Spurs e Blazers di forza, ok Lakers, Rose K.O!!!

San Antonio piega Memphis, Portland supera i Bulls (Rose K.O!) come i Lakers i Warriors, ok Pacers e pelicans, mentre è crisi per Detroit e Brooklyn!

 

 

 

Charlotte Bobcats – Phoenix Suns 91-98
CHA: McRoberts 10, Henderson 17, Walker 16, Sessions 15
PHX: Tucker 17, Frye 20, Plumlee 4 (11 rimb), Green 14, Dragic 14, Markieff Morris 11

I Suns passano a Charlotte e resistono all’assalto finale dei padroni di casa; con un 10-0 rifilato nei primi 4’18” del 4° periodo i Suns toccano il massimo vantaggio sul +21 (63-84), i Bobcats cercheranno di rimontare ma riusciranno solo ad arrivare sul -5.

Philadelphia 76ers – Milwaukee Bucks 115-107 OT
PHI: Turner 27, Hawes 25 (12 rimb), Anderson 12, Carter-Williams 12 (11 ass), Thompson 16
MIL: Butler 38, Ilyasova 19, Neal 10

Philadelphia interrompe la striscia di 4 K.O consecutivi battendo i Bucks dopo un tempo supplementare vani i 38 punti di Caron Butler; Sixers salvati ad 1” dalla conclusione del match da una tripla di Spencer Hawes per il 102-102 ma, in precedenza, sanguinoso 1/2 dalla lunetta per Luke Ridnour. Nell’extra-time Milwaukee subisce il colpo, 13-5 il parziale dei 5’ supplementari.

Toronto Raptors – Washington Wizards 96-88
TOR: Nene 10 (10 rimb), Beal 17, Wall 37
WAS: Gay 17, Johnson 14, Valanciunas 11 (13 rimb), DeRozan 17, Lowry 12, Ross 11

John Wall fa registrare la sua miglior prestazione annuale (37 punti con 15/21 dal campo) am sono i Raptors a vincere col solito duo Gay-DeRozan (17+17); malgrado un 3° periodo che li ha visti soccombere 15-32 (66-70 alla sirena), nel 4° quarto i canadesi hanno reagito con un parziale di 17-3 che li portati sul +10 (83-73) a metà frazione, Washington proverà a rimontare ma Toronto resisterà.

Boston Celtics – Indiana Pacers 82-97
BOS: Green 20, Sullinger 13, Crawford 24
IND: George 27, West 17, Stephenson 10 (11 rimb, 10 ass), Scola 17

Il solito Paul George e la tripla-doppia di Lance Stephenson lanciano i Pacers sul campo del Celtics per l’11^ vittoria stagionale; Boston deiste chiudendo avanti 50-42 il primo tempo ma gli ospiti sferrano il colpo del K.O negli ultimi 5’ del 3° quarto, break di 12-2 (8-25 il parziale dei 12’) per il +9 (58-67), poi il 9-0 a metà del 4° chiuderà definitivamente i giochi sul +16 (66-82).

Detroit Pistons – Atlanta Hawks 89-96
DET: Singler 22, Monroe 11 (11 rimb), Drummond 15 (16 rimb), Jennings 8 (14 ass), Stuckey 17
ATL: Carroll 12, Millsap 14, Horford 17 811 rimb), Korver 14, Teague 18

Italian Job: Datome DNP

Niente da fare per Josh Smith (19’ per 0 punti) che noni riesce a prendersi la rivincita contro i suoi Hawks, vincenti al Palace; la giocata decisiva porta il nome di Jeff Teague che a 100” dal termine, sul +3 Hawks (89-92) e possesso Pistons, stoppa Brandon Jennings e sul capovolgimento l’alzerà per la schiacciata di Al Horford per il +5 Atlanta a 1’37” dal termine.

Memphis Grizzlies – San Antonio Spurs 86-102
MEM: Prince 10, Randolph 16 (10 rimb), Allen 12, Conley 28
SAS: Leonatd 12, Splitter 17, Parker 20, Ginobili 15

Italian Job: Belinelli 9 pt (3/4, 1/3 da 3), 3 rimb (1 off), 2 ass, 1 persa

San Antonio centra la 9^ vittoria consecutiva andando a sbancare niente meno che il FedEx Forum di Memphis; Spurs sempre al comando delle operazioni toccando anche il 14, Memphis reagisce e arriva fino al -1 (78-79) a 6’38” dalla fine, Tony Parker decide che tocca a lui e realizza 6 degli 8 punti a 0 di break col quale San Antonio rimetterà le cose a posto.

