Monty Williams: “Tanking? Non a casa mia!”

Il Coach dei New Orleans Pelicans parla del tanking definendolo la peggior cosa che si possa pensare di fare in un team della NBA

La moda del momento nella NBA è parlare del tanking, il giocare a perdere tradotto in parole povere, che secondo molti dovrebbe essere attuato per cercare di arrivare ad avere una scelta elevata al prossimo draft. Per molti è la panacea di tutti i mali, tanto è vero che alcune squadre, vedi Philadelphia Sixers e Phoenix Suns, venivano indicate come candidate serie a record altamente perdenti ben prima dell’inizio della regular season. Abbiamo detto per molti ma fortunatamente non per tutti.

E tra questi spicca il nome di Monty Williams coach dei New Orleans Pelicans. Intervistato domenica da CBSSports, il coach della franchigia della Louisiana ha voluto togliersi dei sassolini dalla scarpa. Alla domanda su come la squadra avesse reagito bene all’infortunio di Anthony Davis (20 anni), 4-3 il record della franchigia da quel momento, quando invece avrebbe potuto pensare “ad altro” Williams ha risposto: “Tankare? non è il mio modo di interpretare il gioco e non lo deve essere della mia squadra. Il tanking è il male peggiore della lega. In fin dei conti tutti noi continuiamo a prendere i nostri stipendi al 100%. E non capisco perchè si dovrebbe giocare a perdere. Non ci pagano per questo, senza contare che molti giocatori ricevono contratti di sponsorizzazione notevoli non certo per non giocare il loro basket. Ed a basket si gioca per vincere!”.

Williams ha continuato parlando dei suoi giocatori e non solo: ” Abbiamo superato i problemi che potevano derivare dall’infortunio di Davis tutti insieme. Non si può pensare di mollare tutto a Novembre/Dicembre nel nome del draft. Abbiamo in squadra giocatori come Ryan Anderson (25 anni), che sta sostiuendo benissimo Davis, ad esempio, come si fa a chiedergli di non dare il 100% in campo? Io non ci voglio nemmeno pensare, siamo una squadra che ha cuore, che vuole tentare di raggiungere i playoff, tutti uniti, ed anche i vertici della franchigia sono d’accordo con me che tankare non può fare rima con Pelicans. Nessuno qui potrà mai portare avanti questo atteggiamento.”

Il coach di New Orleans ha le idee chiarissime, adesso, come sempre, la parola passa al parquet.

 

Doc. Abbati

Doc. Abbati

Il diversamente giovane del gruppo, appassionato di motociclismo e, soprattutto, dello sport made in USA , fan dei Lakers, dei Raiders e dei Mets rigorosamente in quest’ordine, seguo il basket NBA fin dagli anni 70 Nickname: Doc.Abbati