Karl attacca Iguodala: “Era la talpa di Jackson!”

L’ex coach dei Nuggets non ci è andato leggero nel commentare il suo ex giocatore, ritenuto di essere una spia del coach dei Warriors.

Dal suo infortunio i Golden State Warriors hanno subito una brutta imbarcata, infatti senza Andre Iguodala (29 anni) i Warriors (inclusa la sconfitta contro i Lakers) hanno vinto una partita nelle ultime 5, l’ex Philadelphia è stati recentemente attaccato dal suo ex allenatore ai tempi dei Nuggets, George Karl!

Nella serie di Playoffs del 1° turno persa l’anno scorso (4-2)contro i Warriors Iguodala non spiccò nelle file dei Nuggets tanto che dice il ben servito dopo solo una stagione per approdare proprio a Golden State, quando a coach Karl è stato chiesto se pensava che Iguo fosse la talpa di Mark Jackson la risposta è stata emblematica: “Assolutamente!” aggiungendo: “In quella serie Mark (Jackson, ndr) aveva molti trucchi nella manica, non so dove li avesse,  questi trucchi magari hanno funzionato per motivare il suo giovane team a fare bene, lui annunciava un quintetto base e poi alla palla a due cambiava alcuni giocatori”.

A dar maggior convinzione a Karl furono le parole dello stesso Jackson quando disse: “Ho ottenuto delle informazioni sul fatto che ad alcune persone non piaceva quel tipo di gioco (riferito ai suoi Warriors e al gioco sporco dei Nuggets su Steph Curry)”.

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • in your wais

    IgoudalaGate…se fosse vero, sarebbe davvero un figlio di troia….

  • marco-nba evolution

    iguodalagate è bellissimo

  • shaq4ever

    a me sembra una stronzata detta da un coach che, dato per favorito, le ha prese da un coach più giovane che motivando i suoi giovani alla grande, gli ha fatto il culo e per questo è stato mandato a casa

    se poi parla così senza prove sarebbe pure passabile di denuncia

  • Ferez

    se incominciamo a credere al complotto anche nel basket, allora il mondo è davvero andato a puttane.

  • michele

    mah, karl è sempre stato un gran signore….ricordo dopo un nuggets-spurs in cui il canestro della vittoria di melo fu annullato per uno sfondamento molto controverso di anthony su ginobili, disse che il fallo c’era ed era stata una corretta decisione arbitrale. perchè dovrebbe inventarsi di sana pianta questa storia? tra l’altro è una curiosa coincidenza che poi igoudala sia andato proprio a giocare ai warriors.

  • shaq4ever

    Iguodala è andato ai warriors solo dopo che dwight, tentato, ha rifiutato. Quindi dubito avesse già il contratto firmato o la condizione “ti firmo se ci fai vincere”..

    Tanto più che le prove di coach karl sono “mark aveva degli assi nelle maniche”.. Ah beh, se un allenatore legge una situazione e cambia gioco per adattarsi (cosa per cui è lautamente pagato) è sicuramente perché c’è una spia..

  • in your wais

    Boh…Karl lo ritengo un signore, poi ovvio che rosica come tutti…poi ok nn credere ai complotti, ma credere che la NBA solo perchè ci piace sia roba da educande, o che nn esistano porcate pure lì…

    Allo stesso tempo, mi chiedo il vantaggio di dare ai Warriors qualche dritta, solo perchè l’anno dopo si va a giocare da loro…che ne so, è come se in finale di Coppa dei Campioni quest’anno, un paio di giocatori del Borussia avessero deciso di giocare di merda, solo perchè tanto l’anno dopo andavano al Bayern (come realmente successo)

    Quando sei lì provi a vincere, te ne freghi di dove giochi l’anno dopo

  • MezaMavs

    Quoto IYW!

    Se sei lì provi a vincere, te ne sbatti se l’anno dopo giochi nella squadra che affronti!