Minnesota Timberwolves – Brooklyn Nets 111-81
MIN: Brewer 15, Love 17 (16 rimb), Pekovic 15, Martin 17, Rubio 12
BKN: Johnson 15, Blatche 16, Anderson 11, Taylor 1

Partitella di allenamento per i T-Wolves contro i Nets che non sono mai scesi in campo; dopo solo i primi 12’ Minnesota guida 30-14 con Love autore di 9 punti più il layup sulla sirena, all’intervallo il vantaggio sarà di 20 punti (57-37).

New Orleans Pelicans – Cleveland Cavaliers 104-100
NOP: Davis 17 (13 rimb), Smith 11, Gordon 19, Holiday 15 (11 ass), Evans 19 (10 rimb), Anderson 13
CLE: Thompson 12, Irving 22, Jack 19, Waiters 14, Clark 11

I New Orleans Pelicans battono in volata i Cavaliers con le prodezze delle loro stelle, non è bastato il contributo dell’ex di giornata Jarrett Jack per i Cavs; a 31” dalla fine Eric Gordon spara la bomba del sorpasso sul 100-98, sul capovolgimento Anthony Davis stoppa Irving e negli ultimi 19” Evans e Holiday faranno 4/4 dalla lunetta per assicurare la W finale.

Dallas Mavericks – Utah Jazz 103-93
DAL: Marion 10, Nowitzki 18, Dalembert 18 (12 rimb), Ellis 26, Blair 11
UTA: Favors 13, Hayward 13, Williams 19, Burks 11, Evans 14

Il duo Ellis-Nowitzki funziona che è una meraviglia, altra vittoria per i Mavs anche se l’avversario non era dei più irresistibili; i Jazz ci provano e nel 4° periodo si portano sul -5 con 4’41” dal giocare, torna Nowitzki in campo e parte il break di 7-0 che rientrà la doppia-cifra di vantaggio ai padroni di casa sul 100-87.

Portland Trail Blazers – Chicago Bulls 98-95
POR: Batum 17, Aldridge 12, Lopez 13 (16 rimb), Matthews 28, Lillard 20
CHI: Deng 15 (14 rimb), Boozer 16, Dunleavy 11, Rose 20

I Portland Trail Blazers sono una squadra tosta e la vittoria in rimonta stanotte contro i Bulls è quella che nel college chiamano “quality win”; a metà del 2° quarto sembra finita per i Blazers che sono sotto di 21 punti (27-48), nei successivi 18’ Portland piazzerà un parziale di 51-23 entrando nel 4° quarto avanti 78-71! Il finale è punto-a-punto con Matthew sche realizza il jumper del sorpasso sul 96-95 a 1’37” dalla fine, poi nessuna delle due segnerà più con Chicago che si mangerà 3 canestri (2 Hinrich e 1 Dunleavy) più un’infrazione dei 24” a 12” dal termine, Aldridge va in lunetta per il +3 e sulla sirena Deng non troverà la tripla del pareggio.
Il tutto con Derrick Rose di nuovo infortunato al ginocchio (nessun contatto!), costretto a lasciare il campo nel secondo tempo!

Los Angeles Lakers – Golden State Warriors 102-95
LAL: Hill 10, Gasol 24 (10 rimb), Blake 14, Young 21, Farmar 14
GSW: Barnes 20, Lee 21 (13 rimb), Bogut 12 (13 rimb), Thompson 19, Green 12

Senza ancora Steph Curry i Warriors devono chinare la testa e stavolta davanti ai Los Angeles Lakers della “Strana Coppia” Gasol-Young: a 4’22” dalla sirena della terza frazione Iguodala trova la tripla del pareggio a quotab63, si infortuna al ginocchi Xavier henry e da quel momento 15-0 Lakers per il +15 realizzato con una bomba di Shawne Williams dopo 27” del 4° periodo, 78-63 L.A che manterranno fino la fine.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA.
Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12.

Nickname: F.M.B

  • cuni

    Super pessima… L’ho letto su rotoworld comunque

  • low profile

    Gasp

    Si salvi chi può!

    Senza Marc le azioni dei grizz precipitano in picchiata, occhio all’ottavo posto ad ovest che mai come quest’anno è senza padrone annunciato

  • shaq4ever

    alert
    sicuro? io trovo poche news su gasol ma ho letto di 10 settimane di stop. comunque non poche, significa febbraio

  • julius

    beh…un collaterale non è la fine del mondo. quando si teme un crociato, è una diagnosi che ti fa tirare un sospiro di sollievo.
    certo, dipenderà dall’entità del danno, ma in un omone simile ci vorrà un pò di più del solito, ma poi si torna come nuovi o quasi