Oklahoma City schianta New York!

Okc interrompe la tradizione negativa di 10 sconfitte filate al X-Mas Day sconfiggendo a mani bassissime ciò che rimane dei Knicks, privi di Carmelo Anthony.

 

 

New York Knicks – Oklahoma City Thunder 123-94
[29-35, 17-25, 21-27]

Knicks Bargnani 9, Chandler 5, Udrih 2, Smith 20, Shumpert 8, Stoudemire 22, Aldrich 1, Murry 6, Hardaway Jr 21
All.: Woodson

Italian Job: Bargnani 9 punti (4/8, 1/1 ai liberi), 2 rimb, 1 ass, 1 persa

Thunder Ibaka 24, Durant 29, Westbrook 14 (13 rimb, 10 ass),  Lamb 13, Jackson 18, Perkins 4, Sefolosha 3, Collison 5, Adams 5, Fisher 4, Robertson 4
All.: Brooks

Top Performance
Rimbalzi: Chandler 9 / Westbrook 13
Assist: Udrih 6 / Westbrook 10
Recuperi: Shumpert 2 / Durant 2
Palle perse: Smith 2 / Jackson 3
Stoppate: Stoudemire 1 / Ibaka 1

MVP: Russel Westbrook (OKC) 14 punti (4/12, 1/3, 3/4) 13 rimbalzi, 10 assist, 1 recupero, 1 persa, 2 stoppate

Recap

Il primo tempo del match natalizio del Madison Square Garden vede in campo praticamente solo OKC (Durant 20 in scioltezza e Ibaka ispiratissimo 17) con New York che dopo un inizio incoraggiante si spegne sia in attacco – lo spigolo del tabellone preso per due volte in 22′ da Beno Udrih dice tutto – con il solo JR Smith a provarci (15 punti ma 6/15 in 24′) e il giovane Timmy Hardaway che, credeteci, crescerà bene e si farà le ossa anche in questa stagione difficile nella Grande Mela. Comunque sia 46-60 a metà gara, se OKC si suicida c’è una partita.

Si ritorna in campo per la terza frazione e la musica sembra un minimo cambiare (52-64 al 28′) con New York che sfrutta i ritmi bassissimi dei Thunder e qualche errore di troppo dal campo da parte di Jackson e Westbrook (6 punti, 10 rimbalzi e 8 assist, già in odor di tripla doppia). 5 punti filati del duo dominante Ibaka-Durant rimette le cose a posto (53-69). La tripla doppia di RW arriva al 30′ con una penetrazione in contropiede (11punti+13rimbalzi+10assist), 58-77 e inizia il garbage time con NY, frustrata, che si perde anche in falli stupidi ed inutili.

Inizia l’ultimo periodo Jackson spara la triplona (67-92, +25) Woodson chiama timeout perchè al madison la gente comincia a fuggire e si rischia il tracollo natalizio totale. Alla fine c’è spazio per tutti, da Steven Adams a Aldrich o Tourè Murry, visto che il destino era segnato forse già dalla palla a due.
Miracolo di Natale rimandato alla gara successiva dello Staples Center.

N.S

N.S

Sangue Romagnolo ma cresciuto 19 anni a Como, si innamora della palla a spicchi nell’ormai preistorico 2001 (militando in squadra con FMB), al Pianella di Cantù per il derby contro i cugini varesotti. Tifoso Lakers, Packers e del Cesena calcio, venera Jason Williams, le IPA fortemente luppolate e la jersey viola dei Raptors di Damon Stoudamire. Nickname: N.S