Atlanta vince dopo 2 OT, Portland abbatte i Clippers

Atlanta è super dopo due OT, gli Spurs fanno loro il derby, Portland fatica ma passa sui Clippers, ok Houston.

 

 

Cleveland Cavaliers – Atlanta Hawks 125-127 2OT
CLE: Thompson 22, Irving 40, Miles 10, Varejao 8 (17 rimb), Waiters 20
ATL: Korver 20, Teague 34 (14 rimb), Horford 25, Millsap 20 (11 rimb), Mack 10

La partita dalle emozioni più forti della notte va in scena alla Quicken Loans Arena di Cleveland. Ai padroni di casa non basta la prova strepitosa di Irving (40) e alla fine dei 48′ di una partita sempre in equilibrio è parità sul 95-95. Nel primo overtime Irving prosegue nel suo show aiutato dalla lunetta da Matthews, ma a pochi secondi dalla sirena è una tripla siderale di Jeff Teague a impattare ancora la parità (108-108) e a mandare tutti a secondo OT, dove inizia il festival delle triple. Irving non sbaglia un colpo ma per gli Hawks hanno la mano torrida sia Teague che Kyle Korver (20) che un gioco da 4 tiene in vita i suoi andati a -5. Finale da sballo: Irving segna il pari sul 125-125 ma sulla sirena ancora Teague scaglia la palla da sei metri che dopo 4 rimbalzi sul ferro entra e manda in delirio Atlanta.

Houston Rockets – Memphis Grizzlies 100-92
HOU: Jones 20, Parsons 15 (11 rimb), Lin 18, Harden 27
MEM: Randolph 23 (17 rimb), Koufos 5 (11 rimb), Conley 11, James Johnson 12

Nonostante un Dwight Howard con problemi ai falli fin da subito e da soli 2 punticini in 18′, Houston ritrova James Harden (27 punti sono un record in Nba avendo tirato 22 liberi con un 2/9 dal campo) ma la scena la rubano Jones e Parsons che vanificano una grande prova di Z-Bo (23+17) e dopo la vittoria natalizia in casa Spurs continuano nella loro marcia.

Dallas Mavericks – San Antonio Spurs 107-116
DAL: Nowitzki 25, Diaw 14 (11 rimb), Calderon 13, Ellis 23
SAS: Duncan 21 (11 rimb), Splitter 12, Parker 23, Diaw 10, Green 22

Italian Job: Marco Belinelli 8 punti (1/3, 1/4, 3/4), 4 rimbalzi, 3 assist, 1 recupero, 2 perse

Non era facile battere dei Mavericks in forma smagliante sul loro campo, ma dopo aver perso il derby con Houston, gli Spurs si rifanno proprio ai danni dei Mvs, nel segno dei soliti Duncan (21+11) e Parker (23) ma soprattutto di Danny Green dalla panchina che tira col 100% dal campo (7/7 per 22 punti) mentre il nostro Belinelli continua nel suo periodo un po’ altalenante. Spurs in vantaggio di circa 8-10 lunghezze fin dal primo periodo di gioco e capaci di amministrarsi anche grazie alla panchina per tutto il match. Vane le prove del solito Nowitzki (25), dell’ex Blair in doppia-doppia quando la panchina produce solo 8 punticini con Dalembert.

Portland Trail Blazer – Los Angeles Clippers 116-112 OT
POR: Aldridge 32 (10 rimb), Batum 19, Lopez 11 (15 rimb), Lillard 14, Matthews 19
LAC: Griffin 35 (11 rimb), Paul 34 (16 ass), Jordan 2 (19 rimb), Barnes 12

Torna subito sul parquet blake Griffin (l’espulsione è stata ritenuta ingiusta) ma sono ancora i blazers a portare a casa la vittoria. Portland a 6′ dalla fine è avanti di 8 lunghezze (91-83) ma una tripla di Griffin e il solito immenso CP3 portano i californiani addirittura sul +3 a pochi secondi dalla sirena finale (98-101) quando una tripla pazzesca di Batum manda tutti al’overtime. Torna a scatenarsi Aldridge che risponde punto a punto a Griffin e Crawford che alla fine troveranno il ferro e permetteranno a Lillard e Matthews di chiudere la contesa dalla lunetta.

N.S

N.S

Sangue Romagnolo ma cresciuto 19 anni a Como, si innamora della palla a spicchi nell’ormai preistorico 2001 (militando in squadra con FMB), al Pianella di Cantù per il derby contro i cugini varesotti. Tifoso Lakers, Packers e del Cesena calcio, venera Jason Williams, le IPA fortemente luppolate e la jersey viola dei Raptors di Damon Stoudamire. Nickname: N.S