, Pachulia 7 (13 rimb), Henson 10
OKC: Durant 24, Ibaka 15 (20 rimb), Westbrook 26, Jackson 11

La “Premiata Ditta” ne registra 50 a referto, Serge Ibaka cattura ben 20 rimbalzi e OKC va a in quel di Milwaukee; i Bucks alzano bandiera bianca sono nell’ultimo periodo quando, su 73.77 a 6’11”, i Thunder trovano un mini-break di 6-1 per il +9 (74-83) a 3’25” dalla sirena finale.

Golden State Warriors – Utah Jazz 102-88
GSW: Iguodala 16, Lee 13, Bogut 12 (11 rimb), Thompson 25, Curry 15 (11 ass), Barnes 11
UTA: Jefferson 12, Favors 17, Kanter 10, Hayward 14, Williams 14

Anche a Golden State la partita è stata segnata nel 1° quarto con i Warriors che sposo scappati sul 19-6 grazie ad un 11-0 scaturiti da 6’ di totale blackout offensivo degli ospiti.

Los Angeles Clippers – Brooklyn Nets 110-103
LAC: Griffin 30 (12 rimb), Jordam 9 (16 rimb), Redick 26, Paul 12 (13 ass), Crawford 13, Mullens 10
BKN: Anderson 15, Blatche 19, Johnson 13, Livingston 11, Plumlee 19, Taylor

Decima partita consecutiva in doppia-doppia per Chris Paul che ha guidato i Clippers con le seconde linee dei Nets visto le assenze di Pierce, Garnett, Lopez e Deron Williams; malgrado queste assenze i Nets a 3’25” dalla fine sono in partita doto solo di 1 (93-92), a togliere le castagne dal fuoco ci pena a prima J.J Redick con una tripla e poi il duo Paul-Griffin per un tolta e di 9-2 che vale il +8 (102-94) a 1’38” dal termine.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B