Woodson ai suoi: “Problemi? Parlatene a me!”

Atmosfera rovente in casa Knicks dopo le ultime, e continue, sconfitte della squadra di coach Woodson con il mirino puntato su Melo!

Il nostro Adrien era stato facile profeta e di fronte alle prime, previste, difficoltà lo spogliatoio Knicks si è incendiato in un istante, visti anche i personaggi che lo frequentano. Già nei giorni scorsi qualche giocatore di New York parlando con i media aveva individuato nella mancanza di movimento della palla la principale responsabilità di questa lunga serie partite perse anche male. E la cosa era piaciuta molto poco a coach Woodson

Secondo quanto riportato da Frank Isola del New York Daily News l’episodio che ha fatto perdere la pazienza all’ex coach di Atlanta è successa nelle interviste dopo la sconfitta, lunedì scorso, contro i Portland Trail Blazers. Nella classica conferenza stampa post gara sia Amare Stoudemire (31 anni) che Iman Shumpert (23 anni) hanno ribadito il concetto: ” Il problema del nostro gioco offensivo è che la palla sta troppo ferma da un lato del campo.”

Secondo coach Woodson queste affermazioni tendono a scaricare le responsabilità  delle sconfitte, e nemmeno in maniera troppo velata, su una persona: Carmelo Anthony (29 anni)

Per il bene della squadra quindi martedì mattina durante l’allenamento che i Knicks hanno svolto nel campus di UCLA Woodson ha parlato chiaro ai suoi giocatori, dopo aver fatto sentire il nastro delle interviste rilasciate nel dopo gara in Oregon: ” Se qualcuno ha qualcosa da dire non deve rilasciare certe dichiarazioni alla stampa. Se si vuole dimostrare di avere leadership bisogna parlare in faccia alla gente magari nello spogliatoio! E questo indipendentemente da colui con cui si crede di avere un problema.”

 

Doc. Abbati

Doc. Abbati

Il diversamente giovane del gruppo, appassionato di motociclismo e, soprattutto, dello sport made in USA , fan dei Lakers, dei Raiders e dei Mets rigorosamente in quest’ordine, seguo il basket NBA fin dagli anni 70 Nickname: Doc.Abbati